Stai leggendo: Naked Urban Decay: a ogni donna la sua palette nude

Prossimo articolo: Trucco olografico: dalla base alle labbra i migliori prodotti per realizzarlo

Letto: {{progress}}

Naked Urban Decay: a ogni donna la sua palette nude

I prodotti di punta del brand Urban Decay sono le sue Naked palette, ecco quale vi consigliamo di acquistare a seconda della vostra personalità, sottotono ed esigenza.

La Naked collection di Urban Decay

0 condivisioni 0 commenti

Era il 1996 quando Wende Zomnir e Sandy Lerner si sono unite per fondare Urban Decay, brand di cosmetici nato dall’esigenza di creare una linea di make up che puntasse su colori audaci e sgargianti dedicati principalmente alle donne che amano osare.

Wende Zomnir fondatrice e direttore di Urban DecayHDThe Coveteur

I primi prodotti Made in UD approdati sul mercato erano parte di una linea composta da 10 rossetti e 12 smalti che, oltre a contraddistinguersi per tonalità all’epoca davvero particolari, si facevano riconoscere per i nomi insoliti di ogni prodotto, caratteristica che ancora oggi si mantiene a ogni nuova uscita dell’azienda.

Lo slogan con cui le fondatrici di UD hanno deciso lanciare la loro prima linea di trucchi la dice tutta sul target a cui sono dedicati:

Does pink make you puke? (Il rosa ti fa vomitare?)

Performanti, originali, dotati di un packaging accattivante, non testati sugli animali e in alcuni casi vegani: sono queste le caratteristiche che in pochissimo tempo hanno reso i prodotti di Urban Decay oggetti del desiderio di tutte le appassionate di trucchi.

Dopo oltre 10 anni di successi, è stato il 2010 l’anno della vera svolta per Urban Decay che ha fatto uscire sul mercato l’ormai iconica Naked palette.

Tutta dai toni naturali, la Naked ha riportato in auge il make up nude in tutte le sue sfumature e texture, diventando il primo prodotto di una linea dedicata a chi ama l’effetto “seconda pelle” ma non impersonale.

Just know that there is no bad decision. #UDNaked #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

La Naked del 2010 è stata solo la prima di una serie di 8 palette. Il desiderio di molte di noi è quello di collezionarle tutte ma, per chi non fosse un’accumulatrice seriale di cosmetici, ecco un breve vademecum su come scegliere - a seconda di esigenze, sottotono della pelle e personalità - la Naked più adatta a voi.

Naked 1

Ancora oggi, nonostante in tanti abbiano tentato di copiarla, la Naked 1 è da considerare la miglior palette nude al mondo.

Throwin' it back to the OG. #TBT #UDNaked #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

Composta da 12 colori (2 matte e 10 shimmer) in un perfetto mix di torni caldi e freddi, questo prodotto è estremamente versatile e ha come unica pecca (non da poco) il packaging in velluto marrone con scritta in bronzo e privo di una chiusura a scatto.

È per questo che la Naked 1 non è adatta a essere portata in giro per ritocchi dell’ultimo minuto, o in viaggio.

Per le sedentarie.

Naked 2

Esattamente un anno dopo la prima Naked è approdata sul mercato la sorella minore, Naked 2.

When the sequel is just as good as the original. Tap now to shop. #TheNakedEffect #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

Adatta a chi ha un sottotono freddo, data la preminenza di nuance tortora, la Naked 2 è meno versatile della sua antesignana ma ha un pack decisamente più adatto alle donne dinamiche in quanto è interamente di latta e dotato di una chiusura a scatto, a prova di urti e di sbalzi (anche d’umore).

Ombretto blackout di Urban DecayHDUrban Decay

Il vero must di questo prodotto, di cui si sente la grande mancanza nella Naked 1, è il nero opaco. Blackout, infatti, è uno degli ombretti neri più scriventi in circolazione tanto che bagnato può fungere anche da eye-liner e fortunatamente è disponibile anche come ombretto mono.

Per le donne fredde solo in apparenza.

