Stai leggendo: Pasta alla genovese con manzo, salame napoletano e pecorino

Prossimo articolo: Tagliatelle fresche con pesto di basilico, stracciatella e scampi

Letto: {{progress}}

Pasta alla genovese con manzo, salame napoletano e pecorino

La pasta alla genovese viene confusa spesso con la pasta con il pesto. Si tratta, invece, di un classico della cucina partenopea con pomodori, salame e carne.

Pasta alla genovese

0 condivisioni 0 commenti

La pasta alla genovese è un primo piatto napoletano, condito con un sugo a base di carne e salame.

Perché si chiama alla genovese? L’origine del nome è ancora oscura.

Secondo la leggenda più accreditata il nome sarebbe stato coniato nel periodo aragonese, quando il porto di Napoli pullulava di trattorie dirette da cuochi genovesi.

Una seconda ipotesi attribuisce la creazione del piatto ad un cuoco napoletano soprannominato “Il Genovese”. Nessuna delle due versioni però viene considerata definitiva.

Il taglio di carne migliore per questo piatto è il muscolo di manzo. Si tratta di un pezzo poco grasso e ricco di tessuti connettivali, che ha bisogno di una cottura piuttosto lunga. Servono circa due ore per fare in modo che i tessuti connettivali cedano e la carne diventi morbida.

Concediti una saporita pasta alla genovese e preparala seguendo la ricetta tradizionale qui sotto.

Informazioni

Ingredienti

  • Rigatoni 350 gr
  • Muscolo di manzo 450 gr
  • Cipolla 1
  • Carota 1
  • Costa di sedano 1
  • Olio evo q.b.
  • Sale q.b.
  • Salame napoletano 70 gr
  • Vino bianco Mezzo bicchiere
  • Pomodorini 7/8
  • Pecorino q.b.

Preparazione

  1. Trita la cipolla, le carote e il sedano. Metti in una casseruola capiente un filo d’olio e lascia soffriggere il trito di verdure.

  2. Fai a metà i pomodorini e taglia il salame e la carne in maniera grossolana. Aggiungi al trito di verdure i pomodorini, il salame, la carne e un po' d'acqua. Per il quantitativo di acqua regolati in base alla grandezza del tegame. Il liquido deve coprire completamente gli ingredienti contenuti nella pentola.

  3. Lascia cuocere per due ore, mescolando di tanto in tanto.

  4. Quando l’acqua risulta evaporata, togli la carne e mettila da parte in un piatto. Alza la fiamma e versa il vino nel tegame.

  5. Mescola fino a quando non ottieni una salsa. A questo punto immergi nuovamente la carne nel tegame.

  6. Aggiusta di sale, aggiungi un altro po’ d’acqua e fai cuocere a fuoco basso per 15 minuti.

  7. Porta a bollore dell’acqua in una pentola e tuffa i rigatoni.

  8. Scola la pasta al dente, condisci con il sugo alla genovese e servi con una abbondante spolverata di pecorino. Se non ti piace il pecorino, puoi usare tranquillamente il parmigiano grattugiato.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.