Stai leggendo: Emily Ratajkowski non lavora come attrice per le dimensioni del suo seno

Letto: {{progress}}

Emily Ratajkowski non lavora come attrice per le dimensioni del suo seno

Emily Ratajkowski avrebbe tanto voluto intraprendere una carriera da attrice. Ma a ostacolarla sarebbe stato proprio il suo fisico troppo sexy e prorompente.

Un primo piano di Emily Ratajkowski

0 condivisioni 0 commenti

Emily Ratajkowski è diventata famosa grazie al video del brano Blurred Lines di Robin Thicke, eseguito con la collaborazione di T.I. e Pharrell Williams.

Il videoclip, rilasciato il 20 marzo 2013, schierava alcune splendide modelle tra cui appunto la Ratajkowski.

Le conseguenze di Blurred Lines

Nel video le ragazze sono impegnate a ballare in microabiti che sembrano di carta stagnola e a flirtare con i cantanti. Blurred Lines era stato rilasciato su Youtube e VEVO in 2 edizioni: censurata e non censurata, dove le modelle ballavano in tanga color carne davanti a un palloncino che riportava la scritta ROBIN THICKE HAS A BIG DICK [Robin Thicke ha un enorme pene, n.d.r.].

Sono passati 4 anni ed Emily non parla volentieri di quel video, che ha contribuito alla sua fama di sexy modella ma - allo stesso tempo - le ha chiuso le porte per molti altri progetti.

Emily e i problemi di un seno troppo grande

Chiacchierando con Harper's BAZAAR, la Ratajkowski ha spiegato che dopo Blurred Lines avrebbe voluto intraprendere la carriera di attrice ma è stata respinta a tanti provini per il suo fisico: troppo prorompente, troppo sexy e con un seno troppo grande.

Mi succede sempre questa cosa: 'Oh, lei è troppo sexy!'. È una cosa contro le donne il fatto che le persone non vogliano lavorare con me perché il mio seno è troppo grande. Cosa c'è di sbagliato nel seno? È una bellissima prerogativa femminile che va celebrata. Cioè, chi se ne frega? Che siano grandi o piccole, sono belle. Perché dovrebbe essere un problema?

Ciao

A post shared by Emily Ratajkowski (@emrata) on

Lo sfogo di Emily Ratajkowski con Harper's Bazaar si basa sul fatto di essere stata rifiutata per le forme esagerate e non per altri motivi, ma non è detto che le produzioni non l'abbiano scartata solo perché avevano trovato qualcuno più adatto.

Eppure... la sola possibilità che una donna venga penalizzata dalla propria fisicità "troppo sensuale" sul lavoro è davvero inaccettabile.

I progetti di Emily Ratajkowski come attrice e come femminista

Emily Ratajkowski ha dimostrato di avere delle qualità interpretative davanti alla macchina da presa, come in Gone Girl, nella serie TV Easy, in We Are Your Friends o in iCarly. L'ultimo progetto della star è la partecipazione alla commedia di Amy Schumer I Feel Pretty.

🇬🇧

A post shared by Emily Ratajkowski (@emrata) on

La star, da quando è famosa, ha sfruttato la propria popolarità per portare avanti la battaglia secolare delle femministe contro i pregiudizi e il maschilismo imperante, nascosto dietro finte proclamazioni di paritarietà.

Il femminismo della Ratajkowski si basa sui concetti di libertà ed emancipazione. Emily, infatti, non ha nessuna remora a spogliarsi: ritiene anzi che mostrare il corpo femminile sia cosa buona e giusta, purché sia la donna stessa a decidere come, quando e dove esporsi.

Cannes fomo

A post shared by Emily Ratajkowski (@emrata) on

L'intervista e le dichiarazioni di Emily Ratajkowski fanno parte del numero di agosto di Harper's BAZAAR Australia. La star è in copertina vestita con un abito turchese firmato Louis Vuitton, mentre gli scatti sono a cura di Pamela Hanson.

Emily Ratajkowski sulla copertina di Harper's BAZAARHDHarper's BAZAAR
Emily Ratajkowski in copertina

Cosa ne pensate delle parole della modella? Secondo voi è possibile che forme troppo generose possano ostacolare una donna sul lavoro, in particolare nel campo della recitazione?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.