Stai leggendo: Fregola con vongole e ceci: la ricetta di Sonia Peronaci

Prossimo articolo: Fregola con gamberi e pomodori

Letto: {{progress}}

Fregola con vongole e ceci: la ricetta di Sonia Peronaci

La fregola con vongole e ceci è un primo piatto tipico della Sardegna. L'accostamento di ceci e vongole potrà sembrare insolito ma il suo gusto ti stupirà!

Primo piano di fregola sarda con vongole e ceci su piatto bianco

6 condivisioni 0 commenti

Sai cos'è la fregola? È un formato di pasta tipico della Sardegna. Oggi proponiamo la versione di Sonia Peronaci che ha scelto l'abbinamento vongole e ceci. Non ci resta altro che accendere i fornelli!

Per realizzare questa ricetta è preferibile utilizzare i ceci secchi perché sono più gustosi di quelli in scatola. Per cuocerli puoi scegliere tra due opzioni: metterli in ammollo con acqua fredda la sera prima o cuocerli al momento, utilizzando la pentola a pressione. Noi ti consigliamo la seconda.

La fregola è una pasta di semola di grano duro a forma di piccole palline che viene lavorata a mano. È molto simile al cous cous ma è più grossolana. Il termine fregola è più recente, in Sardegna viene ancora chiamata fregula, nome che deriva dal latino "ferculum" e che significa briciola.

Questa pasta spesso la si prepara in casa, usando un catino di terracotta con il fondo piuttosto largo, facendo rotolare piccole palline di semola ed acqua. Queste vengono lavorate con la punta delle dita e poi si tostano in forno.  

In Sardegna la fregola viene preparata principalmente con le arselle, dei molluschi molto simili alle vongole. La differenza più evidente si trova nella forma: le vongole sono più tonde, le arselle invece hanno una tipica forma a ventaglio.

Informazioni

Ingredienti

  • Ceci secchi 100 gr
  • Rosmarino fresco 1 rametto
  • Vongole 1 Kg
  • Aglio 2 spicchi
  • Prezzemolo 1 mazzetto
  • Doppio concentrato di pomodoro 1 cucchiaio
  • Pomodori pelati 200 gr
  • Brodo vegetale 1 lt
  • Fregola 250 gr
  • Sale q.b.
  • Olio extra vergine di oliva 1 cucchiaio

Preparazione

  1. Riempi la pentola a pressione con 5 mestoli di acqua corrente, aggiungi i ceci, un rametto di rosmarino e sala. Chiudi con il coperchio e lascia cuocere per 50 minuti.

  2. Pulisci le vongole, lavandole con abbondante acqua corrente e strofinandole delicatamente tra loro. Scolale e riponile in una ciotola forata, lasciando che un sottile getto d'acqua corrente le bagni per circa 30 minuti: in questo modo la sabbia contenuta all'interno dei molluschi si depositerà sul fondo.

  3. Seleziona accuratamente le vongole, eliminando i gusci rotti. Riscalda a fiamma moderata una padella antiaderente e abbastanza capiente e versa all'interno le vongole. Chiudi con un coperchio e aspetta che si schiudano i gusci.

  4. Filtra l'acqua di cottura dei molluschi e conservala perché ti servirà per la cottura della fregola.

  5. Sguscia le vongole: ne potrai conservare qualcuna intera per decorare successivamente i piatti.

  6. Trita finemente il prezzemolo e conserva i gambi perché potrai aggiungerli al brodo vegetale leggero che ti servirà per cuocere la fregola insieme all'acqua di cottura delle vongole.

  7. In una padella antiaderente aggiungi l'olio extra vergine d'oliva e schiaccia all'interno l'aglio con l'apposito schiaccia-aglio e il prezzemolo, lasciando insaporire a fiamma dolce, mescolando tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno.

  8. Sciogli un cucchiaio di concentrato di pomodoro nell'acqua filtrata delle vongole, versalo nella padella insieme ai pomodori pelati spezzettati grossolanamente con una forchetta. 

  9. Aggiungi 4 o 5 mestoli di brodo vegetale e tuffa la fregola lasciandola cuocere per circa 5 minuti.

  10. Trascorso il tempo necessario, aggiungi i ceci e continua la cottura, rispettando il tempo indicato sulla confezione.

  11. Terminato il tempo di cottura della pasta, spegni il fuoco ed unire le vongole, mescolando il tutto.

    Buon appetito!

Per rimanere in tema culinario sardo, potrai servire la fregola con vongole e ceci sul pane carasau che ha origini antichissime. Questa è una tipologia di pane che si conserva per un tempo molto lungo: i pastori lo portavano con sé quando andavano via per molti giorni con il gregge.
È un abbinamento perfetto!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.