Stai leggendo: Aaron Carter: l'arresto per guida in stato d'ebbrezza è diffamazione

Prossimo articolo: Romina Power nell'intervista fiume: Al Bano, la canzone e il passato burrascoso

Letto: {{progress}}

Aaron Carter: l'arresto per guida in stato d'ebbrezza è diffamazione

L'arresto è avvenuto in Georgia, dove il cantante era di passaggio insieme alla ragazza. La verità, però potrebbe essere molto diversa.

Aaron Carter

1 condivisione 6 commenti

Il cantante Aaron Carter e la sua ragazza, Madison Parker, sono stati arrestati lo scorso sabato notte, ma il fratello più piccolo del Backstreet Boy Nick Carter è stato rilasciato su cauzione il giorno seguente.

Le accuse sono di guida in stato d'ebbrezza, possesso di quasi 28 grammi di marijuana e oggetti correlati alla droga nonché ostruzione alla giustizia. Stando a quanto riportato dallo sceriffo di Habersham County, la vettura in cui si trovavano i due ragazzi è stata fermata vicino a Carpenters Cove in Georgia - a circa 100 km a nord di Atlanta - a seguito di una serie di segnalazioni riguardanti un'auto che sbandava per strada: la coppia stava viaggiando dalla Florida verso il North Carolina. Carter infatti avrebbe dovuto esibirsi a Kansas City , ma poco prima dell'arresto il suo team aveva annunciato dall'account ufficiale del cantante su Twitter che il giovane non avrebbe potuto far fede all'impegno "per colpa di problemi di trasporto".

Nelle ultime ore il cantante ha pubblicato uno status in cui diceva "Sto venendo a prenderti, tesoro", probabilmente riferito alla ragazza rimasta dietro le sbarre, seguito da un post in cui ha rilasciato una lunga dichiarazione sull'accaduto, che stando a lui non ha nulla a che vedere con l'alcol o la droga: si è trattato di un problema di convergenza e tutto ciò che ne è seguito è stato solo gossip e diffamazione. Il tweet è accompagnato dalla didascalia: "Grazie per tutte le vostre preghiere. Mi spiace per tutti i fan che non ho potuto incontrare. La verità verrà fuori, leggete la mia dichiarazione".

Aaron stava viaggiando instancabilmente per promuovere il singolo 'Sooner or Later' in tutto il sud-est, quando a seguito del montaggio sulla sua vettura di un nuovo pneumatico si sono rivelati seri problemi di convergenza. Aaron ha guidato fino al primo Auto Zone [un'officina] a Cornelia, Georgia. Dopo essersi recato nel negozio e aver chiesto aiuto per aggiustare l'asse, è stato arrestato nel negozio da diversi agenti. La polizia gli ha anche rifiutato il diritto ad un avvocato. Aaron ha un permesso medico per il consumo di marijuana medicinale a causa del suo comprovato disturbo d'ansia.

Il cantante dichiara anche che si rivolgerà ad un avvocato per l'accaduto, in quanto il video registrato dalle telecamere dell'officina prova che durante l'arresto non si trovava in un veicolo in movimento. È stato preso di mira per il suo status di celebrità. Lui e la ragazza continueranno a viaggiare e si scusano per qualsiasi inconveniente abbiano causato ai fan nelle date del tour cui Aaron non ha potuto prendere parte, e promette che recupererà le serate.

Dopo che la notizia dell'arresto era finita in poco tempo su tutti i giornali, anche il fratello di Aaron, Nick Carter, si era pronunciato sull'accaduto professando affetto per il fratello: "Ti amo a prescindere, e se hai bisogno di aiuto, sono qui, pronto ad offrirtelo" e "La famiglia non è sempre una cosa facile. Siamo tutti qui per te". Queste parole hanno portato il più giovane dei Carter a dedicare l'ultimo paragrafo della sua dichiarazione proprio al biondo Backstreet Boy.

Se il sangue del mio sangue (Nick) si fosse davvero preoccupato per me, perché non mi ha chiamato direttamente e non ha parlato con me invece di trasformarla in una questione su di lui in maniera così plateale? Non mi piace affatto che usi il suo PR e infierisca su me quando sono in difficoltà. Amo la mia famiglia nel bene e nel male.

Considerando che il team di Aaron Carter aveva twittato riguardo a problemi di trasporto prima dell'arresto, stavolta ci vien da credere che una celebrità non stia semplicemente cercando di rimediare ad un brutto colpo all'immagine... che ne dite?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.