Stai leggendo: Lily Collins diventa anoressica per un film e le fanno i complimenti per la linea...

Prossimo articolo: Ellen Pompeo smentisce i problemi di anoressia e l’uso di botox

Letto: {{progress}}

Lily Collins diventa anoressica per un film e le fanno i complimenti per la linea...

Lily Collins si è ridotta pelle e ossa per interpretare il ruolo di una ragazza che lotta contro l'anoressia. Ma qualcuno si è complimentato per la sua linea filiforme.

Lily Collins in primo piano

377 condivisioni 0 commenti

Lily Collins ha perso peso (moltissimo peso) e ha ricevuto dei complimenti.

L'attrice 28enne ha dovuto sottoporsi a una dieta drastica per dimagrire vistosamente, allo scopo di interpretare il ruolo di una ragazza anoressica. Poi la Collins stessa, durante un'intervista, ha rivelato di aver ricevuto dei complimenti per la sua linea esile.

I complimenti fuori luogo a una Lily Collins scheletrica

Parlando con The Edit, l'attrice ha raccontato che una conoscente - incontrandola per strada - è rimasta strabiliata dalla sua forma fisica.

Stavo uscendo dal mio appartamento e qualcuno che conosco da molto tempo, dell'età di mia madre, mi ha detto 'Oh wow, ma guardati!'.

L'attrice è rimasta sconcertata e ha cercato di spiegare che la perdita di peso era dovuta a ragioni di copione, ma soprattutto era malsana.

Ho cercato di spiegare [che ho perso peso per un ruolo, n.d.r.] ma lei ha ribattuto 'Nooo! Voglio sapere cos'hai fatto [per diventare così, n.d.r.], sei splendida!'.

Lily Collins sul set di To the Bone con la regista Marti NoxonHDIndieWire
Lily Collins sul set di To the Bone

Lily non ha nascosto il proprio disappunto.

Sono salita in macchina con mia madre e ho detto 'Ecco perché il problema esiste'.

Ricevere i complimenti per la forma fisica nel momento in cui ci si è sottoposti a una dieta per interpretare una ragazza malata che combatte contro l'anoressia è paradossale.

Lily Collins seduta in ospedale in una scena di To the BoneNetflix
Lily Collins interpreta in una ragazza caduta nel dramma dell'anoressia

L'anoressia: un problema onnipresente

Lily Collins ha sollevato il problema durante l'intervista, sottintendendo che è inutile girare pubblicità progresso e film a tema quando, proprio fuori dal suo portone, qualcuno continua a bypassare la questione concentrandosi invece sul fatto che "magro è bello" sempre e comunque.

È proprio questo il problema da risolvere.

L'anoressia, una patologia controversa che continua a mietere vittime soprattutto tra le giovanissime, è strettamente correlata alla società dell'immagine. I canoni di bellezza degli anni 2000 sbandierano sui social oggi (come sulle riviste ieri) un corpo filiforme, che spesso è il risultato di pesanti interventi di fotoritocco (che fortunatamente alcuni brand hanno bandito).

Cosa si può fare per risolvere il problema?

È evidente che non c'è bisogno solo di cure mediche e sostegno psicologico. È la mentalità che deve cambiare, insieme ai canoni sociali e al bombardamento visivo di immagini patinate e finte.

Lily Collins non ha fatto altro che segnalare che, se una che dimagrisce vistosamente per interpretare una ragazza anoressica è vista come un modello di bellezza da raggiungere, il problema è ancora lontano dalla risoluzione.

To the Bone: la possibilità di uscire dal tunnel

Il film si chiama To the Bone [Fino all'osso è il titolo italiano, n.d.r.] e e verrà rilasciato su Netflix il 14 luglio 2017. Il dramma racconta la storia di Ellen, una ragazza testarda, controversa e affetta da anoressia.  A un certo punto, la protagonista incontrerà un dottore dai metodi poco ortodossi (interpretato da Keanu Reeves) che farà di tutto per farla uscire dal tunnel.

Lily Collins ha dimostrato di non volersi fermare allo schermo (grande o piccolo) per parlare di un problema che affligge la società moderna. Anche un luogo come la via di casa può essere fondamentale per trasmettere un messaggio di cambiamento e provare a trasformare una mentalità troppo radicata.

Che ne pensate? Il problema ha qualche speranza di essere risolto?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.