Stai leggendo: Grey's Anatomy 12x15: il commento all'episodio dove non si aspetta più

Prossimo articolo: Grey's Anatomy 12: il commento all'episodio 14, tutto sul coraggio

Letto: {{progress}}

Grey's Anatomy 12x15: il commento all'episodio dove non si aspetta più

Dopo tanto dolore, finalmente un nuovo sorriso illumina il viso di Meredith Grey, pronta ad andare avanti. Sarà l'inizio di una nuova emozionante storia d'amore?

Meredith e Will si raccontano la loro giornata mentre mangiano patatine in macchina

1 condivisione 0 commenti

Ricopriamo le ferite con nastro e garze, per proteggere la ferita, per prevenire l'infezione, per risparmiare ulteriore sofferenza al paziente. La parte difficile arriva quando dobbiamo togliere la fasciatura, perché può fare un male cane."

Quando è che si aspetta troppo, e quando invece si aspetta troppo poco? Il quindicesimo episodio di Grey's Anatomy 12 ci mette davanti a questa domanda, mostrandoci entrambi le situazioni e le conseguenze che possono avere.

La fretta è stata cattiva consigliera per Arizona. Sarebbe bastato davvero aspettare un attimo in più per evitare il casino in cui si è cacciata, ma la Robbins era davvero convinta di fare la cosa giusta. Noi avremmo preferito che si facesse gli affari suoi, proprio come le hanno detto tutti quando è corsa in cerca di comprensione per mezzo ospedale.
Che sia il tenero confronto con Callie o il parere professionale della Bailey, tutti cercano di far capire alla bionda chirurga che forse sarebbe ora di pensare un minuto in più prima di agire. L'unica che sembra offrirle empatia è Amelia, ormai esperta nel gestire situazioni nelle quali sei quella indifendibile che deve solo aspettare che il tempo passi per far aggiustare le cose.

Soffermandoci un attimo su Amelia, in questo episodio riusciamo a scorgere (finalmente) di nuovo quella persona che tanto ci piaceva nella scorsa stagione e in Private Practice. Il momento nel quale aiuta Meredith nel prepararsi per uscire con Thorpe è davvero delizioso, e il rapporto tra queste due litigiose sorelle è una dinamica interessante in grado di non annoiarci mai.

Meredith si prepara a uscire

Con questo episodio possiamo senza ombra di dubbio notare come Grey's Anatomy stia vivendo una seconda giovinezza: siamo felici di vedere Meredith lasciarsi andare. È bello rivederla vivere quei momenti di sexy leggerezza che tanto ci piacevano e ci hanno fatto compagnia nelle prime stagioni.
Dal momento nel bagno con Callie fino ai consigli contrastanti di Maggie e Alex, vediamo come la Grey analizza e metabolizza le sue paure e alle emozioni, capendo come essere una donna nuovamente in cerca di qualcosa di bello. Dopo quasi due anni di lutto è giunto davvero il momento di rimontare in sella, senza tornare ad essere la specializzanda "cupa e triste" di fronte a una felicità che non crede di meritare. Derek rimarrà per sempre nei nostri cuori, e nessuno prenderà mai il suo posto nella vita di Meredith, ma "la giostra non smette mai di girare" e come dice Alex:

C'è sempre qualcosa dopo, prima o poi. Perdiamo delle persone e ne troviamo delle altre."

Facciamo il tifo per Will. Ci sembra un uomo paziente e deciso, con quel carattere un po' presuntuoso che piace a Meredith. Sa che lei non è una donna facile, e se la gioca bene accompagnandola a casa. Thorpe è galante, Meredith sorride e noi siamo felici per lei, come se una nostra amica ci stesse raccontando di un appuntamento grandioso che ha avuto la sera prima.
Quanti di noi hanno vissuto quel momento in cui dici "devo andare" ma poi rimani un altro po' perché vorresti che la serata non finisse mai? Direi che possiamo ufficialmente chiamarlo "primo appuntamento".

Meredith al primo appuntamento con Thorpe

Ma per una storia che nasce, due stanno potenzialmente finendo. De Luca e Maggie sembrano già essere ai ferri corti dopo esser usciti allo scoperto. Nonostante Maggie sia un po' strana nel gestire le cose, anche Andrew ci sta mettendo del suo. Prima le fa pressioni per ufficializzare il loro rapporto e una volta che succede sembra non essere a suo agio nel gestire Webber e il fatto di stare con uno strutturato. Cosa si aspettava? 

Un'altra (ri)partenza promettente che sembra essere l'ennesimo passo falso è quello di Owen e Amelia. Lui la invita a casa per il compleanno, e si fa trovare ubriaco. Era già successo al primo appuntamento con Cristina, ma la Shepherd non ha la solidità e il background della Yang per affrontare una situazione del genere. È vero che Cristina era il grande amore di Owen, ma è anche vero che lei non era un ex alcolista. Non ci sentiamo davvero di biasimare Amelia per essersene andata.

Chi ci sentiamo di biasimare stavolta però è Jackson, nonostante finora avessimo fatto il tifo per lui al 100%. April si spiega per una volta in maniera matura, porge le sue scuse e parla a cuore aperto. Lui sembra capire, ma appena la vede indifesa affonda il colpo in maniera davvero poco elegante. In quel momento è April a dire basta: è il suo corpo, il suo bambino. Lui non è più suo marito, e nonostante sia il padre al momento non ha voce in capitolo. 
Jackson continua a non capire che per April l'aborto non è un opzione, anche se questo potrebbe voler dire rivivere l'inferno passato col piccolo Samuel. Non la incoraggia, non è comprensivo, e per questo la Kepner chiude tutte le porte. Il loro rapporto è ai minimi storici, a differenza della nostra voglia di vedere come si evolveranno ora le cose.

Fa male strappare quella fasciatura. Non vogliamo vedere cosa c'è sotto. Ma forse non è la paura al dolore che ci fa desistere, forse abbiamo davvero paura di vedere se la ferita è ancora aperta... o se in realtà sta guarendo."

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.