Stai leggendo: RU-486: tutto quello che c’è da sapere sull’aborto 'dolce'

Prossimo articolo: Obiezione di coscienza e aborto: la situazione in Italia

Letto: {{progress}}

RU-486: tutto quello che c’è da sapere sull’aborto 'dolce'

Dal 2009 in Italia è possibile praticare l’aborto farmacologico, scopriamo insieme di cosa si tratta e quali sono i limiti, legali e non solo, della RU-486.

Pillole di una popolazione

0 condivisioni 0 commenti

Dopo anni di lotte, alla fine del 2009 e grazie al nulla osta dall'Agenzia Italiana del Farmaco, anche in Italia è arrivata la possibilità di porre fine a una gravidanza indesiderata con l’aiuto della RU-486.

La famosa pillola abortiva è una preparazione farmacologica a base di mifepristone, uno steroide sintetico in grado di indurre l’aborto chimico entro i primi 49 giorni di gravidanza.

RU-486 dove trovarla e come funziona

L’aborto farmacologico in Italia ad oggi può essere effettuato solo in ospedale, previo ricovero ed entro l’inizio della settima settimana di gestazione.

Compresse le l'aborto farmacologicoHDCosmopolitan

Tale tipologia di interruzione di gravidanza prevede l’assunzione di due farmaci: appena ricoverata alla paziente viene somministrata per via orale il mifepristone. Questa compressa è atta a bloccare gli effetti del progesterone, l'ormone femminile che sviluppa la gravidanza, e  fa sì che l'embrione possa distaccarsi dall’utero.

Il secondo farmaco che bisogna prendere perché l’aborto “dolce” vada a buon fine è una prostaglandina, la cui funzione è quella di stimolare le contrazioni dell’utero e quindi di aiutare l'espulsione di tutti tessuti che si stavano sviluppando.

Entro 48 ore dall’assunzione del mifepristone alcune perdite ematiche, che potrebbero durare per più settimane, confermeranno che la gravidanza è stata interrotta.

A qualche giorno dalla somministrazione del secondo farmaco sarà comunque obbligatorio fare un'ecografia e, nel raro caso in cui l'utero non fosse completamente pulito, sarà necessario sottoporsi a un raschiamento chirurgico.

La percentuale di successo dell’aborto farmacologico, il cui costo è coperto dal Servizio Sanitario Nazionale, è del 95%.

RU-486 e la legge 194

L’aborto farmacologico deve essere effettuato nel rispetto della Legge 194 che disciplina l’interruzione volontaria di gravidanza. È per questo che il “problema” dei troppi ginecologi obiettori di coscienza tocca anche la RU-486, in quanto i medici possono avvalersi del diritto di non somministrala.

Striscione in una manifestazione pro abortoCorriere della Sera

Tale Legge, ultimamente parecchio discussa, non dà comunque il permesso al personale sanitario - anche se obiettore - di evitare di prestare aiuto alle pazienti che hanno assunto il mifepristone e che si trovano sotto osservazione in ospedale.

Su questo punto, infatti, è stata molto chiara la Corte di Cassazione la quale, in una sentenza del 2013, ha condannato una guardia medica che si è rifiutata di assistere una donna già sottoposta ad un intervento di interruzione della gravidanza mediante somministrazione farmacologica.

RU-486 lo “strano caso” della Regione Lazio

Sempre in virtù della Legge 194, che sancisce anche il dovere delle regioni di garantire sulla sua piena attuazione, il Presidente della Regione Lazio Andrea Zingaretti ha deciso - per un tempo di 18 mesi di prova - di mettere a disposizione delle donne la RU-486 nei consultori a partire da maggio del 2017.

Striscione pro abortoHDLa Repubblica

Tale presa di posizione ovviamente è stata ostracizzata da più parti, soprattutto dopo la decisione dello stesso Zingaretti di indire un concorso riservato a soli medici ginecologi non obiettori per due posti nell’Ospedale San Camillo di Roma.

Eppure, come ha spiegato il Direttore Generale del Dipartimento Salute e Politiche Sociali della regione Lazio Vincenzo Panella a La Repubblica:

In molti paesi europei, ad esempio in Francia, l’aborto chimico è ormai una pratica ambulatoriale. Nella nostra regione ormai il 15% delle interruzioni di gravidanza avviene con la RU-486, e lo spostamento nei consultori potrebbe allentare la pressione sugli ospedali, ma anche offrire alle donne un'assistenza multidisciplinare. In un contesto dove la sicurezza è garantita, appunto, dalla stretta collaborazione tra consultorio e ospedale.

Cosa ne pensate dell'idea di rendere disponibile l'RU-486 anche nei consultori? Discutiamone insieme nei commenti!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.