Stai leggendo: Arancini di riso venere con ripieno di gamberetti, scampi e triglie

Prossimo articolo: Sushi all'italiana con riso, bietola, tonno e salmone crudi

Letto: {{progress}}

Arancini di riso venere con ripieno di gamberetti, scampi e triglie

Gli arancini di riso venere sono una versione elegante in total black dei classici arancini siciliani. Il ripieno è a base di piselli, gamberetti, scampi e triglie.

Arancini di riso venere

0 condivisioni 0 commenti

Gli arancini di riso venere sono una squisita combinazione tra la tradizione culinaria orientale e quella siciliana.

Il riso venere, infatti, è una varietà orientale a cui si attribuivano proprietà afrodisiache.

Il colore dei chicchi è di un nero molto intenso, con una percentuale di amido più bassa rispetto al riso tradizionale. In cottura cioè i chicchi tendono a rimanere separati.

Sonia Peronaci ti suggerisce un piccolo accorgimento per fare in modo che il riso diventi colloso e si presti meglio alla preparazione degli arancini: l’aggiunta di un paio di cucchiai di amido di riso.

Prepara gli arancini di riso venere di GialloZafferano con un ripieno a base di piselli e pesce e stupisci gli ospiti con un piatto elegante e saporito.

Informazioni

Ingredienti

Ingredienti per 10-12 arancini

  • Riso venere 300 gr
  • Scalogno 1
  • Vino bianco 50 ml
  • Amido di riso 2 cucchiai
  • Fumetto di pesce q.b.
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Sale q.b.

Per il ripieno

  • Gamberetti 200 gr
  • Scampi 200 gr
  • Triglie 200 gr
  • Piselli 150 gr
  • Aglio 1 spicchio
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Sale q.b

Per la panatura

  • Uova 2
  • Semi di sesamo nero q.b.
  • Olio di semi per friggere q.b.

Preparazione

  1. Pulisci gli scampi: stacca la testa, taglia il carapace con una forbice ed estrai la carne. Elimina anche il filo nero dell’intestino perché è piuttosto amarognolo.

  2. Pulisci i gamberetti staccando la testa ed eliminando il carapace. Infine pulisci le triglie: incidi il dorso con un coltellino e taglia la carne vicino alla lisca per estrarla. Tasta bene le carni perché la triglia è piena di spine. Se ne senti qualcuna al tatto, toglila con una pinzetta.

  3. Metti gli scarti del pesce (carapace e lische) in una pentola con l’acqua, una carota, una cipolla, un gambo di sedano, delle erbe aromatiche e un pizzico di sale e lascia cuocere per ottenere il fumetto di pesce.

  4. Trita lo scalogno e mettilo a soffriggere in una padella con un filo d’olio.

  5. Versa il riso nella padella e tostalo mescolandolo con un cucchiaio in legno. La cottura dura circa 40/45 minuti. Per dimezzare i tempi puoi usare una pentola a pressione.

  6. Sfuma il riso con il vino bianco. Quando il vino sarà completamente evaporato, aggiungi un paio di mestoli di fumetto di pesce.

  7. Trita tutto il pesce a pezzetti e metti olio e aglio in una padella, lasciando insaporire per pochi minuti.

  8. Versa in padella i piselli e lascia cuocere 5 minuti sfumando con il fumetto di pesce. Aggiungi anche il pesce a pezzi, aggiusta di sale e pepe e fai cuocere per 2 minuti.

  9. Dedicati alla cottura finale del riso. Per renderlo più colloso aggiungi due cucchiai di amido di riso e termina la cottura. Trasferisci il riso in una ciotola per farlo raffreddare prima della preparazione degli arancini.

  10. Rompi le uova e sbattile con una forchetta.

  11. Ungi le mani con l’olio per non fare attaccare il riso e comincia a formare gli arancini. Prendi un pugno di riso da 50/60 grammi appiattiscilo sul palmo della mano, fai una conchetta, metti un po’ di ripieno di pesce chiudi e forma una polpetta. Passala nell’uovo e nel sesamo nero e mettila in un piatto.

  12. Per dare all'arancino la classica forma a pera, prepara prima una pallina con il ripieno, poi stringi una estremità tra i due palmi per formare un apice e passala nell’uovo e nei semi di sesamo. Continua fino a terminare tutto il riso e tutto il ripieno

  13. Metti a scaldare l’olio fino a 180 gradi e friggi gli arancini due alla volta per pochi minuti. Non mettere più di due arancini altrimenti la temperatura dell’olio si abbassa troppo.

  14. Fai raffreddare gli arancini di riso venere per qualche minuto e servi.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.