Stai leggendo: Grey’s Anatomy 13: la recensione dell’episodio 11, “Dove sono tutti?”

Prossimo articolo: Shonda rivuole Sandra Oh in Grey's Anatomy. Cos'ha risposto l'attrice?

Letto: {{progress}}

Grey’s Anatomy 13: la recensione dell’episodio 11, “Dove sono tutti?”

La Rhimes ci porta pian piano a scoprire cosa sia successo a Karev in Grey's Anatomy 13: non è in galera, ma ancora non sappiamo perché. Ecco la nostra recensione.

303 condivisioni 0 commenti

L’episodio 11 di Grey’s Anatomy 13 ci ha dato finalmente qualche risposta, ma di certo non tutte quelle che volevamo. Speravamo di inserire nella nostra recensione una riflessione sulla scelta di Alex Karev, ma non è ancora chiaro cosa sia successo e perché abbia passato la sua giornata nel letto di Meredith invece che in galera. Sembra che la cosa si sia risolta nel migliore dei modi, ma conoscendo Shonda Rhimes sappiamo che la “fregatura” è sempre dietro l’angolo.

Chi non ha vissuto bene questo episodio 11 è stato di sicuro Richard Webber che si è trovato una Minnick tra le scatole, vogliosa di ribaltare tutto quel che lui ha fatto fino ad ora: tutto il suo esemplare metodo di insegnamento che è ciò su cui potremmo dire si fondi il Grey Sloan Memorial Hospital, ospedale universitario. La mente corre subito al celebre discorso che Webber fa agli specializzandi nel giorno del loro arrivo: lo abbiamo sentito per la prima volta ai tempi in cui Meredith, Cristina, Alex, Izzie e George erano dei cuccioli spauriti, ma lo abbiamo risentito poi quando loro erano cresciuti e assistevano a quel discorso dall’alto della sala operatoria.

È davvero difficile immaginare che Miranda Bailey possa voler mettere da parte Webber come insegnante, ma è ancora più difficile accettare che tutto questo stia succedendo per colpa di Catherine Avery. Quella donna sembra davvero incontenibile: un uragano pronta a far piazza pulita di tutto e di tutti se è per il suo bene. E non importa se deve calpestare la nuora (povera April!) o il marito (povero Richard!).

Chi avrà la meglio? Gli specializzandi capitanati dalla Minnick e dalla Bailey (con Catherine che trama in silenzio) o gli strutturati che fanno il tifo per Richard? La risposta non la sappiamo, ma siamo certi di poter scommettere su due cose:

  • tutto questo porterà a una qualche spaccatura e a un qualche litigio;
  • il fatto che sotto sotto sia intervenuta Catherine prima o poi salterà fuori… e Richard non ne potrà certo essere felice.

Ci vediamo lunedì prossimo con Grey’s Anatomy 13 (in prima assoluta su FoxLife alle 21) per scoprire finalmente (speriamo!!!) perché Alex non è finito in galera, ma ha dormito beato tutto il giorno da Meredith.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.