Stai leggendo: Il tempo lontano in cui l'estate durava davvero tre mesi pieni

Prossimo articolo: Certe cose a Olivia Pope non succedono mai: dobbiamo imparare da lei

Letto: {{progress}}

Il tempo lontano in cui l'estate durava davvero tre mesi pieni

Vi ricordate sicuramente la vostra adolescenza e la vostra giovinezza. Vi porto nel passato quando la stagione estiva era sinonimo di tre mesi di pura vacanza.

Alessandra Airò

3 condivisioni 9 commenti

C'era un tempo in cui l'estate, sebbene sembri strano crederlo o faticoso ricordarlo, durava tre mesi. Giorno più o giorno meno.

Il tempo in cui l'inizio della stagione della sabbia in ogni paio di scarpe e della frisella come pasto unico era segnato dalle note della sigla di Festivalbar e dalla pubblicità della Coppa del Nonno. Segni inequivocabili che di lì a poco la tua vita sarebbe cambiata. Lo stesso tempo in cui bevevo Baylis con ghiaccio pensando fosse anche figo farlo (oltre che non calorico), ma a discolpa della mia persona posso sostenere che i miei coetanei erano soliti ordinare Angeli Azzurri e B52.

Un tempo fatto di ritornelli che diventavano tormentoni incisi su una cassetta: la stessa che avresti ritrovato nell'ultima fila di un pullman durante un infinito viaggio chiamato gita scolastica. Il tempo dei primi baci dietro la cabina trentasei e mai avresti creduto che quel numero sarebbe diventata la tua età anagrafica. Il tempo di Beverly Hills 90210.

Beverly Hills 90210, serie TV

Il tempo in cui l'unica variante di Cornetto Algida contemplata dal cartellone patinato era la versione magnum, praticamente introvabile per di più. Il tempo dei ghiaccioli alla Coca Cola e degli short che la cellulite pensavi davvero sarebbe stato un pensiero che non avrebbe mai tolto energie alla tua vita.

Il tempo del riposino dopo il mare che, si sa, stanca e del ballo baby il lunedì sera per cui si promettevano ai genitori cose che non si sarebbero mai mantenute. Il tempo in cui il quindici agosto allo scoccare della mezzanotte la tua unica certezza, oltre il bagno in quel mare caldo, era che l’estate era praticamente finita. La stessa mezzanotte dello stesso giorno in cui ora pieghi in malo modo in una valigia qualche costume. Con la stanchezza mista a euforia di chi la sua estate deve ancora cominciarla!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.