Stai leggendo: Dovremmo smettere di odiare Penelope Blake di Grey's Anatomy?

Prossimo articolo: Anche Sara Ramirez di Grey's Anatomy dice: #Svegliatitalia!

Letto: {{progress}}

Dovremmo smettere di odiare Penelope Blake di Grey's Anatomy?

Conosciuta nel momento peggiore della serie, l'abbiamo incontrata di nuovo rimanendo sconvolti dal suo arrivo. Ora che la conosciamo un po' che ne pensiamo?

Penny Blake nell'episodio Indovina chi viene a cena

580 condivisioni 125 commenti

Ogni nuova entrata in Grey's Anatomy porta un po' di scompiglio tra i medici già presenti al Grey Sloan Memorial Hospital, ma nel caso di Penny Blake possiamo tranquillamente dirlo: lei ha un po' esagerato.

L'abbiamo conosciuta nel momento più buio di tutte le dodici stagioni dello show e sì, la colleghiamo per forza di cose al momento in cui Derek ci ha lasciato. Se solo lei avesse insistito di più, se solo avesse fatto meglio il suo lavoro, se se se... un sacco di ipotesi che noi, proprio come Meredith abbiamo vagliato una per una, per capire come altrimenti sarebbe potuta andare. Come avrebbe potuto salvare Derek.

Dal suo ingresso (o meglio ritorno) in Grey's Anatomy abbiamo imparato a conoscerla meglio, a capire le sue motivazioni e anche un po' della sua storia. Oggi non è più la sconosciuta che ha ucciso Derek, ma è diventata una specializzanda meglio ricordata con la ormai iconica uscita di Meredith a cena: 

La perfetta Penny ha ucciso mio marito."

Dire che la amiamo è un parolone, e probabilmente non arriveremo mai a questo livello di apprezzamento nei confronti del suo personaggio, ma averla intorno nel nostro ospedale preferito ce la fa stare forse più simpatica... ok, forse non siamo sicuri nemmeno di questo. Meredith ha però detto che "a Derek sarebbe piaciuta", e se anche la Grey sta cercando di essere superiore nei suoi confronti forse dovremmo darle una chance anche noi. Abbiamo cercato dentro di noi le ragioni per cui potremmo arrivare a non vederla più come un'incapace specializzanda che potrebbe raccogliere l'eredità del povero George O'Malley come 007, ed ecco i 3 motivi per i quali Penny potrebbe farcela.

Non ha ucciso lei Derek
Per quanto per forza di cose sia lei il volto che associamo alla morte di Shepherd, dobbiamo ammettere che in quell'ospedale dimenticato da Dio fu l'unica a battersi per salvargli la vita. Avrebbe potuto insistere di più? Forse. Avrebbe potuto portarlo di peso a fare la TAC? Probabile. Fatto sta che nessun altro a parte lei capì la gravità della situazione e la caratura dell'uomo che ci hanno fatto perdere... quindi sì, Penny avrà ucciso Derek in un certo senso, ma sappiamo che non è stata lei la responsabile. 

Si sta difendendo bene
Ricordate quando Meredith è stata soprannominata Medusa? Già non è facile essere un suo specializzando, immaginatevi come dev'essere stare sotto di lei ed essere vista come la responsabile della morte di suo marito! Nonostante ciò Penny accetta la sfida, tiene fede alla promessa fatta a Meredith di migliorare e non vuole che nessuno parli al posto suo, nemmeno Callie. La ragazza ha molto da imparare (ammettiamo i suoi limiti in fatto di medicina, su) e sicuramente non è l'esempio lampante del carisma, ma sta pian piano facendosi valere.

Sta rendendo di nuovo felice Callie
Probabilmente è proprio l'atteggiamento di Callie a continuare a renderci insopportabile Penny, ma a quest'ultima dobbiamo dare credito di far nuovamente sorridere la Torres. Noi continuiamo a tifare Calzona (sorry Blake) ma per il momento siamo felici che la nuova specializzanda doni a Callie la serenità che si merita.

Avete ancora un po' di tempo per decidere da che parte stare nella questione Penny Blake: Grey's Anatomy torna con i nuovi episodi della dodicesima stagione da marzo in prima assoluta solo su FoxLife!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.