Stai leggendo: Da Lou Grant a The Newsroom: le 10 migliori serie TV sul giornalismo

Prossimo articolo: La TV coraggiosa: le migliori serie che hanno infranto i tabù

Letto: {{progress}}

Da Lou Grant a The Newsroom: le 10 migliori serie TV sul giornalismo

Dallo spin-off di Mary Tyler Moore allo show di Aaron Sorkin, passando per le combinaguai Pepper Dennis, Susan e Nora Wilde. Dall'integrità di The Hour alla terribile Lucy Spiller: le redazioni più amate del piccolo schermo da ri-vedere.

Una scena di The Newsroom, una delle migliori serie sui giornalisti

0 condivisioni 0 commenti

La vita frenetica dei giornalisti è stata raccontata anche dalle serie TV: scadenze, scoop, turni incessanti, integrità, sfacciataggine e dedizione al proprio lavoro sono state al centro di alcuni titoli trasmessi dalla fine degli anni '70 fino ai giorni nostri.

Da The Naked Truth passando per The Newsroom e Sports Night, entrambe ideate dal premio Oscar Aaron Sorkin. La svedese Annika: Crime Reporter e la bellissima (e quasi sconosciuta) The Hour. Riscoprite con noi le dieci migliori serie TV dedicate al giornalismo.

1 - Lou Grant (1977 - 1982)

Lou Grant in una scena della serie TV omonimaHD© CBS Photo Archive/Getty Images

Nato come spin-off di Mary Tyler Moore, Lou Grant è incentrato sul giornalista omonimo interpretato da Edward Asner. Dopo essere stato licenziato dal network WJM, Lou lascia Minneapolis e riprende a lavorare per la carta stampata come caporedattore del Los Angeles Tribune. Quando Lou arriva in California, il Tribune è in crisi. Lou può contare su una redazione di ottimi colleghi: i giovani Billie Newman e Joe Rossi, il direttore editoriale Charlie Hume, il fotografo Dennis Price e la proprietaria del quotidiano Margaret Pynchon.

Gli episodi avevano la stessa struttura: Lou dà un incarico agli altri giornalisti, i colleghi lavorano alla stesura dell'articolo e spesso gli chiedono qualche consiglio. Nel corso delle cinque stagioni, Lou Grant ha affrontato molte tematiche spinose come il nucleare, gli abusi sui bambini, l'aborto, le relazioni omosessuali e anche le calamità naturali come i terremoti.

Edward Asner vinse per il ruolo di Lou Grant due Emmy nelle categorie di miglior attore comico (per Mary Tyler Moore) e drammatico per la serie TV dedicata al suo personaggio. Mentre Nancy Marchand ottenne quattro Emmy per il suo ruolo di Margaret Pynchon. Ancora oggi Lou Grant è una delle serie TV più attendibili dedicate al mondo del giornalismo.

2 - The Naked Truth (1995 - 1998)

Il cast protagonista di The Naked Truth© Everett Collection

Nora Wilde è una fotografa nominata per il premio Pulitzer che finisce a lavorare per un tabloid. Dopo il divorzio dal ricchissimo Leland Banks, Nora viene assunta da The Comet, una rivista scandalistica specializzata nella vita delle star.

Nora si ritrova, dunque, a rubare l’urina di Anne Nicole Smith per verificare un test di gravidanza e a compiere altre “nefandezze” alla ricerca di uno scoop. L’egoista Nicky, T.J. e Dave completano la redazione. Nora vive con Chloe Banks, la sua ex figliastra e miglior amica. Nella seconda stagione, Chloe scomparirà e la serie TV subirà altri cambi di cast. 

Mary Tyler Moore ha un piccolo ruolo nella sitcom. L'attrice era stata protagonista di uno show omonimo che parlava della vita frenetica di una redazione di un programma televisivo: una delle prime serie TV dedicate al mondo del giornalismo.

3 - Susan (1996 - 2000)

Suddenly Susan, fiction amatissima degli anni '90HD

Susan Keane lavora nella redazione di The Gate, una rivista pubblicata a San Francisco. Susan ha come capo Jack Richmond, il fratello del ricchissimo Kip, il suo ex fidanzato abbandonato all’altare. 

Susan si ritrova improvvisamente da sola (come recitava il titolo originale della serie TV Suddenly Susan) e per la prima volta deve badare a se stessa. Jack le assegna una rubrica sull’essere single in una grande città. Gli altri colleghi in redazione completano il cast: il fotografo Luis (Nestor Carbonell), il giornalista di musica Todd (David Strickland) e il critico enogastronomico Vicki (Kathy Griffin).

La vita frenetica di Susan fra lavoro e ricerca dell’amore trova il suo pilastro nella nonna Nana, la migliore amica della giovane protagonista. Susan era interpretata da Brooke Shields.

