Stai leggendo: I benefici del babywearing, l’arte di portare i bambini

Prossimo articolo: Perché l'imposizione su tuo figlio genera trasgressione e conflitti?

Letto: {{progress}}

I benefici del babywearing, l’arte di portare i bambini

Non una moda, ma un nuovo modo di vivere la maternità favorendo il contatto: il babywearing, ossia portare i neonati in fasce e marsupi, sta prendendo piede fra le mamme italiane. Ecco una panoramica su benefici e supporti per chiarirvi le idee.

Mamma che porta il neonato nella fascia

25 condivisioni 0 commenti

Se è vero che nell’antichità portare i bambini in fasce o marsupi era una pratica assai diffusa, è anche vero che in Occidente è andata via via scomparendo. Solo negli ultimi anni stiamo tornando a scoprire questo modo di portare i neonati. Una neomamma, però, di fronte ai diversi prodotti in commercio può sentirsi in dubbio. Inoltre i benefici di questa pratica sono noti, ma non diffusamente conosciuti, così può capitare che ci si chieda se portare un bambino nella fascia faccia davvero bene. Per aiutarvi a chiarirvi le idee, abbiamo pensato di andare a fondo della questione!

I benefici del contatto

Neonato nella fasciaHD

Una semplice, breve premessa: i neonati non hanno vizi. Hanno bisogni. Uno di questi bisogni è quello del contatto. Quindi, se qualche vecchia zia vi critica dice che tenendo il bambino nella fascia lo viziate, a voi la scelta: o le spiegate questa cosa, oppure sfoderate il vostro miglior sorriso, annuite e poi fate di testa vostra! L’importante è che voi mamme sappiate che, portando il bambino nella fascia, non fate niente di male, anzi, assecondate i suoi bisogni. E di questo verrete ripagate in futuro, quando vedrete vostro figlio curioso e sicuro, perché avrà ben chiaro che mamma e papà saranno sempre un punto fermo verso cui tornare. Detto questo, vediamo insieme i principali benefici di fasce e marsupi.

  • Il contatto. Abituati a stare nove mesi nel grembo materno, i neonati vedono sconvolto il loro mondo nel momento del parto. Tenerli addosso, far loro sentire il proprio odore e il proprio calore è un modo per tranquillizzarli e dar loro conforto e sicurezza.
  • La conoscenza. Stare a stretto contatto è un modo per conoscersi meglio e creare un legame di fiducia reciproca. Nei giorno dopo il parto, le abitudini dei genitori vengono sconvolte dall’arrivo di un neonato e, diciamocelo, non si è mai davvero pronti! Con la pratica del babywearing si cresce insieme, imparando a conoscersi.
  • La praticità. Tenere addosso il neonato lascia le mani libere, permettendo così alla mamma o al papà di potersi muovere liberamente per casa, sfogliare una rivista o leggere un libro.
  • Il movimento. Portare i bambini in fascia è un cullarli continuo, il che permette loro di rilassarsi e magari addormentarsi, lasciando al contempo i genitori liberi di dedicarsi ad altro e senza affaticare le braccia.

Alcune avvertenze

Neonato nella fasciaHD

Se è vero che portare i neonati nella fascia è una pratica che ha tanti risvolti positivi, è anche vero che è importante farlo in sicurezza, sia per la mamma sia per il neonato.

  • La posizione. Se portate il neonato nella posizione a culla, fate attenzione che il suo mento non tocchi il suo petto, perché la respirazione potrebbe essere compromessa. Inoltre fate attenzione che la testa non sia più in basso rispetto al corpo. E, in generale, controllate che abbia le vie respiratorie libere, qualsiasi posizione adottiate.
  • L’altezza. Quando portate il bambino, dovete metterlo a una distanza che viene definita a portata di bacio. Vuol dire che il neonato deve essere posizionato in alto, a circa una spanna dal mento della mamma o di chi lo porterà.
  • Che cosa fare. Quando portate il neonato, ci sono alcune attività che non potete svolgere, come stirare o cucinare vicino ai fuochi, ovviamente non potete guidare o andare in bicicletta, nemmeno correre o saltare.
  • Il supporto. Ogni fascia o marsupio può essere utilizzato fino a un massimo di peso del bambino, quindi fate attenzione a scegliere il modello adeguato.

I modelli

Adesso che abbiamo stabilito benefici e norme di sicurezza, vediamo i diversi modelli in commercio. Qualsiasi supporto scegliate, assicuratevi che i materiali usati siano di qualità, che siano ergonomici e sicuri!

Fascia portabebè rigida

Fascia rigida

Sono strisce in cotone spesso, larghe 70 centimetri e lunghe dai 4 ai 5 metri. Non hanno elementi cuciti. Si avvolgono e annodano intorno al corpo del genitore e il neonato può essere portato sul davanti, sul fianco o sulla schiena. Il bambino si può portare fino ai 15-18 chili, ma verificate sempre le indicazioni riportate sul prodotto che acquisterete.

Fascia portabebè elastica

Fascia elastica

Come le precedenti, sono senza elementi cuciti, ma a differenza delle prime sono realizzate in morbido jersey. Sono strisce di stoffa lunga 5 metri e mezzo e si legano intorno al corpo del genitore. Il bambino può essere portato sia davanti, sia sul lato sia sulla schiena, fino ai 15 chili (anche in questo caso, vi rimandiamo alle indicazioni del produttore).

Marsupi ergonomici

Marsupio ergonomico

Con la loro struttura preformata, aiutano a distribuire il peso del bambino sul corpo del genitore. Si possono usare da subito ma, finché il neonato non arriverà a pesare 6 chili, dovrete inserire un riduttore all’interno del marsupio. Rispetto alla fasce, è sicuramente più veloce da indossare: dovrete solo regolare le cinghie, chiudere i ganci e via, pronti per portare il vostro bimbo.

Mei tai

Mei tai

Come il suono del nome suggerisce, questi marsupi sono di origine asiatica: sono formati da un quadrato centrale da cui partono i lacci per legare il marsupio al corpo del portatore. È perfetto per portare anche i bambini più pesanti, fino ai 18 chili circa o fino al peso indicato sulle istruzioni del modello scelto.

Fascia portabebè ad anelli

Fascia portabebè ad anelli

Grazie agli anelli alle due estremità, potete regolare il tessuto e il bambino aderirà così perfettamente al vostro corpo. Ma non temete: lo speciale tessuto con cui sono realizzate è anticedimento e quindi il peso del bambino sarà distribuito uniformemente.

Speriamo che, dopo questa panoramica, riusciate a trovare il supporto più adatto a voi e alle vostre esigenze, per portare il vostro bambino ovunque vogliate, tenendolo ben vicino a voi!

Per qualsiasi altro dubbi vi venga, vi consigliamo la pagina di Babywearing, l’associazione italiana che diffonde l’uso di fasce e marsupi, e Mamma Canguro, il blog che si occupa dell’arte di portare i neonati, proprio come fanno i canguri!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.