Stai leggendo: Il nostro commento al secondo episodio di The Catch: Il vero assassino

Prossimo articolo: La caccia si fa seria nel secondo appuntamento con The Catch!

Letto: {{progress}}

Il nostro commento al secondo episodio di The Catch: Il vero assassino

Chi è davvero Christopher Hall? I sentimenti che provava per la Vaughan erano reali? E qual è il piano di Alice? La caccia, a quanto pare, è appena cominciata

Alice Vaughan in primo piano durante il secondo episodio

89 condivisioni 24 commenti

Nel primo episodio di The Catch ne abbiamo viste di tutti i colori: abbiamo conosciuto Alice e Christopher, abbiamo vissuto il sogno e la menzogna allo stesso tempo, passando dai preparativi di un matrimonio alla caccia al ladro dopo un doloroso tradimento. 
Se nel pilot abbiamo assaggiato l'ebrezza di una sexy caccia all'uomo, in questo secondo episodio iniziamo davvero a giocare al gatto e al topo.

Oltre al posizionare ancora meglio sulla scacchiera tutti i protagonisti principali, ne Il Vero Assassino andiamo più a fondo nella psicologia di Christopher e iniziamo a intravedere meglio i giochi di potere che lo legano ai suoi colleghi, e in primis a Margot.

Anche se non è una sorpresa, scoprire che Hall è davvero innamorato di Alice è un sollievo. Non tutto era finzione. Alice lo avrà intuito? Sarà per quello che rimane ossessionata dal suo ex fidanzato nonostante l'imperdonabile tradimento? 
Pur di non sparire completamente, Christopher riesce a convincere Margot a rimanere a Los Angeles, mostrandoci ancora una volta la sua abilità nel manipolare le persone e far volgere gli eventi in suo favore senza che nessuno se ne accorga. Il suo nuovo obiettivo è la principessa Zara... triangolo d'amore in vista?

Mentre Christopher si mostra un personaggio degno di essere approfondito, Alice ci mostra come si lavora alla Aderson/Vaughan Investigations con il primo caso dello show.
La trama verticale, per chi già è avvezzo di Shondaland, non dona particolari colpi di scena, e si sviluppa esattamente come in Scandal e Le Regole Del Delitto Perfetto.

Il primo caso affrontato da Alice in The CatchHD

 

Ci troviamo di fronte a un omicidio: abbiamo un indiziato che ha praticamente scritto "colpevole" in fronte. Inizialmente gli si concede il beneficio del dubbio, si gettano un po' di ombre sull'altro sospettato ma poi, con un colpo di scena (o presunto tale) si torna al punto di partenza confermando le accuse originali. A risolvere il caso è ovviamente Alice, che ci mostra di avere anche lei un intuito "alla Olivia Pope".
A giustificare questo debole momento sono le motivazioni dell'investigatrice. Alice si identifica infatti "in quella povera donna che ha perso tutto credendo nell'innocenza del marito colpevole."

La differenza con la cliente sta però nella voglia di riscatto della Vaughan e nel suo disperato bisogno di validazione. Dopo aver visto crollare in un colpo solo la sua vita affettiva e la sua capacità di giudizio, Alice riparte dal lavoro per ritrovare se stessa, e lo esplicita a tutti con una frase:

Ho bisogno di sapere che sono ancora brava in questo."

I motori si scaldano davvero solo sul finale dell'episodio, quando ripercorrendo la sua storia d'amore fallita Alice individua il particolare capace di farla giocare una mossa d'anticipo sull'avversario. Christopher trae ispirazione per le sue identità fasulle dai necrologi che legge sui giornali.
Quale sarà il suo prossimo alter ego? A fornirglielo è proprio Alice, che ritrova il suo slancio e ora è pronta a giocare davvero.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.