Stai leggendo: Grey’s Anatomy 13: la recensione dell’episodio 21, Non fermarmi adesso

Prossimo articolo: Arrivano i pompieri: 10 motivi per amare lo spin-off di Grey's anatomy

Letto: {{progress}}

Grey’s Anatomy 13: la recensione dell’episodio 21, Non fermarmi adesso

Meredith non ha dovuto confessare la verità su Nathan a Maggie: è bastata una carezza per svelare tutto, nel peggiore dei modi. Ecco cos'è successo nell'episodio 21 di Grey's anatomy 13.

388 condivisioni 0 commenti

Come farà Meredith a dire la verità a Maggie riguardo a Nathan in questo episodio 21 di Grey’s Anatomy? Riuscirà a dirglielo guardandola negli occhi e a farle capire che non ha fatto dei sotterfugi maliziosi, ma ha solo cercato di proteggerla? Beh, non c’è stato bisogno che Meredith “confessasse” il suo rapporto con Nathan a Maggie perché è bastata una carezza per svelare tutto.

Meredith Grey e Nathan RiggsHD
Il gesto che svela tutto

Il momento in cui tutti capiscono tutto non lascia immaginare nulla di buono: Nathan accarezza tutto carino Meredith, Meredith lo guarda tutta contenta, Maggie, l’amorevole sorella, riprende con il cellulare la scena celebrativa e SBAM, capisce tutto. E non solo! Meredith capisce che Maggie ha capito! Il massimo della telepatia, praticamente… in tipico stile Grey’s Anatomy.

Maggie Pierce e Meredith GreyHD
Meredith sa che Maggie sa

E da lì, torniamo tutti ai tempi delle scuole medie quando dovevi rincorrere la tua amichetta che si era offesa perché il ragazzino più carino della scuola aveva salutato te e non lei. Alla fine è una gara dura scegliere se sia più esagerata Maggie a prendersela così tanto o se sia stata più tonta Meredith a non dire le cose come stavano fin da subito.

La Bailey in Grey’s Anatomy deve dire quel che deve dire

È una costante di Grey’s Anatomy che le situazioni si complichino perché non ci si parla apertamente fin da subito. Oddio… in realtà potrebbe essere una costante della vita di molti di noi. Per fortuna che spesso c’è la Bailey di turno a fare un po’ di ordine tra le cose e a sottolineare come sia sempre molto poco saggio dare la meglio all’ego.

Sarebbe così semplice tenere a mente che spesso basterebbe dire:

Ho sbagliato

E sarebbe così semplice deporre le armi prima di spezzare la corda dopo averla tirata per tanto, troppo tempo. Ma questa è una cosa che solo le persone sagge, come Richard Webber, riescono a fare. E c’è un altro uomo molto saggio in Grey’s Anatomy che sa sempre come stupirci: Owen Hunt. Lui non sa perché Amelia stia piangendo disperata, sa solo che deve esserci per abbracciarla forte e farle sentire che, nonostante le discussioni, le incomprensioni, i litigi, lui c’è.

Il futuro di Grey’s Anatomy vedrà le sorelle riconciliate?

Il finale è tutto per Meredith e Maggie e ci fa capire che gira e rigira, quelle due sono fatte per guardarsi le spalle. Il monologo parla chiaro:

Per quanto tu sia arrabbiata, per quanto tu voglia escludermi, sappi questo: sei mia sorella, che ti piaccia o no. E ci sarò per sempre.

Ma parla chiaro anche la frase che Meredith dice a Maggie:

Sei mia sorella e di sicuro non ti voglio perdere per un uomo.

La speranza è che Maggie sia matura abbastanza da capire che Nathan potrebbe rappresentare un pizzico di felicità per Meredith: non è giusto che ci rinunci per una cotta non corrisposta.

Appuntamento a lunedì prossimo su FoxLife con l’episodio 22 di Grey’s Anatomy 13.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.