Stai leggendo: Scandal 6 episodio 2: Gioco duro, recensione

Prossimo articolo: Scandal 6 episodio 1: Sopravvivenza del più adatto, la recensione

Letto: {{progress}}

Scandal 6 episodio 2: Gioco duro, recensione

Tra passato, presente e ostacoli del cuore Olivia e Mellie continuano la loro battaglia alla conquista della Casa Bianca nel secondo episodio di Scandal 6.

Olivia Pope e i suoi gladiatori

0 condivisioni 0 commenti

Il vero grande amore di Olivia Pope è sempre stato il potere, e mai come in questa sesta stagione di Scandal la protagonista lo sta dimostrando attraverso le azioni.

Nella seconda puntata di Scandal 6, Gioco duro, Olivia si vede costretta a combattere contro chi impedisce il suo ritorno nei corridoi della Casa Bianca, ovvero Fitz.

Un'immagine della sesta stagione di ScandalHD

Il Presidente uscente, infatti, continua a essere convinto che Cyrus Beene non sia il mandante dell’omicidio di Frankie Vargas, soprattutto ora che lo ha presentato al popolo americano come suo degno successore.

Contro la certezza di Grant nulla può neanche un messaggio della stagista di Frankie nel quale la ragazza, morta a causa dell'esplosione di una baita poco dopo il ritrovamento dell’audio, conferma la tesi di Olivia.

Per fermare la sua ex amante, decisa a procurarsi nuove prove per incastrare Beene, Fitz schiera Abby.

Abby e Fitz in una scena di Scandal 6

La perfetta ex gladiatrice della Pope e Associati riesce a fare in modo - anche con l’aiuto del “torturatore” Jake - che l’uomo arrestato come assassino di Vargas confessi la propria colpevolezza contro la sua volontà, e soprattutto di aver agito da solo.

D’altronde la rossa di Scandal ha fatto suoi gli amorali insegnamenti di Olivia:

Ognuno fa ciò che è necessario a prescindere dalle conseguenze.

Mentre Abby riesce a battere la Pope con le sue stesse armi, Fitz tenta di rendere possibile un accordo tra Mellie e Cyrus.

Beene decide così di proporre la vicepresidenza alla ex First Lady giurandole di non essersi macchiato le mani con il sangue di Vargas:

Non sono io a giocare sporco qui. Non questa volta.

Mellie ovviamente declina l’offerta, almeno fino a quando Abby non le confessa che è stata Olivia a porre fine alla sua storia con Marcus.

Gli ostacoli del cuore

Una tenera immagine di Marcus e Mellie in Scandal 6HD

Oltre a seguire la storyline del presente di Scandal, in Gioco duro ci viene mostrato anche cosa è successo tra Mellie e Marcus prima delle elezioni.

Come abbiamo appreso dai flashback sparsi per la puntata, i due hanno vissuto una passionale storia d’amore alla quale Olivia, consapevole che i sentimenti sono in grado di distruggere ogni obiettivo, ha messo fine facendo passare - con un machiavellico piano e l’aiuto di Abby - Marcus per un mero arrampicatore sociale.

Prima il potere e poi il piacere

Mellie e Olivia in una scena di Scandal 6gael-garcia

Ritornando al presente, Mellie inizialmente non prende bene l’idea di aver perso l’uomo della sua vita, tanto che chiude d’istinto il suo rapporto con Olivia:

Tra noi è finita.

A far rinsavire la First Lady ci pensa, silenziosamente, il profumo di onnipotenza della Stanza Ovale nella quale la Grant si ritrova sola per qualche minuto scoprendo che, proprio come per Olivia, anche la sua più grande passione è il potere.

Ricomincia così la scalata di Mellie verso la Casa Bianca, ascesa che sembra nuovamente possibile nel momento in cui Huck estrapola dal computer della defunta stagista di Vargas un video in cui l’uomo minaccia Cyrus di mandarlo in galera dopo aver scoperto che è stato proprio il suo braccio destro a escogitare l’attentato che gli è valso la vittoria delle elezioni: il movente di Beene è stato trovato.

Pope Vs Pope

Kerry Washington in Scandal 6

Il secondo episodio della stagione 6 di Scandal non è atto a proseguire la storyline orizzontale della serie, ma a confermarci che ci troviamo davanti a un’Olivia Pope inedita rispetto a quella del passato.

La puntata, infatti, finisce nello stesso identico modo in cui si conclude la prima con l’unica differenza che il Presidente Grant stavolta mette in dubbio l’innocenza di Cyrus, cosa che sarebbe tranquillamente potuta accadere, date le prove fornitegli, nel finale della season première.

Quel che scopriamo di nuovo in questo episodio è che Olivia è davvero cambiata, che il suo percorso è compiuto.

Gli autori hanno deciso di mostrarci questa evoluzione mettendo la protagonista a confronto con i suoi errori, con la se stessa degli esordi e con una delle sue più grandi paure.

In particolare, la storia tra Mellie e Marcus ci ha fatto capire che Olivia ha compreso come potere e amore non possano convivere, evitando alla sua pupilla di cadere nei suoi stessi errori.

Non a caso più volte nei flashback la stessa ex First Lady ha messo a confronto i suoi sentimenti per Marcus con quelli che Olivia provava per il Presidente:

Provavi questo per Fitz? Perché se è così lo capisco.

Lo scontro tra Olivia e Abby, invece, ci ha sottolineato che la protagonista di Scandal è più forte di prima, tanto che in un testa a testa contro una proiezione della vecchia se stessa - impersonata appunto da Abby - è in grado sul lungo termine di vincere.

Una scena di Scandal 6HD

Infine, in Gioco duro, la Pope è stata complice e spettatrice della nascente relazione tra il suo Fitz e il Direttore dell’FBI Angela Webster, donna forte e afroamericana come lei, alla quale ha dato letteralmente il permesso di intraprendere una relazione con il Presidente, liberandosi una volta e per tutte della più grande zavorra affettiva del suo recente passato.

La sesta stagione di Scandal va in onda ogni martedì alle 21 su FoxLife.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.