Stai leggendo: Feng Shui: 6 regole per arredare il vostro nido d'amore

Prossimo articolo: Accessori di design per pulire la casa e renderla bella e accogliente

Letto: {{progress}}

Feng Shui: 6 regole per arredare il vostro nido d'amore

Non smetteremo mai di imparare dalla cultura orientale: ecco tutto ciò che c'è da sapere sulle regole del Feng Shui.

Coppia innamorata si rilassa in salone

0 condivisioni 0 commenti

La cultura orientale ci ha insegnato tanto in questi ultimi anni. A mangiare con le bacchette, a meditare sulla vita ma soprattutto... ad arredare secondo le regole del Feng Shui. Una filosofia che ricerca la felicità e il benessere nelle nostre case: la nostra casa ha un'anima, così come il mobilio e le luci. Il tutto va armonizzato al meglio per far sì che stare a casa diventi un piacere multisensoriale.

Spostare dei mobili, tinteggiare una stanza, cambiare la disposizione dei soprammobili: tutto questo e molto altro può portarci alla felicità!

Immaginiamo una coppia di novelli sposi: lei ha appena tolto le sue scarpe da sposa e lui la prende in braccio per un ingresso trionfale nel loro nuovissimo nido d'amore. Tutto dovrà essere impeccabile, dalla pulizia dell'appartamento alla disposizione di mobili, tappeti, cornici... Passando dagli esempi al mondo pratico, ecco ben 6 regole del Feng Shui da seguire alla lettera.

Evitare gli specchi in camera da letto

Iniziamo dalla stanza preferita dai pigroni: la camera da letto! Secondo il Feng Shui l'abitazione che ci accoglie nelle ore notturne deve essere una sorta di tempio. Arredata con gusto e rigore e, sentite bene, dovrete evitare di appendere specchi! Perché, secondo il Feng Shui, lo specchio eviterebbe ai nostri corpi il normale riposo notturno.

Non riusciremo a ricaricare le pile del nostro corpo durante le notte: questo secondo gli esperti orientali è il risultato negativo di dormire davanti ad uno specchio. Meglio spostarli in salotto o in sala da pranzo.

Ogni stanza... con un suo colore

Per il Feng Shui fondamentali sono i colori. Perché le varie nuance influenzerebbero molto il nostro modus operandi e vivendi. Ogni tonalità ha un significato ben preciso: il verde è il colore rilassante per eccellenza e quindi ideale per la camera da letto. Il giallo, invece, è un colore brioso pensato per la zona giorno e per la cucina. Da evitare i colori troppo scuri come nero, rosso o marrone.

Il letto? Lontano dalle pareti

Ritorniamo in camera da letto, stavolta per parlare del protagonista indiscusso: il letto! Alzi la mano chi non ha la testiera del letto appoggiata ad una delle pareti! Secondo le regole del Feng Shui questo è un errore gravissimo.

Bisognerebbe evitare il contatto del letto con le pareti della stanza. Il perché è facilmente spiegato: lo spazio tra il materasso e l'ambiente lascia circolare aria nuova e pulita simbolo di energia e novità. Ci avevate mai pensato?

Evita il disordine

Il disordine è sinonimo di malessere e negatività. Ed è così non solo per il Feng Shui: anche la filosofia danese dell'Hygge vede nel disordine un ostacolo per raggiungere la felicità fisica e spirituale. Ecco perché va evitato di lasciare la tavoletta del bagno alzata o il coperchio della spazzatura aperto.

Ed ancora scarpe in giro per casa, abiti ed accessori lanciati su sedie e divani, barattoli e scatole dappertutto! Insomma una casa pulita ed in ordine vi aiutare a vivere meglio e soprattutto a viverla meglio.

Arredare la cucina con il Feng Shui

Il principio su cui si fonda l'arredamento in cucina, secondo il Feng Shui, deve essere la sicurezza. Tutto deve ruotare intorno al fatto che, nonostante l'utilizzo di vari utensili anche pericolosi, la persona che cucina deve sentirsi al sicuro.

Ecco che il piano cottura non dovrà mai essere sotto una finestra o dietro una porta. Inoltre, per via dei cavi, è da evitare che il forno sia vicino al frigo ed al lavello.

coppia sorridente in cucinaHD

E il giardino?

Il giardino non è un vera e propria stanza ma, anche nella zona più green della casa, dovremmo seguire le regole del Feng Shui. Innanzitutto dovremo suddividere il giardino in 4 zone che rappresentino i 4 elementi della natura e i 4 punti cardinali.

In ogni zona andremo a coltivare un determinato tipo di pianta o fiore che riprenda l'armonia cromatica di cui vi abbiamo già parlato. Un luogo di pace, di ritrovo, di riposo immersi nel verde.

Ora tocca a voi: studiate la planimetria della casa, andate alla ricerca dell'arredamento giusto e soprattutto studiate le regole della disposizione orientale. Per iniziare con il piede giusto la vostra convivenza!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.