Stai leggendo: Liberarsi dei ragni in casa: quali metodi funzionano?

Prossimo articolo: Le piante per attirare api e farfalle e dire addio alle zanzare

Letto: {{progress}}

Liberarsi dei ragni in casa: quali metodi funzionano?

Menta, aceto di mele, coccinelle... possono essere tutti alleati contro l'invasione domestica di ragni.

Una donna spaventata da un ragno sulla parete

1 condivisione 0 commenti

I ragni sono una presenza indesiderata nella maggior parte delle case: vederne sgattaiolare uno anche microscopico su una parete, una tenda o... qualsiasi superficie, scatena spesso reazioni imbarazzanti. E che dire di quando ce li troviamo appesi proprio a pochi centimetri dal naso mentre ci facciamo una doccia, o vicino al lavandino quando stiamo per usarlo? 
Per non parlare di quando allunghiamo una mano per prendere un oggetto da uno scaffale ed è subito avviluppata da ragnatele invisibili: in un attimo siamo Frodo impigliato nella tana di Shelob.

Un'immagine da Il Signore degli Anelli - Le Due TorriNew Line
Ragnatele in casa... Brividi.

I ragni tendono a cercare rifugio dentro casa quando le condizioni atmosferiche all'esterno sono difficili, soprattutto quando fuori piove. E una volta introdottisi nelle nostre abitazioni, cercano gli angoli più bui e difficili da raggiungere, dove possano rimanere indisturbati più a lungo. Comprensibile, dunque, che il mondo si ingegni sempre di trovare rimedi per limitare la coabitazione umano-aracnide: ci sono pesticidi spray, la pulizia ossessiva, la riparazione di crepe e d'ogni altro pertugio dal quale possano introdursi animali indesiderati e poi ci sono rimedi più casalinghi e eco-friendly. Vediamo i più gettonati.

1 - L'olio essenziale di menta

È uno dei rimedi più amati, ma funziona davvero? Non ci sono molte ricerche scientifiche che supportino la teoria per cui l'olio di menta piperita possa repellere o addirittura uccidere i ragni, ma sono numerosissime le persone che ne attestano l'efficacia. In effetti i ragni (e pare anche le formiche) stanno alla larga dagli oli essenziali - non solo di menta - e secondo alcuni lo si deve al forte odore che questi emanano, poiché i ragni annusano e gustano con le zampe, per cui tenderebbero ad evitare di camminare su superfici cosparse di questi oli molto fragranti. Secondo altri la ragione sta nel fatto che negli oli essenziali si rinvengono monoterpeni che (stando a quanto dice uno studio del 2010) sono fumiganti, ovvero agiscono da pesticidi. 

È dunque una soluzione non pienamente supportata a livello scientifico, ma che ha sufficienti basi da poter essere ritenuta credibile. Senza contare che l'olio essenziale di menta è molto più gradevole di tanti insetticidi spray.

Come si utilizza? In uno spruzzino si diluiscono cinque/sei gocce di olio con mezzo litro d'acqua, si aggiunge una punta di sapone per i piatti e si agita per bene. La mistura va spruzzata sugli stipiti delle porte, attorno le finestre, attorno al perimetro di casa e in ogni angoletto in cui i ragni potrebbero nascondersi. Questo tipo di rimedi fai-da-te vanno applicati con maggiore frequenza dei pesticidi comprati in negozio, almeno una volta a settimana e laddove non fosse sufficiente, anche ogni 3/4 giorni.

Inoltre, potreste provare a piantare la menta attorno a casa, o lasciare foglie di menta piperita nei punti in cui circolano più ragni. Rimanendo in tema di piante, anche l'eucalipto può avere la stessa efficacia, ed anche in questo caso si possono sparpagliare foglie in giro per casa, negli armadi e nei bagni.

Menta piperita ed oli essenziali.HDTienh Aut Thien Nhien
La menta piperita è quella con maggior concentrazione di mentolo.