David Strickland si suicidò quando ancora era uno dei protagonisti e la sua morte venne inserita nella trama. In un episodio Susan cerca disperatamente Todd e scopre una serie di buone azioni da lui commesse. La puntata è intervallata con una serie di interviste omaggio a Strickland. Susan è andata in onda in Italia nel 1999. In America è stata cancellata nel 2000 dopo aver subito un cambio radicale nel cast.

4 - Sports Night (1998 - 2000)

La serie Sports Night incentrata sulla redazione dello show sportivo SportsCenterHD© NBC

Sports Night racconta i retroscena di un grande programma televisivo sportivo, le relazioni fra colleghi e con il network che lo trasmette. Sports Night, questo il titolo dello show, è ispirato SportsCenter, un programma di ESPN, il canale sportivo americano. 

Le vite dei due presentatori, Dan Rydell (Josh Charles) e Casey McCall (Peter Krause), s’intrecciano con quelle degli altri membri della redazione del programma TV. Fra i colleghi ci sono anche molti flirt e relazioni più o meno consentite: il produttore esecutivo dello show Dana Whitaker è amica di lunga data di Casey e fra loro c'è del tenero. Mentre il produttore associato Jeremy Goodwin ha una relazione con il suo capo Natalie Hurley. Isaac Jaffe completa la redazione ed è un pilastro del mondo del giornalismo sportivo.

Sports Night è la prima serie TV realizzata dal premio Oscar Aaron Sorkin. Già in Sports Night si riconoscono alcune delle caratteristiche tipiche della sua scrittura, come per esempio il "walk and talk". Lo show vinse tre Emmy.

5 - Pepper Dennis (2006)

Pepper Dennis è una giornalista a caccia di scoopHD© The WB Television Network

Pepper Dennis è un'aspirante reporter del tg serale del network americano WEiE con sede a Chicago. Pepper Dennis è sempre alla ricerca dello scoop. la aiuta in questo compito il suo fidato cameraman Chick, segretamente innamorato di lei. Anche la sua migliore amica, la truccatrice Kimmy, lavora per WEiE. 

Durante l’episodio pilota, Pepper passa la notte con Charlie, un uomo affascinante appena arrivato da Boston. Pepper scoprirà la mattina dopo che è il nuovo presentatore del telegiornale, un ruolo che lei sognava di ricoprire. Buona parte del divertimento e del successo dello show si deve ai battibecchi fra i due protagonisti e alla loro relazione d’amore e odio. Rebecca Romijn interpretava Pepper, mentre Josh Hopkins era Charlie. Brooke Burns, invece, aveva la parte di Kathy, la sorella problematica di Pepper.

Pepper Dennis è andata in onda negli USA nel 2006 ed è stata una delle ultime serie TV a essere trasmesse su The WB, il canale di Warner Bros, prima che diventasse CW. In Italia è arrivata nel 2007.

6 - Ugly Betty (2006 - 2010)

Tutto il cast di Ugly BettyHD© ABC

Betty Suarez entra a lavorare a MODE come assistente personale di Daniel Meade, l'editore capo di una delle riviste più amate di moda. Betty è arrivata lì non solo per i suoi meriti, ma anche perché meno attraente delle precedenti colleghe. Il poncho, l'apparecchio ai denti e il suo stile particolarissimo le renderanno la vita in redazione un inferno. 

Betty sogna di diventare giornalista e farà di tutto per realizzarsi. Ugly Betty è basato sulla telenovela di successo Yo Soy Betty, La Fea che ha avuto vari remake in tutto il mondo, dalla Russia passando per la Spagna e la Cina. Ugly Betty aveva il volto di America Ferrera. L'attrice ha confermato che si sta lavorando a un revival dello show.

7 - Dirt (2007 - 2008)

Dirt, una serie TV dedicata alla stampa scandalistica HD© FX

Lucy Spiller è l’emblema della giornalista spietata: dirige una rivista di gossip e non si ferma di fronte a nulla per pubblicare uno scoop. Lucy è una vera e propria workaholic: non ha nessuna relazione sentimentale, ha tagliato i contatti con la propria famiglia e vive solo per i suoi due magazine Dirt e Now.

Il fotografo Don e l’attore Holt McLaren l'aiutano nel suo "sporco" lavoro. Holt è fidanzato con la ben più famosa Julia, ma grazie alle copertine di Lucy diventerà presto una star. La collaborazione fra Holt e Lucy porterà dietro di sé una scia di morte e tristezza: la migliore amica di Julia muore per overdose dopo che Lucy ha svelato lo scoop della sua gravidanza, mentre Julia stessa è vittima di un incidente.

Dirt è andata su FX fra il 2007 e il 2008 e nello stesso anno è stata trasmessa prima da La7 e poi su FoxLife. Lucy Spiller aveva il volto di Courtney Cox, indimenticabile Monica Geller di Friends. FX cancellò la serie TV dopo appena due stagioni. Una fine simile è toccata a molte altre serie TV dedicate al mondo del giornalismo.

