Stai leggendo: Ricette vegan: i 10 piatti della tradizione preferiti dagli onnivori

Prossimo articolo: Linguine con capperi e olive: una ricetta gustosa e vegana

Letto: {{progress}}

Ricette vegan: i 10 piatti della tradizione preferiti dagli onnivori

Prima non li chiamavamo vegani, li chiamavamo semplicemente: polenta, farinata, spaghetti al pomodoro... Ecco i piatti della tradizione che nascono vegani e piacciono a tutti.

La farinata di ceci

1 condivisione 0 commenti

Dopo essere stata vegetariana per qualche anno, come molti ho fatto il "salto" e sono diventata vegana in un momento molto difficile per la mia (precaria) salute, traendone grande beneficio.

All'inizio però, dovendo mettere insieme due pasti al giorno, ero un po' spiazzata: ancora non conoscevo la varietà e il gusto delle preparazioni vegane.

Così mi sono rimboccata le maniche in cucina e ho iniziato a sperimentare, con grandi risultati.

Probabilmente perché uso ingredienti comuni, senza nomi strani o mal visti dai non vegani. O magari, semplicemente, perché amo la cucina tradizionale italiana, che in gran parte (sorpresa!) nasce vegana (pensiamo al sugo all'arrabbiata, agli spaghetti aglio, olio e peperoncino, alla ribollita, al minestrone...).

E quando non è così, basta sostituire un paio di ingredienti oppure, semplicemente, ometterne qualcuno.

Come le 10 preparazioni "native" vegane più amate anche dagli onnivori.

1. Spaghetti al pomodoro

Spaghetti al pomodoroHD
Un bel piatto di spaghetti al pomodoro

Sarò banale, ma è il mio piatto preferito. Un buon sugo al pomodoro, preparato a partire da un soffritto di cipolla, carota e sedano in olio extravergine d'oliva, soddisfa il palato di qualsiasi italiano d.o.c.

Con gli spaghetti (magari integrali, per una pietanza ancora più gustosa), poi, il risultato è garantito.

Si può aromatizzare il sugo con gli odori o le spezie preferiti (basilico, prezzemolo, peperoncino, erba cipollina...) e volendo, anziché spolverizzare la pasta con il formaggio grattugiato, usare un trito di anacardi e mandorle (la mia variante del "parmigiano" vegan).

Inoltre, moltissimi altri condimenti classici per la pasta (e gli spaghetti in particolare) sono vegani: pensiamo ad aglio, olio e peperoncino, al sugo all'arrabbiata...

2. Farinata di ceci

La farinataHD
La farinata di ceci

Un'altra preparazione tradizionale che piace davvero a tutti. Io la cucino spesso, e finora non è mai avanzata!

Farina di ceci (senza glutine, quindi adatta anche a chi soffre di celiachia), acqua, sale e olio extravergine: 4 ingredienti genuini, semplici e di facile reperibilità.

Il trucco? Lasciar riposare l'impasto per qualche ora: basta prepararlo la mattina e cuocerlo a pranzo.

Informazioni

Ingredienti

  • Farina di ceci 300 grammi
  • Acqua calda 300 ml
  • Sale 8 grammi

Preparazione

  1. Mescolate farina, acqua e sale. Coprite con un panno umido e lascite riposare qualche ora, per il tempo che avete a disposizione.

  2. Unite l'olio, mescolate e versate l'impasto in una teglia da forno abbondantemente unta con altro olio evo.

  3. Cuocete in forno a 220° per 25 minuti circa (dipende dal vostro forno), fino a doratura. Lasciate intiepidire e servite.

    La farinata è ottima consumata fredda.

3. Polenta

La polentaHD
Polenta con farina bramata

Da brava bergamasca, sono cresciuta con la polenta della domenica. Quella cotta ore e ore nel paiolo di rame, prima mescolata a mano e poi dal motorino automatico (ancora ricordo il rumore che faceva quello della mia mamma...).

La polenta è una preparazione salutare, indicata anche per chi ha problemi di stomaco e di intestino. Sazia e non contiene grassi... Condimenti a parte, naturalmente.

Il segreto per ottenerla perfetta è usare la farina bramata: il risultato è assicurato.

Servita insieme a dei buoni funghi porcini, conquista chiunque. Vegano o no.

4. Pasta e fagioli

Un piatto di pasta e fagioliHD
Un piatto della tradizione: pasta e fagioli

Un altro piatto della nostra tradizione, perfetto per le stagioni più fredde ma gradito, di tanto in tanto, anche in estate.

Un piatto unico bilanciato, completo e salutare che nasce vegano, senza alcun accorgimento per un'ottima riuscita se non quello di selezionare ingredienti di qualità.

Fagioli, pasta, un po' di passata di pomodoro, sale e olio: la delizia è servita.

