Stai leggendo: Vivere con un gatto: l’effetto curativo delle fusa

Prossimo articolo: Organizzare una casa a misura di animali

Letto: {{progress}}

Vivere con un gatto: l’effetto curativo delle fusa

Chi condivide la vita con un gatto sa quanto sia difficile resistere alle sue fusa, quel magico suono che il micio emette quando in genere è felice. Scopriamo perchè non rinunciare alla sua compagnia tutte le volte che accende il suo 'motorino interno'.

L'immagine di un gatto appisolato vicino al suo padroncino

1 condivisione 0 commenti

Le fusa costituiscono una delle vocalizzazioni più comuni del gatto. Gli scienziati sono divisi sulla maniera in cui esse vengono prodotte. Molti pensano che tutto inizi nel cervello dell'animale, dal quale viene inviato un segnale ai muscoli della laringe che li fa contrarre molto rapidamente e vibrare al ritmo di un minimo di 25 fino a un massimo di 150 vibrazioni al secondo, come un piccolo motore. Questo provoca la separazione delle corde vocali, quando il micio inspira ed espira, e il risultato sono appunto il 'ron ron' che sentiamo oppure percepiamo accarezzandogli la gola o la parte alta della pancia.

Le fusa fanno parte del patrimonio genetico di ogni micio. I gattini sono infatti capaci di fare le fusa fin da cuccioli, a due soli giorni di vita. Sono il mezzo attraverso il quale i piccoli comunicano a mamma gatta, durante l'allattamento, che tutto va bene, che il nutrimento ricevuto è abbastanza e quello che stanno mangiando è di loro gradimento. La mamma non soltanto ricambia nello stesso modo per rassicurarli, ma ricorre alle fusa per tranquillizzarli in tutte le altre situazioni che possono essere motivo di stress e agitazione.

In conseguenza di ciò, si crede, erroneamente, che il gatto emetta questo suono per esprimere unicamente uno stato di benessere. Ma, anche quando sono molto spaventati o sofferenti, i gatti possono fare le fusa. In tali circostanze, il micio vuole lanciare agli altri (animali e umani) un messaggio di non pericolosità, la propria predisposizione d’animo amichevole. Equivarrebbe al nostro sorriso nervoso.

Padrone si coccola con il suo gattoHD

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che esporsi alle fusa del gatto può aiutare le persone da un punto di vista sia psicologico che fisico.

Il dolce 'ron ron' felino funziona innanzitutto come un perfetto anti stress. Il suono continuo, sia in fase inspiratoria che espiratoria, e la vibrazione favoriscono il rilassamento dei nervi, con il rilascio della tensione accumulata nei muscoli. La sua frequenza, compresa tra 20 e 140 Hertz, sarebbe vicina a quella della musica classica, che ha notoriamente proprietà ansiolitiche.

Ma la frequenza delle fusa avrebbe altre virtù terapeutiche. Ad esempio, sottoporsi a frequenze tra 25 e 150 Hertz favorirebbe il rigenerarsi della pelle dopo una ferita e ridurrebbe le infezioni Parallelamente altre ricerche evidenziano che frequenze comprese tra 25 e 50 Hertz agevolerebbero la saldatura di fratture ossee e di lesioni dei tendini, alleviando l'intensità del dolore.

Le fusa del micio sarebbero anche capaci di calmare e regolarizzare il battito cardiaco, riducendo del 40% il rischio di patologie cardiache gravi. Lo ha rilevato uno studio che per 10 anni ha monitorato persone conviventi con un amico felino.

E per finire le fusa potrebbero essere indicate per i soggetti ipertesi, in quanto capaci di mantenere la nostra pressione sanguigna entro i normali valori di riferimento, come anche per chi soffre di reumatismi. L'effetto curativo, in questo ultimo caso, dipenderebbe dal fatto che la loro frequenza corrisponderebbe alla frequenza utilizzata nelle terapie per la cura dell'artrite.

Scopri altri contenuti su cani e gatti sul sito BauBoys.tv.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.