Stai leggendo: Falsi cantucci

Prossimo articolo: Pan di Spagna: come evitare gli errori e sfornare una torta ideale

Letto: {{progress}}

Falsi cantucci

Biscotti di Prato, tozzetti, cantucci - sono alcuni dei nomi di questi biscotti secchi, tipici della tradizione toscana, con doppia cottura e forma inconfondibile.

Biscotti secchi con mandorle

27 condivisioni 0 commenti

"Biscotto a fetta, di fior di farina, con zucchero e chiara d'uovo" così vengono definiti i cantucci nel dizionario dell'Accademia della Crusca nel lontano 1691. Questi biscotti secchi vengono gustati soprattutto con il Vin Santo e il loro nome dal latino "cantellus" significa pezzo o fetta di pane.

Da grande amante di questi biscotti non potevo non inventarmi una versione leggera, praticamente senza grassi, senza zucchero e con meno farina. Devo dirvi che non avevo grandi aspettative ma il risultato mi è piaciuto molto (e non solo a me, pensate che ho dovuto nascondere la latta in cui li avevo messi altrimenti rimanevo senza colazione).

Biscotti secchi con mandorleHD

Per preparare questi biscotti leggeri simil cantucci servono pochi ingredienti e un po' di tempo, perché ci vuole la doppia cottura. Vediamo insieme qual è il procedimento.

Informazioni

Ingredienti

  • Uova 2 pz.
  • Farina integrale 30 grammi
  • Cocco grattugiato 1 cucchiaio
  • Mandorle 12 pz.
  • stevia 2 bustine
  • Lievito per dolci mezzo cucchiaino
  • Vanillina a piacere

Preparazione

  1. Monto le uova con la stevia e la vanillina finché ottengo un composto cremoso.

  2. Incorporo la farina, il lievito setacciato e il cocco grattugiato. 

  3. Verso l'impasto in una pirofila da forno foderata di carta forno (la mia pirofila ha il diametro di 22 cm) e aggiungo le mandorle a lamelle.

  4. Faccio cuocere nel forno caldo a 180 gradi per 25 minuti. Tolgo dal forno e lascio raffreddare poi taglio a strisce (con lunghezza di circa 8-9 cm e larghezza di 1 cm) sistemo i biscotti su una teglia e rimetto nel forno a 150 gradi per altri 35 minuti (o comunque finché diventano secchi). 

    Attenzione a non farli bruciare, devono soltanto seccarsi.

Sapevi che?

La storia di questi biscotti è molto vecchia. I primi biscotti sono apparsi nell'Impero Romano, venivano usati dai soldati delle legioni romane nelle spedizioni che facevano (duri, ma consistenti e profumati, i biscotti si conservavano a lungo termine). E non a caso venivano chiamati biscotti: "bis" due e "coctum" cotti - cotti due volte.

Seguici anche su Facebook:
Dimagrire - diario di una cicciona
GiuRodimangiarsano

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.