2 - Aceto ed altri repellenti naturali

Aceti: la loro elevata acidità li rende grandi favoriti dei rimedi in questione, ed in particolare si consiglia l'aceto di mele. L'aceto deriva dalla fermentazione dello zucchero contenuto nella frutta, ed il prodotto finale, in cui convergono sali minerali e vitamine, crea quel particolare equilibrio di sapore ed odore molto agre che conosciamo. L'aceto ha una percentuale di acidità che va dal 4 al 7%, e ciò fa sì che, se applicato su una qualsiasi superficie, la componente acida riesca a rimuovere i germi e gli oli presenti su di essa: per questo motivo gli insetti tendono ad evitare il contatto con materiali acidi, preferendo spostarsi in altre zone dove possano cibarsi e riprodursi.

Come si utilizza? Mescolate 230 ml di aceto con un cucchiaino di olio, una manciata di pepe macinato ed un cucchiaino di sapone per piatti, e spruzzatelo in bagno ed attorno porte e finestre.

3 - Arruolare le coccinelle!

Una coccinella su una fogliaHDNational Geographic
Le coccinelle sono sterminatrici di afidi

4 - Rimuovere le ragnatele e lavare le finestre

Sì, è ovvio, ma va ricordato lo stesso: controllare regolarmente la presenza di ragnatele ed eliminarle velocemente è in realtà il metodo più semplice per ostacolare la riproduzione e diffusione dei ragni in casa. Si consiglia anche di lavare per bene le finestre, con tutte le cornici.

Il metodo migliore? Per le ragnatele è l'aspirapolvere, ma vanno bene anche i piumini da spolvero. Per quanto riguarda le finestre, una soluzione di acqua ed ammoniaca è la cosa migliore: una volta lavate in questo modo, attendere che il vetro si asciughi e quindi ripassarlo con il foglio di giornale imbevuto di cherosene. Questa sostanza è infatti altamente volatile ed evapora immediatamente, ma crea una barriera contro ragni, mosche e zanzare.

5 - Gli animali domestici

Ok, non è proprio un rimedio, ma un'indicazione: cani e gatti aiutano a tenere sotto controllo l'invasione di animali indesiderati (topi compresi), anche se non sono necessariamente un'arma infallibile, e nemmeno esente da rischi. I gatti però amano inseguire tutto ciò che si muove, quindi si può contare su di loro appena un ragno osa passeggiare nelle loro vicinanze.

6 - Decluttering

Altro non è che rimuovere il superfluo, gli ammassi di oggetti, liberare insomma ogni cavità e superficie il più possibile, così che ragni ed insetti non abbiano angoletti tutti per loro in cui fare i propri affari indisturbati.

Un assortimento di candele profumateReed & Scents
Molti ritengono che l'odore emanato da candele profumate alla cannella possa cacciare via i ragni.

7 - Poca luce, ma sì alle candele profumate

Molti insetti sono attirati in casa dalla luce, e anche per i ragni succede così, anche se poi una volta dentro preferiscono nascondersi. Quindi per prevenire è sempre bene non lasciare accese le luci quando davvero non servono, ma una volta che i ragni sono già in casa può aiutare accendere candele profumate, per esempio alla cannella. Ormai avrete capito il perché: l'aroma di questa spezia è molto penetrante, e può costituire un deterrente, anche se ci sembra più una scusa per comprare quelle candele che ci piacciono tanto...

8 - Controllare ogni fessura

Se le pareti esterne di casa non sono libere, ma magari da qualche parte crescono rampicanti, o ci sono piante molto vicine, è facile che quelle, con l'aiuto degli agenti atmosferici e del tempo che passa, possano creare qualche fessura o crepa. O magari altri animaletti che vogliono introdursi in casa aprono la strada anche ai ragni.

Cosa fare? Si può chiudere ogni crepa o fessura interna o esterna, insomma ogni pertugio indesiderato, con sostanze sigillanti. Nel caso di ventole nel muro, magari coprirle con delle reti a maglie strette.

Questi dunque i rimedi più apprezzati, non vi resta che scegliere quello che vi sembra più efficiente.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.