Altra variante, sempre vegan: pasta e ceci. O pasta e lenticchie. Non avete che l'imbarazzo della scelta.

5. Risotto alla zucca

Risotto con zuccaHD
Un risotto alla zucca

Anche il risotto, in molte versioni tradizionali della cucina italiana, è vegano.

Quello alla zucca, come molti altri risotti alle verdure (penso agli asparagi, alle zucchine, alle melanzane...), prevede l'utilizzo del brodo vegetale e non di quello di carne.

Quindi non resta che sbizzarrirsi con la fantasia.

Fermo restando che il risotto (ancora più buono se preparato con il riso venere) con la zucca fa felici tutti i palati.

Informazioni

Ingredienti

  • Riso 150 grammi
  • Brodo vegetale q.b.
  • Zucca 80 grammi
  • Sale q.b.
  • Olio extra vergine d'oliva q.b.

Preparazione

  1. Scaldate un filo d'olio in una padella e aggiungete la zucca pulita e tagliata a dadini. Regolate di sale.

  2. Aggiungete il riso, mescolate e coprite con brodo vegetale.

  3. Fate cuocere per il tempo indicato sulla confezione (il riso venere ha bisogno di circa 40 minuti, quello tradizionale sui 18) mescolando di tanto in tanto e aggiungendo brodo se necessario.

  4. Aggiustate di sale e servite.

6. Caponata

Caponata di verdureHD
Una gustosa caponata di verdure miste

Direttamente dalla Sicilia, un piatto saporitissimo e dall'antica tradizione.

Melanzane, capperi, olio, sale, aceto, olive, basilico, cipolle e pinoli sono gli ingredienti della ricetta originale.

Molti la arricchiscono con peperoni e pangrattato, ma è buonissima (e veganissima) anche nella versione classica.

7. Pappa al pomodoro

La pappa al pomodoroHD
Una ricetta della tradizione: la pappa al pomodoro

Uno dei piatti toscani più amati in tutta Italia, la pappa al pomodoro si prepara con pomodoro, pane raffermo, sale, olio e basilico.

Come molti piatti della cucina "povera" tradizionale, nasce già in versione vegana. E come molti piatti della cucina povera tradizionale... Si mangia sempre volentieri.

E ci conferma, giorno dopo giorno, come bastino pochi ingredienti e delle preparazioni semplici per soddisfare il palato.

Informazioni

Ingredienti

  • Passata di pomodoro 800 grammi
  • Pane raffermo 300 grammi
  • Brodo vegetale 800 ml
  • Basilico fresco 5 foglie
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione

  1. Tostate il pane tagliato a fette per qualche minuto nel forno a 200°.

  2. In una padella capiente scaldate un filo d'olio e poi versatevi il pane tostato tagliato a pezzetti.

  3. Aggiungete la passata di pomodoro e del brodo bollente nella quantità necessaria a ricoprire bene tutto il pane. Regolate di sale.

  4. Unite alla preparazione le foglie di basilico tritate o fatte a pezzi e fate cuocere il tutto per 35-40 minuti.

8. Zuppa

Una zuppaHD
Una zuppa con fave e asparagi

La zuppa, altro piatto "povero" ma ricchissimo in gusto e proprietà, è vegana. La versione tradizionale prevede l'utilizzo di legumi come lenticchie, fagioli e ceci, e di cereali come farro, orzo e avena.

Le combinazioni e le proporzioni di questi ingredienti variano da ricetta a ricetta.

Ciò che non cambia mai è il resto: crostini di pane, sale, olio, rosmarino o altre erbe aromatiche, carote, sedano e acqua.

9. Patatine fritte e patate al forno

Patate al fornoHD
Patate al forno

Non ho ancora trovato qualcuno che dicesse "No, grazie!" di fronte a un buon piatto di patate al forno o di patatine fritte (che io preparo sempre al forno, per ottenere una versione più leggera e comunque molto saporita).

Le patate sono l'ennesimo ingrediente povero su cui la nostra cucina ha costruito piatti squisiti.

Patate, olio, sale, rosmarino e poi via alla fantasia con le salse (molte nascono già vegane, come l'amatissimo ketchup: pomodoro, spezie, zucchero e aceto).

10. Cioccolatini

Cioccolatini fondentiHD
Cioccolatini fondenti fatti in casa

Io preparo diverse versioni vegane di ottime torte al cioccolato fondente (per assicurarsi che il cioccolato sia vegan, basta controllare l'assenza di latte in polvere dagli ingredienti).

Ma lo uso anche per fare glasse, creme, cioccolata in tazza e soprattutto i cioccolatini.

Basta sciogliere il cioccolato, metterlo negli appositi stampini guarnendo con nocciole, mandorle, cocco o altre delizie e il gioco è fatto.

A un buon cioccolatino non si dice mai di no. Figuriamoci, poi, se è fatto in casa.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.