Stai leggendo: Tutti in bianco: i vini che non possono mancare sulle tavole estive

Prossimo articolo: Estate 2017 a tavola: mode e tendenze in arrivo nei prossimi mesi

Letto: {{progress}}

Tutti in bianco: i vini che non possono mancare sulle tavole estive

Il vino è l’apostrofo fra le parole "buon" e "appetito". Per le vostre cene d’estate, portate in tavola bottiglie italiane, di qualità e che ben si adattino alle vostre ricette.

Bere bianco e italiano: i vini da portare in tavola d'estate

0 condivisioni 0 commenti

Estate: tempo di cene all’aperto, aperitivi in spiaggia, picnic all’aria aperta. E vino fresco. Con il caldo si tende ad abbandonare il rosso corposo in favore di vini bianchi leggeri e fruttati, non importa se fermi o mossi, ciò che conta è che siano freschi e di ottima qualità!

Seguiteci in questa degustazione dei vini che non potranno mancare sulle vostre tavole estive.

Schiopetto Collio

Bottiglia di Schiopetto CollioHD

Cominciamo con un’eccellenza: presente, con 98 punti, nella lista dei 100 vini migliori al mondo nel 2016, mentre già l’anno prima si era fatto riconoscere come miglior vino d’Italia. La sua eccezionalità non si ferma ai riconoscimenti: all’olfatto si presenta come un vino aromatico, con note di pera e albicocca che ben si fondono con un profumo di fiori di campo. La stessa complessità la si ritrova in bocca, dove sprigiona un sapore dinamico, che si muove tra la freschezza e la sapidità.

Un vino così importante, diventa subito il re della tavola, consigliamo abbinamenti con ingredienti altrettanto importanti, come il prosciutto di San Daniele. I più arditi possono invece sperimentare l’abbinamento con la cucina orientale.

Greco di Tufo

Bottiglia di Greco di TufoHD

La cucina estiva prevede che si portino in tavola piatti freddi o pietanze di pesce. Quale sia la vostra scelta, in entrambi i casi non può mancare sulla vostra tavola questa eccellenza DOCG campana.

Appena versato, il suo colore giallo paglierino conquisterà e appagherà la vista, mentre all’olfatto non potrà sfuggire il suo bouquet intenso. Un solo sorso vi conquisterà: in bocca vi rimarrà un finale persistente e sapido, che, dicevamo, ben si abbina a piatti di pesce anche complessi come una zuppa o ad antipasti freddi come l’immancabile prosciutto e melone.

Gewürztraminer

Bottiglia di GewurztraminerHD

Risaliamo in fretta l’Italia per portarvi a gustare una delle eccellenze vinicole dell’Alto Adige. Questo vino si ricava da vitigni a buccia rosata, ma il colore finale è un intenso giallo paglierino, con riflessi tendenti all’oro. Già dal nome si nasconde una delle sue caratteristiche organolettiche principali, ossia il gusto aromatico, infatti Gewürztraminer significa "Traminer speziato". Preparate la griglia o l’olio bollente, perché questo splendido vino, da servire rigorosamente freddo, ben si sposa con grigliate o fritture di pesce.

Chardonnay

ChardonnayHD

Così come per il precedente, il nome di questo vino non deve trarvi in inganno: lo Chardonnay si coltiva in tutto il mondo, anche e soprattutto nel nostro Paese, soprattutto Veneto, Friuli e Piemonte. Con una diffusione così ampia su scala mondiale e una così estesa varietà di lavorazioni, il suo colore oscilla tra il giallo paglierino e il dorato, ma ciò che più di tutto colpisce a un primo esame è il profumo che rilascia: un connubio di frutti come la mela e l’ananas che richiama il gusto elegante.

Questo è sicuramente un ottimo vino da aperitivo!

Falanghina

Bottiglia di FalanghinaHD

Torniamo in Campania per un vino DOC che ben si sposa con le ricette del suo territorio, come i gustosi primi piatti a base di pesce (risotto ai ricci di mare, pasta alle vongole, risotto agli scampi…).

Si può gustare fermo o mosso, perché queste uve vengono utilizzate anche per la produzione di spumanti.

Se il profumo della versione ferma risulta essere intenso, floreale e fruttato, qualcosa si perde nella spumantizzazione e lo stesso si può dire del gusto: nel primo caso mantiene un tono complesso, che diventa più fresco e leggero nello spumante.

Alcamo

Bottiglia di AlcamoHD

Continuiamo il nostro viaggio in Sicilia, sempre con un vino DOC. Il suo colore giallo paglierino con lievi riflessi verdognoli spicca sulla tavole su cui verranno serviti piatti di pesce semplici, come frutti di mare da gustarsi in purezza.

Al naso si avertono sentori quasi limonati, mentre in bocca, dopo una freschezza iniziale, rimane un sentore di mandorle amare.

Vermentino di Sardegna

Bottiglia di VermentinoHD

Un prodotto DOCG che non può mancare sulle vostre tavole estive: il profumo elegante, con note fruttate e floreali e il gusto fresco e sapido ben si sposano con piatti a base di crostacei o i formaggi freschi. Ottimo quindi sia come aperitivo sia durante il pasto!

Zibibbo

Bottiglia di ZibibboHD

E per concludere la lista e il vostro pasto, non poteva mancare un vino dolce! E non uno qualsiasi: nel 2014 l’UNESCO ha dichiarato la pratica agricola della coltivazione della vite da cui si ricava lo Zibibbo patrimonio dell’umanità.

Importante quanto le sue origini è anche il profumo dello zibibbo, che lo rende immediatamente riconoscibile e partner perfetto per un fine pasto sia salato a base di formaggi sia dolce, come per esempio un buon gelato al pistacchio, ingrediente tipico della terra di questo stupendo vino.

Come dite? Vi è venuta sete? Correte allora a versarvi un bicchiere di vino e tornate a dirci quali sono le vostre scelte per accompagnare le ricette dell’estate!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.