Stai leggendo: Outlander 2: recensione finale di stagione

Prossimo articolo: Outlander: ufficialmente iniziate le riprese della terza stagione

Letto: {{progress}}

Outlander 2: recensione finale di stagione

L'atteso finale di stagione è ormai arrivato, insieme a due personaggi molto attesi, Brianna e Roger. Cosa è successo fra Jamie e Claire? Scopritelo con noi!

Outlander 2: recensione finale di stagione

175 condivisioni 0 commenti

Sia che abbiate letto i libri o atteso con ansia questo ultimo episodio senza incappare in spoiler, nessuno di noi era preparato a questa puntata che chiude la seconda stagione di Outlander.  Dragonfly in Amber, il titolo originale,  L'amuleto d'ambra, nella versione italiana, è la puntata numero tredici, appena andata in onda su FoxLife. 

Nell'episodio abbiamo finalmente avuto modo di vedere Brianna Randall, la figlia di Claire e Jamie, e Roger Wakefield, due personaggi molto attesi dai fan e apprezzati anche da chi non ha avuto modo di leggere i romanzi di Diana Galbadon su cui si basa la serie.

Brianna "Randall" e RogerHD
Brianna e Roger

Nel 1968 ritroviamo Claire e sua figlia al funerale del reverendo Wakefield ad Inverness,e in questo contesto Brianna viene a conoscenza della sparizione della madre esattamente nel periodo del suo concepimento. Decisa a chiedere spiegazioni e chiarimenti su chi sia il padre non crede però al racconto di Claire e al suo viaggio attraverso il tempo. E' solo quando vedrà Gillian Edgars, ovvero la Gillian che Claire aveva incontrato i primi mesi del suo viaggio al 1746, viaggiare attraverso le pietre di Craigh na Dun che si convincerà del racconto della madre.

Ma non dimentichiamoci il pezzo forte, la ciliegina sulla torta, il motore stesso di Outlander, la storia d'amore tra Jamie e Claire. Archiviata la pratica "il mio povero marito" (ovvero Frank Randall, deceduto prima del 1968) Claire è una donna matura che ha accettato la decisione di ritornare al futuro e salvare il figlio che aveva in grembo. Una promessa fatta a Jamie il giorno della battaglia di Culloden. Una separazione sofferta, e pur essendo passati vent'anni Claire, fisicamente nel futuro, si ritrova comunque legata al suo passato e alla sua vita con Jamie, che non ha mai dimenticato (perchè diciamo la verità, come si fa a dimenticare uno come Jamie?).

Jamie e Claire prima dell'addio e il ritorno al futuro di CLaireHD
Jamie e Claire prima dell'addio

Dopo le scorte di fazzoletti e generi di conforto durante la scena della separazione fra i due arriva un minimo di conforto nel finale. Quando tutto sembrava perduto Claire scopre, attraverso Roger, che Jamie non è effettivamente morto nella battaglia di Culloden come aveva sempre creduto. E allora la soluzione è una sola, deve tornare indietro perchè Jamie è ancora vivo!

Purtroppo il viaggio di ritorno è previsto per il 2017, con l'inizio della terza stagione della serie, le cui riprese però sono cominciate pochi giorni fa, come confermato anche da Sam Heughan (Jamie Fraser) via Twitter:

Ho ritrovato il mio vecchio amico, il Kilt....ma questa volta ha le "maniche"?

Traduzione: dopo la battaglia di Culloden furono messi al bando i kilt, quindi le maniche di cui parla Sam sono i pantaloni!

Ci rincuora inoltre anche il messaggio dell'autrice su Twitter, che ha avuto modo di visionare le prime riprese giornaliere della nuova stagione.

Per tutti gli aggiornamenti su Outlander continuate a seguirci su MondoFox!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.