Stai leggendo: Estate '87 VS Estate 2017: ecco come siamo cambiati in 30 anni

Letto: {{progress}}

Estate '87 VS Estate 2017: ecco come siamo cambiati in 30 anni

Usi, costumi, mode e tendenze analizzate al microscopio a 30 anni di distanza. Come si vive l'estate oggi e come lo si faceva negli anni '80?

Palme al mare con effetto vintage

0 condivisioni 0 commenti

Estate: molto più di una stagione dell'anno. Un vero e proprio modus vivendi. Un cambiamento repentino nelle nostre vite. Il caldo, l'afa e le zanzare ma anche le vacanze, gli amori sotto l'ombrellone e i tuffi a mezzanotte. La Generazione Y vive l'estate come una sequenza di foto e video di cui far bella mostra sui social. Ma i nostri genitori, per esempio, come la vivevano?

Quali sono le differenze tra l'estate del 1987 e quella del 2017? Dal muretto dove incontrarsi con gli amici al rooftop di tendenza. Dal cuore di panna alle bevande dimagranti sponsorizzate sui social. Dai baci dal sapore di sale a quelli al canotto a forma di fenicottero..Ecco un breve quadro di come sia cambiata la cultura, le mode, gli usi e i costumi in soli 30 anni.

ragazza sdraiata su canotto a forma di fenicotteroHD

Walkman VS Spotify

E cominciamo dalla musica! Estate è sinonimo di tormentoni, musichette orecchiabili, canzonette che sfioriranno con gli inizi dell'autunno. O forse no? Nel lontano 1987 dalle radio di tutta Italia suonavano pezzi che hanno fatto la storia della musica. Da C'è chi dice no di Vasco Rossi a With or without you degli U2. Dischi che hanno venduto centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo e che resteranno per sempre nei nostri cuori.

Ma l'estate 1987 ha visto anche il trionfo dei gruppi della generazione New Romantic: orde di ragazzine inferocite riempivano i palasport italiani per ascoltare i Duran Duran o gli Spandau Ballet. E nello stesso anno icone pop come Spagna e Sabrina Salerno hanno lasciato la loro impronta nel grande marasma musicale degli anni '80. Anni di grande sperimentazione, di strani mix, di congetture: un universo che sapeva (e sa ancora) di innovazione.

E ci teletrasportiamo al 2017. Cosa ascoltiamo in questa torrida estate? L'onda spagnoleggiante e latina, che è ritornata in pompa magna dopo i fasti degli anni '90, ci regala ogni estate delle perle. Chi di voi non ha canticchiato almeno una volta il tormentone Despacito? O Subeme la radio? Il raggeaton la fa da padrone in concerti, discoteche e feste di piazza. E si mixa sapientemente a brani di astri nascenti come Francesco Gabbani e Fabio Rovazzi.

Due estati caratterizzate da brani in forte antitesi, molti che faranno la storia altri che dimenticheremo facilmente. Ma voi siete più da Walkman o da Spotify?

Walkman Sony anni '80 con cuffieSony
Walkman Sony anni '80

Cartoline VS Instagram Stories

Andare in vacanza: c'è niente di più bello? Sole, mare, montagna, collina, città da visitare...e cartoline da inviare! Sì, anche oggi si continua a farlo, ma negli anni '80 era quasi obbligatorio. 

Sono qui a Taormina e voglio fartelo sapere: si comprava una bella cartolina vista mare, si attaccava un francobollo e via verso la cassetta della posta più vicina! Oggi è tutto più semplice, più fluido, più rapido: sono al Pacha di Ibiza e te lo faccio sapere caricando una serie di Instagram Stories! Video, Boomerang, foto con tanto di geolocalizzazione... e l'invidia è servita!

Good morning ☀️ courtesy of @travellersplanet #millionairelifestyle

A post shared by Millionaire Lifestyle (@millionaire.life.style) on

Cabine a gettoni VS Chiamate WhatsApp 

Andare in vacanza, anche solo per pochi giorno, presuppone un distanziarsi dal proprio microcosmo. E se oggi, con le moderne tecnologie, il distacco è indolore negli anni '80 poteva significare un vero e proprio dramma. La comunicazione era più complessa, meno fruibile, con più orpelli e sovrastrutture. Ma forse più romantica, più magica, più sentita.

Per sentire più vicini gli amici, i compagni di scuola e i fidanzatini bisognava armarsi di gettoni o di schede telefoniche e partire alla ricerca di una cabina. In un quello scrigno rosso targato SIP le chiamate duravano pochi minuti ma erano cariche di significato. E quando il saldo terminava bisognava aspettare un giorno intero per potersi risentire. Un giorno lungo un'eternità.

Oggi, invece, è tutto diverso. Siamo la generazione dell'hic et nunc. Ci scriviamo costantemente: il tutto è arricchito da foto, video, GIF. E con l'uso di una falangetta su un tasto ci chiamiamo. Da qualsiasi parte del mondo, a qualsiasi ora e per qualsiasi motivo, anche il più futile.

Se prima le vacanze all'Argentario erano una parentesi nel flusso delle nostre vite e della nostra comunicazione, oggi WhatsApp svilisce il tutto. Siamo online, sempre e comunque. E guai a non esserlo...

Bikini VS Trikini

Dopo anni in cui il corpo femminile era un mero accessorio dell'uomo, negli anni '80 si ha il boom delle maggiorate e della sensualità. Con l'avvento delle televisione private la donna diventa non un oggetto da venerare ma un vero e proprio "caso" da studiare.

E nel 1987 le donne esaltano le loro curve con il bikini: in spiaggia si vedono molto meno i costumi interi. Sexy e provocanti al punto giusto: il tutto, poi, scadrà nel volgare negli anni '90 con il famoso topless.

E per fortuna che quest'ultimo si ormai estinto dalle nostre spiagge: i costumi da bagno sono capi di alta moda, essenziali ed eleganti. Spopola da qualche anno il famoso trikini, il giusto compromesso tra bikini e costume intero. Il corpo delle donne, ormai, è già stato studiato in ogni suo lembo di pelle negli ultimi 30 anni. Non c'è più niente da scoprire (in tutti i sensi). Ecco perché il vero must è lasciar intravedere: non a caso è ormai un trend il famoso crop top.

Bikini scollo a barchetta a righeMissguided
Bikini scollato ed a righe

Paninari VS Millennial

Due estati a confronto o meglio due generazioni allo specchio. I famosi Paninari degli anni '80 erano ragazzi spensierati, che vivevano il boom economico ed erano intrisi dall'allure americana, decisamente Yuppie. Avevano dei feticci come il bomber e gli stivali e i capelli cotonati (e non dimentichiamo le spalline). Erano giovani che, sotto un'impalcatura di lacca e paillettes, avevano un cuore carico aspettative.

Noi Millennial siamo decisamente più disincantati e freddi. Siamo figli della tecnologia, abbiamo vissuto la crisi e il downshifting e crediamo poco nel futuro. In compenso riusciamo a creare nuove figure in campo lavorativo, dettiamo tendenza senza esserne vittime e ripensiamo al passato con un mix tra nostaglia e acredine.

Gruppo di ragazzi con telefono in manoHD

Voi quale estate della vostra vita vorreste rivivere? Vi ritrovate più in quella anni '80 o in questa che sta per iniziare? Siete più paninari o più Millennial?

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.