Stai leggendo: Arabia Saudita: filmata in minigonnna e arrestata, poi rilasciata

Prossimo articolo: Il Regno Unito contro gli stereotipi di genere nelle pubblicità

Letto: {{progress}}

Arabia Saudita: filmata in minigonnna e arrestata, poi rilasciata

Una ragazza saudita, identificata sul web semplicemente come Khulood, è stata fermata dalla polizia per aver condiviso sui social una clip video in minigonna e senza velo per le strade di Ushayqir.

Un fotogramma del video della ragazza in minigonna arrestata in Arabia

0 condivisioni 0 commenti

Najd è una delle zone più conservatrici dell'Arabia Saudita.

Così, quando sul web nelle ultime ore si è diffuso a macchia d'olio il video di una ragazza a gambe nude e con il volto scoperto intenta a passeggiare disinvolta per il sito archeologico di Ushayqir - a una distanza di circa 150 km dalla capitale Riad - è scattata la caccia.

Khulood - è questo il nome della malcapitata - è stata arrestata per aver condiviso su Snapchat la clip in questione, violando alcune leggi fondamentali. Il suo abbigliamento non era consono alle norme del Paese: tutte le donne, straniere incluse, devono indossare in pubblico lunghi vestiti - noti come abaya - e devono avere il volto coperto dal velo.

La legislazione del posto, inoltre, impone che le donne debbano essere sempre accompagnate da un parente di sesso maschile. Le reazioni del popolo del web sono state ovviamente contrastanti: da un lato gli estremisti, dall'altro chi auspica che alle donne vengano riconosciuti maggiori diritti.

Fortunatamente, questa è una storia a lieto fine.

Khulood è stata rilasciata dalla polizia che ha creduto alla sua versione dei fatti. Stando alle sue dichiarazioni, con lei c'era il suo tutore e non sarebbe stata lei a divulgare il filmato, messo in Rete a sua insaputa.

Per la ragazza - nel frattempo diventata famosa in tutto il mondo, un vero e proprio simbolo della lotta per i diritti delle donne in Medio Oriente - sono cadute le accuse di oltraggio alla morale pubblica e non è stato necessario neppure pagare una multa.

Un fotogramma del video di Khulood, arrestata in Arabia SauditaSnapchat

Si tratta di un piccolo segno d'apertura per tutti i sostenitori dei diritti delle donne in Arabia Saudita.

La storia di Khulood è uno spiraglio di luce che fa presagire che la volontà di una società più aperta e moderna del nuovo erede trentenne al trono, Mohammed bin Salman, possa davvero trasformarsi in qualcosa di concreto.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.