Stai leggendo: Fast Fashion: la nuova frontiera della moda

Prossimo articolo: Converse All Star: i modelli da non perdere dell'estate 2017, dal crochet al laminato

Letto: {{progress}}

Fast Fashion: la nuova frontiera della moda

Non solo low cost ma anche fast. Ecco come sta cambiando la moda della Generazione Y.

Abiti in fila in una boutique

0 condivisioni 0 commenti

La moda è un flusso inarrestabile. È uno "sciabordare" rapido di idee. È sempre avanti: appena riusciamo ad abituarci ai nuovi trend che dobbiamo già dimenticarli per far spazio a nuovi concetti e tendenze. È questa la filosofia del cosiddetto fast fashion: una moda "multiforme e varia" che sforna prodotti con una data di scadenza prestabilita.

Se negli anni '80 e '90, quando impazzavano le top model e ci si era abituati a due stagioni predefinite, con l'arrivo della moda low cost tutto l'universo fashion ha subito un netto cambiamento. Non più fall-winter o spring-summer ma le nostre amate mid-season con annessi e connessi saldi e svendite. 

Modelle in fila con abiti StradivariusHDStradivarius
Abiti estivi Stradivarius

Fast Fashion VS Slow Fashion

Ma in cosa si differenziano questi due concetti di moda? Il cosiddetto slow fashion si rifà alla visione canonica di moda. Sebbene suddivisa in stagioni ben differenziate, ha come mission quella di creare capi atemporali che lascino un segno nelle vite di noi fruitori. La crociata dello slow fashion è quella di evitare un accumulo immotivato ed inutile di abiti, scarpe ed intimo lottando per la qualità dei cosiddetti "pochi ma buoni".

Visione esattamente antitetica quella del fast fashion. Pennellate impressioniste di colore sulla tabula rasa della moda: produzione maggiore di capi (si arriva addirittura a 18 collezioni all'anno), utilizzo di materie prime di minor qualità con conseguente abbassamento dei prezzi. È la moda che amano i Millennial che amano mixare a capi vintage ed a qualche raro oggetto di culto dello slow fashion.

Ma analizziamo in dettaglio qualche brand che ha rivoluzionato l'idea di moda...

ASOS

ASOS non è solo un brand, bensì un collettore di marche low cost. Un bazar 2.0, un "vaso di Pandora" ricco di sorprese e novità. ASOS è sempre un passo avanti: in pochi click riuscirai a rifarti il guardaroba senza spendere un capitale. Molto apprezzato anche dalle spose Millennial: vi consigliamo di dare un'occhiata per scegliere le vostre scarpe da sposa.  E su ASOS abbiamo potuto assistere al lento risorgere dei sabot, oggi conosciuti come mules

Abiti, accessori, inspirational look: ASOS è il "paese delle meraviglie" delle ragazze della Generazione Y!

Modella indossa abito ASOS color orangeASOS
ASOS

Zara

È la prima creatura dell'universo INDITEX di Amancio Ortega: Zara è uno dei brand più amati dai giovanissimi. Non esiste città al mondo che non sia stata colonizzata dal lusso low cost del brand iberico. Zara è croce e delizia delle più giovani: se da una parte i prezzi al ribasso ci spingono all'acquisto, dall'altra parte il costante riciclo di idee e capi ci fa sentire fuori moda in un batter d'occhio.

Zara non è un brand...è una religione! Stampe particolari, colori strong, scarpe con il tacco adatte a tutte! Impossibile non avere almeno un accessorio firmato Zara nel nostro armadio. Ma la domanda sorge spontanea: quanto dura un capo di questo brand? Non siamo di fronte ad una borsa Chanel, o una cintura Hermes! Durerà il tempo che una nuova tendenza non soppianti quella presente.

TOPSHOP

TOPSHOP è quel tipo di brand che sembra costoso...ma non lo è! Un capo di questa marca dona al nostro outfit un'immediata allure very very chic. TOPSHOP è venerata nei paesi del nord Europa e si sta facendo strada in tutto il mondo.

Sarà per gli abiti così freschi come il cuore delle donne, per quegli accessori così glamour, per quelle modelle dal colore di capelli così inspirational...ma non riusciamo davvero a resistere alla brand identity di TOPSHOP!

Modella indossa abito a righe e con pizzo firmato TOPSHOPTOPSHOP
Abito a righe firmato TOPSHOP

H&M

Un'altra marca che ha trafitto i cuori delle giovani Millennial è sicuramente H&M. Dalla Svezia con furore il cotone ecologico che appassiona anche gli amanti della natura. Un brand che porta con sé valori come la sostenibilità, il lusso a prezzi stracciati, il nero e il bianco come veicoli di sentimenti e sensazioni contrastanti.

Decathlon

Ed anche il mondo dello sport non è alieno a questa ondata di "downshifting". Se prima comprare attrezzatura tecnica, abbigliamento sportivo ed accessori vari risultava essere abbastanza caro, con l'avvento di Decathlon le cose sono nettamente cambiate.

Prezzi modici, un ampio ventaglio di scelta, un ricambio costante di prodotti. Essere alla moda anche quando si esce a correre non è più utopia. Nuovi brand, nuvoi tessuti e nuovi colori in una ventata di aria fresca chiamata Decathlon!

Modella indossa bikini colorato DecathlonDecathlon
Bikini Decathlon

Che siate più della campana "slow" che di quella "fast" non potete non accettare l'inesorabile cambiamento dei dettami della moda. L'importante è essere coscienti che il vero stile personale non passa mai. Bisogna lasciarsi cullare dalla moda ma non farsi trascinare: il fashion va scrutato con occhio critico e riproposto in una forma unica e personalizzata. 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.