Stai leggendo: Reparto Maternità 2: la nascita di Samuele e la difficile situazione post parto

Prossimo articolo: Reparto Maternità 2: il piccolo Davide e le sue difficoltà di sopravvivenza

Letto: {{progress}}

Reparto Maternità 2: la nascita di Samuele e la difficile situazione post parto

Le telecamere di Reparto Maternità 2 ti raccontano la storia del piccolo Samuele, che dovrà affrontare una settimana di ricovero dopo la nascita per un'infezione.

1 condivisione 0 commenti

Reparto Maternità 2 ti permette di entrare nella sala parto dell’Ospedale San Camillo per assistere alla nascita di Samuele.

La mamma è alla prima gravidanza ed è dovuta andare di corsa in ospedale perché il bambino non si è mosso per una intera notte. I medici hanno subito predisposto il ricovero perché è arrivata 40esima settimana di gestazione e il bimbo non accenna a voler nascere. Il travaglio, infatti, si è rivelato subito molto lento e i parenti hanno atteso inutilmente una intera giornata per vedere il piccolo Samuele. Alla fine, il bimbo è nato alla presenza di un papà davvero molto emozionato.

Purtroppo, il piccolo è stato vittima di una infezione e lo staff medico del San Camillo è stato costretto a ricoverarlo nel reparto di neonatologia. I medici lo hanno sottoposto a diversi esami in modo da poter elaborare una diagnosi. A una settimana di distanza dal parto, il piccolo ha superato con successo la fase critica. I primi giorni dopo la nascita sono stati pieni di ansia e preoccupazione per i neogenitori, perché il bambino sembrava versare davvero in una condizione di grande difficoltà.

Appassionati alle storie di Reparto Maternità 2: guarda l’11esimo episodio.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.