Stai leggendo: Pesto trapanese con pomodori, aglio, mandorle, olio e basilico

Prossimo articolo: Pesto di melanzane e mandorle alla siciliana con crostini all'olio

Letto: {{progress}}

Pesto trapanese con pomodori, aglio, mandorle, olio e basilico

Il pesto trapanese prevede l'aggiunta dei pomodori e delle mandorle. La preparazione è simile a quella del pesto genovese, con gli ingredienti pestati nel mortaio.

Pesto trapanese

2 condivisioni 0 commenti

Il pesto trapanese ha origini molto antiche. Il luogo di nascita è il porto di Trapani dove approdavano le navi provenienti dalla Liguria.

Grazie ai marinai liguri arrivò in Sicilia la ricetta del pesto genovese con aglio, pinoli e basilico. I trapanesi, però, sostituirono i pinoli con le mandorle e aggiunsero i pomodori: nacque così il pesto trapanese.

Tradizionalmente, questo sugo si mangia con una pasta detta busiate. Si tratta di una sorta di fusillo lungo la cui forma attorcigliata si ottiene arrotolando la pasta intorno ad un bastoncino, definito buso, proveniente da una pianta della macchia mediterranea trapanese.

Al posto delle busiate si possono usare tranquillamente i fusilli, gli spaghetti, i bucatini o una pasta fresca lunga.

Prepara il pesto trapanese e condisci un bel piatto di pasta con i sapori tipici della Sicilia.

Informazioni

Ingredienti

  • Pomodori maturi 10
  • Aglio 4 spicchi
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Mandorle 60 gr

Preparazione

  1. Porta a bollore un pentolino d’acqua. Tuffa le mandorle, lasciale nella pentola per un paio di minuti, scolale e pelale sotto l’acqua corrente per non scottarti le dita.

  2. Fodera una teglia con la carta forno e tosta le mandorle per una decina di minuti a 150 gradi.

  3. Spegni il forno e trasferisci le mandorle nel bicchiere di un mixer. Azionalo e frullale finemente ma senza trasformarle in farina.

  4. Lava il basilico, disponi le foglie su un canovaccio e asciugale. Dopodiché spezzettale con le mani.

  5. Fai una croce nella parte inferiore dei pomodori con un coltello e scottali in acqua bollente per qualche minuto.

  6. Tirali fuori dall’acqua e privali della buccia tirando i lembi della croce. Taglia i pomodori sbucciati a metà, togli i semi e lasciali sgocciolare qualche minuto su una gratella.

  7. Taglia i pomodori in pezzi e pestali in un mortaio insieme al basilico, ad un pizzico di sale, ad una macinata di pepe e agli spicchi d’aglio tritati.

  8. Quando gli ingredienti sono ben amalgamati, aggiungi le mandorle e un filo d‘olio. Se non vuoi usare il mortaio, puoi amalgamare tutti gli ingredienti in un mixer. Otterrai una crema più densa e vellutata.

  9. Usa il pesto trapanese per condire la pasta. Solitamente, si aggiunge freddo alla pasta appena scolata e si completa il piatto con una manciata di pangrattato ripassato in padella con un po’ d’olio.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.