Stai leggendo: Scandal 6 episodio 10: Scelte, recensione

Prossimo articolo: Scandal 6 episodio 9: Morte in acqua, recensione

Letto: {{progress}}

Scandal 6 episodio 10: Scelte, recensione

Scandal festeggia il suo 100esimo episodio mostrando il 'presente alternativo' di tutti i protagonisti del political drama.

Il matrimonio di Olivia e Fitz

4 condivisioni 0 commenti

Scandal ha deciso di festeggiare alla grande il traguardo dei 100 episodi con il suo pubblico mostrandoci, in Scelte, cosa sarebbe accaduto ad ognuno dei protagonisti della serie qualora Olivia Pope avesse deciso di “rifiutare” il defiance.

Non è la prima volta che uno show di Shonda Rhimes sceglie di dedicare un episodio al “presente alternativo” dei suoi protagonisti. Già nella stagione 8 di Grey’s Anatomy, infatti, la puntata titolo If/Then ha esplorato la realtà parallela di Meredith e degli altri medici di Seattle.

What if?

Kerry Washington in ScandalHDABC

Cosa sarebbe successo se Fitzgerald Thomas Grant III non avesse vinto le elezioni? A porsi questa domanda sono gli stessi protagonisti di Scandal, mentre nello Studio Ovale discutono di come affrontare Theodore e la sua organizzazione nell'incipit dell'episodio 6x10 del political drama.

Da un lato Jake, supportato da Olivia, propone un “secondo defiance” e dall’altro Fitz vuole che sia Cyrus - come etica impone - a diventare Presidente.

La questione rimane in sospeso e un salto indietro nel tempo di qualche anno ci porta al giorno dell’elezione di Grant che, in questa versione della storia, perde.

Il matrimonio di Olivia PopeHDABC

Le conseguenze del fallimento di Fitz sono inizialmente positive per la sua relazione con Olivia alla quale, dopo qualche giorno dalla sconfitta e dal conseguente divorzio con Mellie, chiede di sposarlo.

Il matrimonio tra il non Presidente e la sua ex addetta alla campagna elettorale non risulta essere una favola, complice il desiderio di potere di Liv mai colmatosi e il fatto che Grant sia diventato un “semplice” conduttore televisivo senza più scopi (di potere) nella vita.

Hai cominciato a perdere interesse per lui quando hai scoperto che non sarebbe diventato Presidente.

Mentre i due protagonisti di Scandal non riescono a essere felici pur aver coronato il sogno di stare insieme, Mellie e Cyrus - che non ha mai reso pubblica la sua omosessualità - diventano compagni di vita e decidono di comune accordo che la Grant ha tutte le carte in regola per candidarsi alle prossime presidenziali.  Prende così il via una campagna elettorale dove Beene, all'insaputa della sua compagna, non prevede esclusioni di colpi.

Una scena del 100esimo episodio di ScandalHDABC

Dopo che scopriamo, con l'andare avanti dell'episodio, che se non fosse stata una gladiatrice Quinn avrebbe avuto una vita da star dei reality show mentre Huck si sarebbe chiuso nel suo mondo fatto di atroci ricordi, alla fine della puntata evento fortunatamente assistiamo un lieto epilogo per Fitz e Olivia.

Questa conclusione serena sembra risvegliare la coscienza di Liv anche nella “realtà”, tanto che negli ultimi istanti di Scelte la Pope decide di ascoltare il “suo” Presidente e di accettare che sia Cyrus a diventare il nuovo uomo del mondo libero nonostante la minaccia di Theodore.

E vissero felici e contenti (?)

Oltre a dare una risposta alla domanda “what if?”, la 100esima puntata di Scandal apre anche la possibilità a un leggero ma palese riavvicinamento tra la Pope e Grant e, ora che sappiamo che un finale positivo per questi personaggi è comunque scritto nel destino, non vediamo l'ora di essere spettatori delle nuove tappe del loro percorso d'amore.

La sesta stagione di Scandal va in onda ogni martedì alle 21 in esclusiva su FoxLife.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.