Stai leggendo: Moda etica: abbigliamento vegan, quali tessuti scegliere?

Letto: {{progress}}

Moda etica: abbigliamento vegan, quali tessuti scegliere?

I vestiti e i marchi di moda vegani per rispettare ambiente e animali nel tuo quotidiano, a tavola e nella vita di tutti i giorni.

una ragazza con vestito rosso sfila vista da dietro mentre si leva una giaccia

0 condivisioni 0 commenti

Dopo un iniziale boom pochi anni fa, in Italia l’avanzata del mondo vegano pare non fermarsi ma, se nel campo dell’alimentazione una maggiore consapevolezza e cultura hanno preso piede ormai da tempo, e con essa una sempre più diffusa comunicazione, nel mondo della moda la "coscienza vegana" stenta, a fatica, ad emergere. Se le pellicce (in parte) sembrano essere ormai da tempo superate (o per lo meno non sono più così diffuse), grazie anche alle diverse manifestazioni dei movimenti animalisti e ad una buona e diffusa comunicazione nel settore, il resto dei capi di vestiario provenienti dal mondo animale, come ad esempio la pelle, sono ancora molto tollerati.

Cuoio, lana, seta, piume: ecco alcuni tra i principali tessuti molto diffusi nei negozi e sulle passerelle, tutti materiali che non rispettano uno stile di vita dedito alla salvaguardia di animali e ambiente e dei quali non è facile trovare alternative valide cruelty free. Eppure ci sono altre opzioni.

Velluto, flanella, ciniglia, acrilico

Ecco alcuni tra i materiali che puoi indossare in alternativa alla lana, per la produzione della quale gli animali vengono sottoposti, nella maggior parte dei casi, a duri trattamenti durante la tosatura. Grazie a tessuti innovativi come il velluto, la flanella, la ciniglia e l'acrilico, potrai stare al caldo e vestire con stile, senza sentirti in colpa verso alcun animale.

Lino, canapa, juta e cotone

La canapa, il cotone, il lino sono tutte valide alternative ad altri materiali come ad esempio la seta, per la quale i bachi vengono sottoposti a cruenti sfruttamenti, o alle piume d'oca, facilmente sostituibili con le piume sintetiche. Canapa e cotone sono inoltre molto belli alla vista e facilmente abbinabili ad altri tessuti.

Viscosa, bambù

Alcuni materiali che si stanno diffondendo parecchio sono il bambù e la viscosa, entrambi ottimi e validi sostituti della pelle. Per accessori come borse, cinture e portafogli e per le scarpe, vengono molto utilizzate anche la finta pelle e l'alcantara.

Come succede nel campo dell'alimentazione, anche nel settore moda la cosa più importante è fare attenzione alle etichette prima di acquistare: sempre più diffusi sono i marchi "cento per cento vegano" oppure "vegan ok", con a seguire la dettagliata composizione del prodotto, lavorazione e derivazione. A queste scelte di materiali si stanno avvicinando sia l'alta moda che marchi più diffusi, come anche piccoli artigiani.

Sempre più stilisti hanno ultimamente cercato di dare una svolta iniziando a creare linee a difesa del mondo animale, da Stella McCartney a Elisabetta Lanfranchi, da Armani a Renzo Rosso, i quali hanno deciso di non produrre più prodotti con pelliccia e pelle, sviluppando linee totalmente eco.

un uomo e una donna inquadrati dal bustoin giù con un cane nel mezzo con il frac rossoHD

Per quanto riguarda i marchi “comuni” alcuni capi, sempre più presenti, sono vegan: tra essi si trovano Bershka, Oysho e Pull and Bear. E diverse collezioni sotto il marchio di vendita Zara.

Parlando di scarpe e accessori non è facile né così comune trovare dei marchi totalmente vegan: sono piuttosto introvabili e spesso non sono né curati nell’estetica né comodi. Tra i migliori Opificio V, per le scarpe, Pretty and mad, una piccola artigiana emergente e un interessante marchio canadese, Matt & Nat.

Spesso è infatti più facile trovare all'estero cultura e maggiore consapevolezza di questa scelta cruelty free applicata anche nel settore abbigliamento: per fortuna esiste lo shopping online!

 

una coccarda rossa con la scritta cento per cento veganHD

Indossare capi cruelty- free è la vera nuova moda, stili innovativi, con idee all’avanguardia che non comportano la sofferenza dell’animale: anche in questo campo si può applicare la stessa filosofia proposta nel food, dove sono i prodotti naturali a sprigionare l’arte e il fascino dello stilista, in totale armonia con la natura.

Un cane border collie tiene stretto in bocca un cartello con la scritta love me e un cuore disegnatoHD

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.