8 - The Hour (2011 - 2012)

A sinistra tutti i giornalisti protagonisti di The HourHD© BBC America

La serie TV ideata da Abi Morgan racconta di The Hour, un programma dedicato all’attualità giornalistica della BBC negli anni '50. I temi trattati riguardano la crisi del Canale di Suez e la rivoluzione in Ungheria, ma i redattori del programma sono distratti da altro.

Freddie è un giornalista frustrato, sempre alla ricerca dello scoop e della verità. La sua migliore amica, Bel, è diventata la produttrice di The Hour. L'affascinante Hector Madden viene chiamato per condurlo, mentre in redazione a occuparsi degli esteri c’è Lix Storm: una giornalista navigata che ha preso parte come reporter alla Guerra civile spagnola. 

Freddie indaga su un misterioso caso di doppio omicidio che ha coinvolto l’amica di famiglia Ruth Elms e il professore Peter Darrall. In redazione, intanto, arriva il misterioso traduttore Thomas Kish.

Nella seconda stagione c’è un nuovo giallo da risolvere e Peter Capaldi si aggiunge al cast. Scrittura, fotografia, colonna sonora e cast rendono The Hour una piccola perla nel panorama televisivo britannico.

The Hour è stata cancellata dopo solo due stagioni: la serie TV è stata ingiustamente considerata come una versione di Mad Men britannica. La sua ideatrice ha vinto l’Emmy per la miglior sceneggiatura di una miniserie TV quando The Hour già non esisteva più. 

9 - Annika: Crime Reporter (2012)

Malin Crépin interpreta Annika HD© ARD Degeto

Annika Bengtzon è una giornalista d’assalto per Kvällspressen. Per il quotidiano, Annika si occupa di cronaca nera e lo fa in un ambiente profondamente ostile: la maggior parte della redazione è formata da uomini e non è facile per lei farsi largo.

Annika, inoltre, deve bilanciare la sua vita fra casa e lavoro: ha un marito e due figli ed è arduo per lei riuscire a fare tutto. Annika: Crime Reporter è una serie TV svedese ispirata ai libri scritti da Liza Marklund. L'autrice è considerata la regina del giallo svedese. Annika: Crime Reporter è andata in onda su FoxCrime.

10 - The Newsroom (2012 - 2014)

Una scena della prima stagione di The NewsroomHD© HBO

Dopo Sports Night, Aaron Sorkin torna a dirigere una serie TV dedicata al mondo del giornalismo: The Newsroom. Questa volta i protagonisti sono la redazione e i produttori di News Night, un programma dedicato all'attualità. News Night è in calo di ascolti e si decide di puntare su un nuovo produttore esecutivo di nome MacKenzie "Mac" McHale.

A complicare le cose, la relazione che lega Mac e il presentatore dello show Will McAvoy: i due erano fidanzati, ma Mac l'ha tradito. News Night può contare su una redazione di ottimi giornalisti, tra cui Jim, che ha seguito Mac rinunciando a un'offerta migliore; Maggie è un produttore associato vogliosa di far bene e ha concluso da poco una relazione con l’ex produttore esecutivo Don.

L’inglese Neal si occupa di internet e dei social network, mentre Sloan Sabbith presenta la sezione dedicata all’economia in News Night ed è bella oltre che intelligentissima. A guidare tutta la redazione il veterano Charlie Skinner, cui tocca difendere le scelte editoriali della redazione di fronte ai direttori di rete Leona e Reese Lansing.

The Newsroom trattò notizie realmente accadute: la sparatoria di Tucson nel 2011 che aveva come bersaglio principale Gabrielle Giffords, la guerra in Libia, il movimento Occupy Wall Street, l'attentato alla maratona di Boston e la campagna elettorale negli USA. Proprio nell'episodio dedicato a Gabrielle Giffords, una delle scene più toccanti:

Come in The West Wing e Sports Night, Aaron Sorkin utilizza le caratteristiche principali della sua scrittura: dialoghi serrati, battute al vetriolo e una particolare predisposizione per una parolaccia amatissima negli USA.

La serie TV andata in onda su HBO poteva contare su un cast ricchissimo, fra i protagonisti: Jeff Daniels (Will), Jane Fonda (Leona), Dev Patel (Neal), Emily Mortimer (Mac) e Olivia Munn (Sloan). The Newsroom è stata cancellata dopo tre stagioni e secondo lo stesso Sorkin sarà la sua ultima serie TV. La sigla della serie TV era un vero e proprio omaggio alla storia del giornalismo nel piccolo schermo:

In quale di queste redazioni sognate di lavorare? E qual è la vostra serie TV ambientata nel mondo del giornalismo? Scrivetecelo fra i commenti.

 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.