Stai leggendo: Babà salato con ripieno di salame, formaggi, olive ed erbette

Prossimo articolo: Arancini di riso venere con ripieno di gamberetti, scampi e triglie

Letto: {{progress}}

Babà salato con ripieno di salame, formaggi, olive ed erbette

Il babà salato è perfetto come antipasto, come aperitivo o come merenda rustica. Il ripieno è a base di salame, provola, olive, prosciutto, fontina ed erbette.

Babà salato

0 condivisioni 0 commenti

Il babà salato di Sonia Peronaci fonde la morbidezza dell’impasto al sapore deciso del ripieno con salame, provola, fontina, olive e prosciutto a dadini.

Si tratta di una rivisitazione di un dolce famosissimo, considerato erroneamente di origini napoletane.

Sembra, invece, che il babà arrivi direttamente dalla Polonia e che debba il suo particolare nome ad un certo re Stanislao. Quest’ultimo era un amante delle fiabe e, in particolare, di quella con protagonista Ali Babà. Pensò dunque di battezzare il suo dolce preferito con il nome del suo personaggio preferito. Nacque così il babà.

Prepara il babà salato di GialloZafferano e stupisci tutti con la sua consistenza leggerissima e con il suo gusto rustico e saporito.

Informazioni

Ingredienti

Per il lievitino

  • Latte 120 ml
  • Lievito di birra disidratato 4 gr
  • Farina di manitoba 160 gr

Per l’impasto

  • Farina di manitoba 400 gr
  • Uova 8
  • Burro 150 gr
  • Burro per imburrare q.b.
  • Panna fresca 100 ml
  • Zucchero 10 gr
  • Pecorino grattugiato 40 gr
  • Sale 10 gr

Per il ripieno

  • Prosciutto cotto 150 gr
  • Salame 150 gr
  • Provola 150 gr
  • Fontina 100 gr
  • Olive di Gaeta denocciolate 80 gr
  • Rosmarino q.b.
  • Timo q.b.
  • Origano fresco q.b.
  • Erba cipollina q.b.
  • Maggiorana q.b.

Preparazione

  1. Comincia preparando il lievitino. Setaccia la farina di manitoba per arearla e trattenere grumi e impurità.

  2. Versa la farina in una ciotola, aggiungi il lievito di birra e il latte e impasta con le mani.

  3. Trasferisci l’impasto su una spianatoia in legno e continua ad impastare fino a quando non diventa morbido come la pasta per il pane. Mettilo in una ciotola coperta con la pellicola e lascialo lievitare per almeno 120 minuti in un forno spento con la luce accesa.

  4. Taglia a cubetti salame, provola, fontina e prosciutto cotto.

  5. Estrai il lievitino dal forno e mettilo in una planetaria con la frusta a foglia.

  6. Versa nella ciotola della planetaria quattro uova medie sbattute e la panna fresca liquida e aziona le fruste, aggiungendo la farina un cucchiaio alla volta. Setaccia sempre prima la farina.

  7. Quando gli ingredienti si sono amalgamati togli il gancio a foglia e metti il gancio a spirale. Aziona la planetaria, aggiungi zucchero e pecorino e lascia incordare, lascia cioè che la pasta si incordi sul gancio staccandosi dalle pareti della ciotola.

  8. A questo punto metti nell’impasto il burro a temperatura ambiente. Taglia il burro a pezzetti e versali uno alla volta mentre la planetaria lavora, in modo che le fruste li incorporino perfettamente.

  9. Aggiusta con un pizzico di sale e metti le quattro uova restanti. Aggiungi un uovo alla volta e continua a far lavorare le fruste per altri cinque minuti. L’impasto deve risultare molto elastico. 

  10. Trasferisci l’impasto in una ciotola e incorpora con un cucchiaio in legno il salame, i formaggi, le olive, il prosciutto e le erbe aromatiche tritate.

  11. Imburra un classico stampo savarin, versa il composto e lascialo lievitare per almeno 60 minuti all’interno del forno spento e con la luce accesa.

  12. Una volta che l’impasto è lievitato, fallo cuocere in forno statico a 180 gradi per 60 minuti.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.