Stai leggendo: Gattò di patate con mozzarella, prosciutto cotto e noce moscata

Prossimo articolo: Empanadas al forno ripiene di macinato di manzo, peperoncino e spezie

Letto: {{progress}}

Gattò di patate con mozzarella, prosciutto cotto e noce moscata

I miei piatti preferiti sono quelli che mi ricordano l'infanzia, come il gattò napoletano di oggi con la mozzarella che fonde e la nota di sapore della noce moscata.

Gattò di patate

23 condivisioni 0 commenti

Una ricetta che mi mette di buonumore, perché abbondante, buona, sostanziosa e ti fa venire voglia di mangiarla.

Il gattò o gateau di patate è una delle ricette preferite di casa Maci e di mio fratello. Quando eravamo piccoli litigavamo sempre a chi ne mangiava di più.

Difficile dire se sia un antipasto, un primo o un secondo. Forse è semplicemente un piatto unico. Ed è anche un esempio di fusione fra due culture, perché è nato a Napoli ma importato da cuochi francesi (“gattò” deriva infatti da “gateau”).

Preparatelo insieme a me seguendo il mio video qui sotto. 

Informazioni

Ingredienti

  • Patate 1 kg
  • Latte 400 ml
  • Uova 2
  • Burro 60 gr
  • Mozzarella 125 gr
  • Noce moscata q.b.
  • Prosciutto cotto 50 gr
  • Parmigiano 25 gr
  • Pangrattato q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Schiacciate le patate lesse con lo schiacciapatate. Quando le patate sono raffreddate, o comunque intiepidite, aggiungete le uova intere, il parmigiano grattugiato e un pizzico di sale.

  2. Mescolate bene e poi unite il burro ammorbidito e il latte. Con il latte dovete andare un po’ ad occhio, dipende dalla qualità delle patate e da quanto sono acquose.

  3. Amalgamate bene, ma senza rendere il composto troppo cremoso: dovrà rimanere bello compatto anche quando va in cottura.

  4. Tagliate il prosciutto a dadini e uniteli al composto insieme alla mozzarella tagliata a pezzettini. Ora aggiungete noce moscata a volontà.

  5. Prendete una teglia, imburratela e passatela con il pangrattato. A questo punto versate il tutto, livellate e cospargete con il pangrattato. Infornate a 180° per 20 minuti.

  6. Lasciate riposare almeno 30 minuti prima di servire. Il giorno dopo è ancora più buono.

 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.