Stai leggendo: Musica da leggere: 5 biografie di artisti delle note a tutto ritmo

Prossimo articolo: I festival musicali estivi da non perdere nel 2017

Letto: {{progress}}

Musica da leggere: 5 biografie di artisti delle note a tutto ritmo

Se amate la musica e la letteratura, non perdetevi questo elenco di cinque autobiografie scritte da artisti delle musica mondiale. Bruce Springsteen, Nina Simone, Keith Richards Bob Dylan e Ennio Morricone vi aspettano per raccontarvi le loro storie.

Il re della musica rock sul palco del concerto a Barcellona 2016

0 condivisioni 0 commenti

L'estate è inesorabilmente alle porte.

Tra i mille oggetti da mettere in valigia, nello zaino per la montagna o nel pesante borsone da spiaggia, arriva anche l'inesorabile, fatidica domanda.

Quali libri sono degni di diventare i vostri fidati compagni di viaggio?

Per queste vacanze, fate i bravi: lasciate a casa le riviste di gossip, i gialli, i pulp magazine e quei pallidi surrogati libreschi chiamati "romanzi rosa".

Scegliete la vita e la musica, le note e le storie a tutto Rock, Blues, Folk e colonne sonore di grandi film.

Accarezzate le pagine di carta o quelle elettroniche di cinque splendide autobiografie musicali, scelte per voi.

Una magnifica cinquina di leggendari artisti della musica di tutti i tempi, che si sono raccontati attraverso la carta e l'inchiostro.

1 - Born To Run - Bruce Springsteen

Bruce Springsteen, ovvero The Boss, ha dedicato alla sua molto personale storia ben sette anni di riflessioni e l'ha battezzato Born To Run, come il celebre album del 1975.

Il libro parte con la descrizione della sua infanzia e adolescenza in New Jersey, luogo denso di giovanile inquietudine.

Da questo lato d'America operaia ha attinto, con rabbia, perseveranza e guidato dal suo immenso talento, tutto il materiale prezioso finito nei suoi testi.

Quelle stesse canzoni - come The River, Jungleland e Hungry Heart - diventate un pezzo di storia, e di cuore, anche per i suoi innumerevoli fan.

Il cantante si mette letteralmente a nudo lungo 528 pagine tra preziosi aneddoti, le sensazioni dietro le quinte dei suoi concerti – sempre sold out - la E Street Band e uno straordinario rispetto per il suo pubblico.

L'autobiografia di Bruce Springsteen Mondadori
Born To Run autobiografia Bruce Springsteen

Per tutti gli innamorati di Springsteen e per quelle due, tre persone al mondo che non lo conoscono e che dovrebbero colmare la gravissima lacuna.

Born To Run – Bruce Springsteen, l’Autobiografia. (Mondadori Editore, 2016. Traduzione M. Piumini).

2 – Life – Keith Richards

Life è una vita che ne contiene, probabilmente, almeno altre dieci.

L'adrenalina, i bagordi, le opere, le donne, la splendida musica e i molti eccessi di Keith Richards, leggendario chitarrista dei Rolling Stones.

Una variegata miscellanea di ricordi, non in rigoroso ordine cronologico, scritto a quattro mani con James Fox, dipingono la star e l'uomo dal micidiale sense of humor e dalle amicizie fuori dal comune.

Su tutte, quella assai toccante e molto alcolica con l'attore John Belushi, il mai troppo compianto Jake Blues, protagonista de The Blues Brothers (John Landis, 1980).

Richards fa chiarezza anche su certe leggende nate intorno al suo stile di vita piuttosto alternativo.

L’esempio più lampante? La caduta, nel 2006, da un ramo basso di un albero alle isole Fiji. Keith non stava cercando di arrampicarsi su una palma, sotto effetto di stupefacenti e solo per raccogliere noci di cocco, ma è stato un incidente del tutto casuale.

Life autobiografia del chitarrista Keith Richards
Life, autobiografia di Keith Richards dei Rolling Stones

Life è un allegro e malinconico strumento di prosa di una rockstar che ha vissuto realmente un’esistenza tutta Sesso, Droga e Rock'N'Roll.

