Stai leggendo: Reparto Maternità 2: il piccolo Davide e le sue difficoltà di sopravvivenza

Prossimo articolo: Reparto Maternità 2: un fiocco rosa e uno azzurro al San Camillo

Letto: {{progress}}

Reparto Maternità 2: il piccolo Davide e le sue difficoltà di sopravvivenza

Un parto naturale e una gravidanza difficile con parto spontaneo prematuro: guarda il decimo episodio di Reparto Maternità 2 e assisterai a queste due storie.

0 condivisioni 0 commenti

Le telecamere di Reparto Maternità 2 ti portano in sala parto per farti assistere alla nascita del prematuro Davide e di una dolcissima bambina.

Anna, la mamma di Davide, ha dovuto affrontare una gestazione molto complicata. Alla 22esima settimana si sono già rotte le acque. Anna è polacca ed è venuta in Italia grazie a una amica che le ha trovato un lavoro presso una famiglia. Dopo aver incontrato l’amore, ha deciso di rimanere e ha sposato il papà del suo bimbo. Dopo la rottura delle acque, i medici l’hanno ricoverata e l’hanno sostenuta nel tentativo di prolungare il più possibile le settimane di gestazione.

Alla fine, Anna ha avuto un parto prematuro spontaneo alla 26esima settimana. La situazione si è rivelata subito molto delicata e il neonato è stato ricoverato nel reparto neonatale. Secondo i medici, Davide ha avuto da subito buone opportunità di sopravvivenza. La permanenza del piccolo in ospedale è durata 3 mesi e il momento critico è stato felicemente superato.

La seconda mamma, invece, aspetta una bimba, ma nel suo caso la gravidanza è stata più semplice. La neonata è venuta al mondo con un parto naturale e mamma e papà hanno accolto con fierezza la loro bimba bellissima.

Guarda il decimo episodio di Reparto Maternità 2 e lasciati coinvolgere dalle storie dei protagonisti.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.