Naked 3

Dopo lo slogan utilizzato da Urban Decay per il lancio della prima collezione di trucchi, vedere nel 2013 arrivare negli store Sephora (unici rivenditori in Italia del brand) un prodotto come la Naked 3 è stato davvero strano.

Now where’s my rosé? 🍷#TheNakedEffect #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

La palette, infatti, è composta da 12 nuance che virano tutte sul rosa e il viola e per questo è adatta ai sottotoni molto chiari e rosati; il pack è in latta e con chiusura a scatto come quello della Naked 2.

Nonostante le evidenti limitazioni dei colori, la Naked 3 è davvero un must per chi ama queste tonalità e comprende alcuni nuance davvero particolarissime e versatili.

Uno su tutti è il melanzana con pagliuzze rosa, Blackheart, che non è disponibile in versione mono tra gli eyeshadow del brand, ma che è molto simile a Subra di Nars.

Ombretto NarsHDNars

Per le post-romantiche.

Naked Smoky

È uscita nell’estate del 2016 la Naked Smoky, palette che comprende 8 tonalità scurissime e 4 più chiare adatta, come dice il nome, a chi è una fan degli smokey-eye.

Life's short. Smoke out. #UDNaked #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

Il pack di questa palette è in plastica, la chiusura è calamitata e questo la rende decisamente poco prêt-à-porter.

Inoltre, a differenza delle altre, la Naked Smoky non presenta colori particolarmente originali al suo interno anche se, qualora amaste i trucchi molto scuri, vi basterebbe solo lei per creare un look decisamente rock e serale.

Per le dark lady.

Naked Basics e Ultimate Basics

Tra una Naked e l’altra, Urban Decay ha fatto uscire in questi anni anche una serie di Naked Basics ovvero palette formate da 6 o 12 (nel caso della Ultimate Basics) colori tutti opachi.

Le 2 Naked Basics di UDHDThe Classified Chic

La prima Naked Basics 1 è dedicata a chi ha il sottotono caldo, la Naked Basics 2 a chi ha un sottotono freddo. Naked Ultimate Basics è un misto perfetto di nuance ed è da considerare (per chi ama l’effetto matte sugli occhi) la Naked più versatile dopo la originale Naked 1 del 2010, tanto che al suo interno contiene anche l’amatissimo nero UD Blackout.

Matte life. 🙌 #UDNaked #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

Tutte e tre le Naked Basics hanno un pack in plastica dura e sono perfette da tenere in borsetta. Queste palette, in particolare, sono adattissime a chi ama truccarsi di giorno in maniera molto naturale e magari non ha il tempo - dopo il lavoro - di ripassare a casa a ritoccare il make up prima di un aperitivo.

Il mix tra colori chiari e scuri permette, infatti, in pochi passaggi di trasformate un look da giorno in un look da sera intensificandolo.

Per le business woman.

Naked Heat

Is it hot in here or is it just Naked Heat? 🔥 // 📸: @beautezine #NakedHeat #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

In questa lunga lista di palette nude targate Urban Decay è facile notare che ne manca una dedicata alle donne mediterranee o comunque dal sottotono decisamente caldo.

A colmare questa lacuna è arrivata la Naked Heat, nuova palette Made in UD composta da toni “roventi” adatti sia alla stagione estiva, in quanto le nuance sono perfettamente adatte a una pelle squisitamente ambrata, sia a quella autunnale.

Tell us, UDers: what shades are you most excited about? #NakedHeat #UrbanDecay

A post shared by Urban Decay Cosmetics (@urbandecaycosmetics) on

La neonata Naked Heat sarà disponibile in USA dal 12 giugno online e dal 30 negli store, mentre in Italia - qualora non siate tra le fortunate a esservela accaparrata nelle poche ore in cui è stata disponibile il 12 giugno scorso sullo store online del brand - dovrebbe arrivare in autunno.

Per le donne calienti.

Voi quale Naked di Urban Decay siete? Quale di queste palette è la vostra preferita e quale avete messo in wishilist? Fatecelo sapere nei commenti!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.