Life – Keith Richards e James Fox (Feltrinelli editore, 2010)

3 – Nina Simone – Il piano, la voce e l'orgoglio nero

Nina Simone - il piano, la voce e l’orgoglio nero è un vorticoso ed emozionante labirinto dentro lo spirito, i tormenti e il talento di Eunice Kathleen Waymon, in arte Nina Simone.

Gianni Del Savio è un giornalista appassionato, uno studioso e profondo conoscitore della musica afroamericana che dal soul al blues tocca tutte le splendide variazioni sul tema.

Per Nina Simone, la più grande interprete jazz di tutti i tempi, affronta un mastodontico lavoro di revisione musicale e bibliografica, ricostruendo i tratti salienti di un carattere ombroso, il virtuosismo pianistico e le misteriose sonorità della sua inconfondibile voce di velluto.

Nina Simone copertina biografia Il piano, la voce e l'orgoglio nero Volo Libero edizioni
Nina Simone, biografia a cura di Gianni Del Savio

Per chi è in cerca di pura poesia e ama i brividi sensuali di My Baby Just Cares For Me.

Gianni Del Savio - Nina Simone. Il piano, la voce e l’orgoglio. (Edizioni Volo Libero 2016. Collana Soul Books Vol. 5)

4 – Ennio Morricone – Inseguendo quel suono

Impossibile non conoscere Ennio Morricone.

Il prolifico direttore d’orchestra e compositore ha creato musiche e colonne sonore tra le più belle della cinematografia mondiale.

Dall’Oscar alla carriera nel 2007 fino alla seconda e trionfale statuetta dorata nel 2006, per le partiture del film The Hateful Eight di Quentin Tarantino, le sue melodie hanno reso immortali pellicole come C’era una volta in America e Mission.

L’autobiografia, narrata in prima persona allo scrittore Alessandro De Rosa, è un felice e appassionante viaggio tra personaggi incontrati e persi, minuziose descrizioni di tecniche musicali, qualche momento di abbandono emotivo.

Il libro è, soprattutto, il racconto di irripetibili sodalizi di lavoro e d’amicizia con registi di chiara fama come Sergio Leone e Giuseppe Tornatore.

Ennio Morricone, autobiografia Inseguendo quel suono
La copertina dell'autobiografia di Ennio Morricone

Da leggere per innamorarsi di nuovo della settima arte e scegliere la colonna sonora della propria vita.

Inseguendo quel suono. La mia musica, la mia vita. Conversazioni con Alessandro De Rosa. (Mondadori Editore, 2016)

5 – Bob Dylan – Chronicles Vol. 1

Bob Dylan, Il cantante Folk del sogno americano e il premio Nobel per la Letteratura più reticente della storia, ha ideato nel dettaglio la sua autobiografia e, nel 2004, ha pubblicato un capolavoro di prosa e di poesia, Chronicles Vol. 1.

Chronicles doveva essere il primo di un poderoso trittico tra vita e musica ma l’imprevedibilità del menestrello del rock ha lasciato cadere tutto nell’oblìo.

Alla fine degli anni sessanta ha scritto un altro libro, Tarantula, un romanzo in parte astratto in parte monologo interiore, che segue il flusso di coscienza. Quello stesso Stream of Consciousness caro ai suoi idoli, gli scrittori Jack Kerouac e William Faulkner.

Bob Dylan autobiografia Chronicles Vol. 1
Copertina libro di Bob Dylan Chronicles Vol. 1

Chronicles Vol. 1 racconta gli anni della sua formazione, gli ideali e quella rabbia giovane che, dagli anni sessanta ad oggi, hanno messo al mondo indimenticabili canzoni d’impegno politico e sociale.

Ma il cantante di Blowin' in the Wind, ha soprattutto il merito di aver ideato ballate che hanno segnato e ancora segnano le generazioni del passato, presente e futuro.

Bob Dylan, Chronicles Vol. 1. (Feltrinelli Editore 2005, traduzione di Alessandro Carrara).

Bruce Springsteen, Ennio Morricone, Keith Richards, Nina Simone e Bob Dylan vi aspettano sulla spiaggia, sopra un ghiacciaio e pure in città. 

Sarebbe un vero peccato farli attendere.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.