Stai leggendo: Sex and the City: appare per la prima volta la sigla alternativa

Prossimo articolo: Sex and The City, Cynthia Nixon: mai con una donna prima di Christine!

Letto: {{progress}}

Sex and the City: appare per la prima volta la sigla alternativa

E se la giovane Carrie non avesse mai "sfilato" per le strade di Manhattan con il suo celebre tutù? Ecco la sigla di Sex and the City che non avete mai visto.

62 condivisioni 0 commenti

Marzo 1998. Fifth Avenue. Manhattan. Una giovane Sarah Jessica Parker sta girando la sigla di una delle serie TV simbolo degli anni '90: Sex and the City.

Una giovane giornalista, un tutù, un autobus. E il resto è storia. Almeno fino ad oggi.

Grazie ad Entertainment Weekly, in realtà, scopriamo che la sigla del celebre show firmato HBO sarebbe dovuta essere un'altra.

Sex and the City: tutte le curiosità sui titoli di testa

Arriva dritta dritta dagli archivi dell'emittente la nuova versione dell'opening di Sex and the City. Potete vederla in testata, senza audio, ma dovreste già conoscere a memoria il famoso motivetto, vero?

Oltre alla versione col tutù ne esisteva un'altra in cui Carrie indossava un abito blu, si distraeva guardando la pubblicità della sua rubrica sulla fiancata di un autobus, e per poco non finiva per terra.

A spuntarla, alla fine, e per fortuna, è stata la sigla che tutti noi conosciamo e che abbiamo imparato ad amare in tutti questi anni.

Sia la Parker che gli autori volevano che Carrie indossasse quel tutù. Immaginare un'alternativa altrettanto valida era impossibile.

Più che un semplice outfit (glamour e stiloso come si conviene), quel tutù era una vera e propria dichiarazione d'intenti, una metafora dell'intera serie e della vita di Carrie, Miranda, Charlotte e Samantha.

È come se le ragazze stessero sfilando e ballando, vestite di tutto punto, per New York, come se fosse una grande rappresentazione delle loro vite.

Carrie con il tutù
Senza quel tutù la serie non sarebbe stata la stessa cosa.

Lo stesso tutù ha poi vissuto un piccolo momento di gloria nel primo film dedicato al franchise, quando Carrie lo ritrova, in mezzo a un mucchio di tanta altra roba, mentre sistema il suo armadio.

Contenti della scelta finale della produzione, o avreste preferito una Sarah Jessica Parker più formale e sobria tra le vie della città?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.