Stai leggendo: Disney: come sarebbero i personaggi nel 2017?

Prossimo articolo: Da Biancaneve a Vaiana: l’evoluzione ‘girl power’ delle Principesse Disney

Letto: {{progress}}

Disney: come sarebbero i personaggi nel 2017?

Tom Ward ha realizzato AltDisney, una collezione di vignette riguardo i personaggi Disney nel mondo d'oggi.

8 condivisioni 0 commenti

Se i personaggi dei classici Disney vivessero nel 2017, come sarebbero?

Li abbiamo visti tinti in tutte le salse: versione rock, versione dark, versione teenager. Eppure c’è stato un illustratore che ha pensato bene di usare la propria arte per rappresentare i personaggi più amati dell’universo Disney in una versione odierna.

L’illustratore Tom Ward ha pubblicato sul proprio profilo Instagram Alt Disney, una serie di vignette raffiguranti alcuni dei più famosi film d’animazione Disney in chiave moderna.

Le vignette, infatti, sono la rappresentazione tipica della nostra società, con tutti i pregi e difetti. 

Mi sono chiesto 'Cosa farebbero Simba o Tigger se fossero nel mondo di oggi?' oppure 'Le persone farebbero davvero entrare uno strano bambino nella propria camera da letto?'.

Basti pensare ad Ariel, la bellissima e solare sirenetta dai capelli rossi, che Ward ha posizionato su uno scoglio in mezzo all’oceano inquinato. Tanto è alto il livello tossico del mare che ad Ariel sono spuntate ben due code.

Alice non è più intrappolata nel Paese delle Meraviglie, in cui si sarebbe potuta ingozzare di dolcetti senza mettere un etto, bensì in una realtà ben peggiore: quella del 2017, in cui il peso-forma è tutto ciò che (nella maggior parte dei casi) conta e le uniche cose che si possono mangiare e bere a sazietà sono l’insalata e l’acqua. Per il dolce se ne parla domenica, forse.

New project coming soon... #wip

A post shared by Tom Ward Studio (@tomwardstudio) on

Pinocchio usa il suo naso magico come bastone per i selfie e Cenerentola è nera di rabbia perché il Principe non la degna di uno sguardo. Il perché? È troppo impegnato a spulciare i social network, e si sa, quella è una grande prigione oggigiorno. Cenerentola dovrà tornare con le sue scarpette di cristallo un’altra volta.

Mentre l’elefantino Dumbo si fa leader della battaglia contro il traffico illegale d’avorio, LeFou e Gaston ripercorrono il successo dell’ultimo film live-action La Bella e la Bestia per sfoggiare, oltre a un grande sorriso, la bandiera arcobaleno a favore della comunità LGBT.

Simba non è più il Re Leone e, anziché ruggire dalla Rupe dei Re, si trova imprigionato in un circo itinerante insieme a Tigger e Shere Khan, così come il dolce orso Baloo de Il libro della Giungla aspetta l’aiuto di Mowgli per liberarsi delle catene.

New project coming soon... #wip

A post shared by Tom Ward Studio (@tomwardstudio) on

Se Peter Pan facesse visita a Wendy nella Londra 2017, il giorno dopo sarebbe ricercato da tutti i telegiornali del mondo grazie alle telecamere di videosorveglianza.

O ancora, se Aladdin e Jasmin si conoscessero adesso, anziché girovagare per Agrabah sul tappeto volante, sarebbero imprigionati nei cliché della vita casalinga: immaginate Aladdin sul divano in compagnia del Genio e Jasmin impegnata a passare di controvoglia l’aspirapolvere sul tappeto. C'est l'amour.

Infine Semola de La spada nella Roccia forse cercherebbe su Google (o chiederebbe a Siri di Apple) il metodo più rapido per estrarre Excalibur dalla roccia secolare.

L'illustratore, dal suo canto, ha spiegato qual è il suo disegno preferito e perché.  

Se dovessi scegliere, credo che il mio preferito sarebbe la semplicità di Artù de La spada nella Roccia e il messaggio che manda: è troppo impegnato con il suo smartphone per realizzare il suo vero potenziale nella vita.

Qual è il vostro disegno preferito? Ne avreste voluto qualcun altro?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.