Stai leggendo: Spaghetti allo scoglio

Prossimo articolo: Ravioli di pesce con ripieno delicato a base di nasello e patate

Letto: {{progress}}

Spaghetti allo scoglio

Gli spaghetti allo scoglio hanno il profumo del mare e il sapore delle giornate di vacanza. Prepara questo primo della tradizione campana con il pescato fresco.

Spaghetti allo scoglio con pomodorini

0 condivisioni 0 commenti

Gli spaghetti allo scoglio sono un grande classico della cucina partenopea. Cozze, calamari, seppie e gamberi sono gli ingredienti principali e sono anche la principale difficoltà di questo piatto. Per ottenere il risultato giusto devi comprarli tutti freschissimi dal tuo pescivendolo. Ma come pulirli? La seppia va lavata sotto l’acqua corrente con la testa rivolta verso il basso. Dopodiché devi eliminare l’osso estraendolo con due dita e tagliare la testa sfilandola insieme a tutte le interiora. L'ultimo passaggio è l'eliminazione della pelle così da scoprire la parte bianca della seppia.  

La prima difficoltà è superata. Puoi passare alle cozze e staccare subito la barbetta tra le valve, definita bisso. Pulisci il guscio con una spazzola dura sotto l’acqua corrente e immergi le cozze pulite in una ciotola con dell'acqua salata. Lasciale in ammollo affinché espellano gli ultimi residui di impurità. Abbi solo l’accortezza di cambiare 3 o 4 volte l’acqua della ciotola.  

Sei quasi arrivata al traguardo. I tuoi spaghetti allo scoglio prevedono ancora gamberi e calamari. I primi li cuocerai con il guscio, mentre i secondi dovrai pulirli. Lava i calamari sotto l’acqua corrente e rimuovi i tentacoli in modo da togliere le interiora attaccate alla testa. Estrai la penna cartilaginea che si trova nella sacca di forma conica e svuotala di tutte le interiora. Elimina la tasca con l’inchiostro e lavali nuovamente sotto l’acqua corrente. Ora sei davvero pronta per iniziare la tua ricetta.

Informazioni

Ingredienti

  • Spaghetti 400 gr
  • Calamaro 1
  • Seppia 1
  • Gamberi 300 gr
  • Cozze 500 gr
  • Pomodorini maturi 500 gr
  • Olio extra vergine di oliva 1 dl
  • Aglio 1 spicchio
  • Peperoncino 1
  • Prezzemolo 1 mazzetto
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Pulisci la seppia e il calamaro, tagliali in pezzi non troppo piccoli e mettili da parte. Trita finemente il prezzemolo e metti un filo d’olio in padella insieme allo spicchio d’aglio.

  2. Quando l’aglio è imbiondito estrailo dalla padella e tuffa le cozze pulite nell’olio. Non appena cominciano ad aprirsi, sfuma con il vino bianco e aggiungi il prezzemolo tritato.

  3. Lascia andare a fuoco basso per qualche minuto e poi spegni. Metti le cozze in una ciotola e filtra il liquido di cottura con un colino.

  4. In un altro tegame metti un filo d’olio e fai rosolare la seppia, i gamberi e il calamaro insieme al peperoncino. Falli rosolare 3 o 4 minuti dopodiché estraili dall’olio. Nello stesso tegame fai cuocere i pomodorini tagliati a metà.

  5. Aggiusta di sale e lascia cuocere per circa 10 minuti a fuoco medio. Quando i pomodorini sono cotti, aggiungi cozze, calamari, seppie e gamberi e versa un mestolo del liquido di cottura delle cozze. Lascia insaporire per qualche minuto.

  6. Nel frattempo porta a bollore dell’acqua salata in una pentola capiente e cuoci i tuoi spaghetti. Scolali al dente e condiscili direttamente nel tegame con il sugo di pesce.

  7. Servi gli spaghetti allo scoglio su un bel piatto da portata accompagnati da un buon vino bianco campano.

Linguine allo scoglio 

Qual è la pasta ideale per questo piatto: linguine o spaghetti? In realtà vanno bene entrambi i formati. Potresti persino usare le pennette come vuole la tradizione laziale, che impone triglia e scorfano in sostituzione di cozze, gamberi, calamari e seppie. Devi cioè pulire i due pesci ed eliminare le spine. Dopodiché fai soffriggere l’aglio con i pomodori e aggiungi 400 grammi circa di scorfano e triglie.

La ricetta senza pomodori

Preferisci la pasta allo scoglio in bianco? Devi semplicemente eliminare il pomodoro e seguire tutti i passaggi della ricetta qui sopra. Per non fare sentire l’assenza del pomodoro, puoi aggiungere un cucchiaino di salsa Worcester nella padella dove farai insaporire seppie, calamari e gamberi. Si tratta di una salsa agrodolce inglese leggermente piccante. Gli ingredienti principali sono cipolle, aglio, acciughe, scalogno, erbe aromatiche, aceto di malto e peperoncino.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.