Stai leggendo: Luke di Una Mamma per Amica all'inizio doveva essere... una donna!

Prossimo articolo: La bromance di Milo Ventimiglia e Jared Padalecki in un nuovo selfie

Letto: {{progress}}

Luke di Una Mamma per Amica all'inizio doveva essere... una donna!

Luke della serie TV Una Mamma per Amica doveva essere una donna. Amy Sherman-Palladino ha rivelato che il personaggio inizialmente era stato pensato al femminile.

Scott Patterson nei panni di Luke Danes in Una Mamma per Amica

160 condivisioni 0 commenti

Per i fan di Una Mamma per Amica, la notizia è di quelle che fanno sobbalzare sulla sedia (e rovesciare il caffè, perché ogni Gilmore addicted è un grande consumatore di caffè).

Luke, il burbero dal cuore d'oro proprietario dell'omonima tavola calda di Stars Hollow, inizialmente non faceva parte della serie. O meglio, c'era... in altre vesti. Il suo personaggio, infatti, avrebbe dovuto essere una donna e chiamarsi Daisy.

La rivelazione è stata fatta a Entertainment Weekly dalla creatrice del mondo di Lorelai e Rory, Amy Sherman-Palladino, che ha rivelato che la nascita di quello che è in assoluto uno dei protagonisti più amati dal pubblico è stata del tutto casuale:

All'inizio, Luke era stato pensato come un personaggio femminile. [Il network, The WB, n.d.r.] è venuto da me e mi ha detto che c'era bisogno di un altro ragazzo, così non ho fatto altro che prendere quel personaggio e cambiargli nome, senza modificare i dialoghi, perché sono pigra.

Luke e Lorelai nella seconda stagione di Una Mamma per AmicaThe WB
Luke e Lorelai insieme in un episodio della seconda stagione di Una Mamma per Amica

Vero o no, trovata pubblicitaria o meno, sta di fatto che mai scelta è stata più azzeccata e fortunata. Sono bastati pochi episodi, infatti, perché i fan della serie iniziassero a tifare per una storia d'amore tra Luke e Lorelai.

Complice l'innegabile intesa tra Scott Patterson e Lauren Graham, ben presto è stato chiaro che il rapporto tra i due non si sarebbe limitato a quello tra "fornitore di caffè" e "consumatrice di caffè":

Abbiamo girato alcuni episodi e subito c'è stata chimica. È stata evidente quando si sono incontrati nel negozio di Taylor, mentre Lorelai spiava Dean. Luke era lì e c'è stata questa scena che non significava nulla.

Tuttavia, Lauren ha dichiarato che per lei la storia tra Luke e il proprio personaggio non era affatto scontata:

Non pensavo: 'Oh, ecco l'amore della vita [di Lorelai, n.d.r.]'. C'era solo questa divertente strana chimica tra due personaggi agli opposti e questo conflitto interno sul fatto che lui aveva ciò che lei desiderava, ovvero il caffè. Ma nei primi due anni sono uscita con diversi ragazzi. Jon Hamm [Peyton Sanders, conosciuto da Lorelai durante un'asta organizzata da Emily, n.d.r.] era uno di loro. Abbiamo avuto Max Medina. Avrebbe potuto andare in un sacco di modi. Semplicemente, questi due personaggi non hanno mai smesso di cercarsi e il loro rapporto è cresciuto.

Anche Scott ha confermato che la relazione tra Luke e Lorelai si è sviluppata per caso, in modo naturale, e ha dato il merito alla collega (smentendo indirettamente le voci secondo le quali i due non si sopportino):

Con queste cose non si può mai sapere. Puoi mettere le due persone più talentuose al mondo insieme sullo schermo e non funziona. Ho capito che [tra me e Lauren, n.d.r.] avrebbe funzionato nel momento in cui l'ho incontrata e abbiamo iniziato a girare. Abbiamo trovato il ritmo.

Insomma, quella che è senza dubbio una delle storie d'amore più belle del piccolo schermo è nata per una serie di fortunati eventi (parafrasando liberamente il titolo della celebre saga creata da Lemony Snicket), ma ora ciò che preme ai fan è altro.

Dopo aver accettato a denti stretti il bacio di riconciliazione tra Luke e Lorelai che (non) conclude la serie, quello che vogliono è un finale degno di questo nome. Amy Sherman-Palladino è avvisata.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.