Stai leggendo: Ornella Muti e la figlia Naike Rivelli sfrattate dal loro appartamento romano

Prossimo articolo: Game of Thrones: l'Instagram di Jacob Anderson (Verme Grigio) è di quelli da seguire

Letto: {{progress}}

Ornella Muti e la figlia Naike Rivelli sfrattate dal loro appartamento romano

Ornella Muti e la sua famiglia hanno dovuto abbandonare il loro appartamento di Roma, dopo aver ricevuto lo sfratto. Naike Rivelli ha raccontato l'accaduto su Instagram.

Ornella Muti e Naike Rivelli

5 condivisioni 0 commenti

Lo sfratto è un'evenienza che, purtroppo, si deve mettere in conto quando si è in affitto.

Probabilmente, però, Ornella Muti e Naike Rivelli non erano pronte a dover lasciare la loro casa romana sotto ordine di un ufficiale giudiziario e di due agenti di polizia di zona. Proprio in queste ultime ore, l'iconica attrice, la sua primogenita e il resto della famiglia - inclusa la madre della Muti, un'anziana in condizioni di salute precarie - hanno dovuto abbandonare il loro appartamento e optare per soluzioni alternative.

Naike Rivelli ha raccontato quanto accaduto su Instagram, con un tenero scatto di suo nipote seduto in uno scatolone.

Ornella Muti - che abitualmente vive tra Genova, Mosca e Montecarlo - si trovava a Roma per prestare assistenza alla madre malata e attualmente è ospite di amici.

La Rivelli, invece, ha deciso di trasferirsi momentaneamente in albergo, in compagnia dei suoi tanti animali: tre gatti, due cani e un criceto. Al momento dello sfratto, la figlia di Ornella Muti si trovava in casa con il figlio maggiore Akash (21 anni) - assieme alla fidanzata - suo fratello Andrea, la sorella Carolina e i suoi due bambini.

Stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, la famiglia era consapevole di dover sgombrare l'immobile - a causa di alcune tubature rotte - e stava pensando di trasferirsi in Piemonte, ma lo stato di salute della nonna li avrebbe fatti desistere da eventuali spostamenti.

Naike Rivelli ha espresso la sua opinione al riguardo.

Siamo sempre stati in buoni rapporti con i proprietari. Sono nostri amici e ci stavamo organizzando per trovare un’alternativa. I poliziotti e l’ufficiale giudiziario sono stati molto gentili, ma è stata comunque un’esperienza orribile. Se è successo a noi, non oso immaginare agli altri.

Come andrà a finire?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.