Stai leggendo: Gattò di patate con mozzarella, prosciutto cotto e noce moscata

Letto: {{progress}}

Gattò di patate con mozzarella, prosciutto cotto e noce moscata

I miei piatti preferiti sono quelli che mi ricordano l'infanzia, come il gattò napoletano di oggi con la mozzarella che fonde e la nota di sapore della noce moscata.

23 condivisioni 0 commenti Il voto di 31 utenti

Una ricetta che mi mette di buonumore, perché abbondante, buona, sostanziosa e ti fa venire voglia di mangiarla.

Il gattò o gateau di patate è una delle ricette preferite di casa Maci e di mio fratello. Quando eravamo piccoli litigavamo sempre a chi ne mangiava di più.

Difficile dire se sia un antipasto, un primo o un secondo. Forse è semplicemente un piatto unico. Ed è anche un esempio di fusione fra due culture, perché è nato a Napoli ma importato da cuochi francesi (“gattò” deriva infatti da “gateau”).

Preparatelo insieme a me seguendo il mio video qui sotto. 

Informazioni

Ingredienti

  • Patate 1 kg
  • Latte 400 ml
  • Uova 2
  • Burro 60 gr
  • Mozzarella 125 gr
  • Noce moscata q.b.
  • Prosciutto cotto 50 gr
  • Parmigiano 25 gr
  • Pangrattato q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Schiacciate le patate lesse con lo schiacciapatate. Quando le patate sono raffreddate, o comunque intiepidite, aggiungete le uova intere, il parmigiano grattugiato e un pizzico di sale.

  2. Mescolate bene e poi unite il burro ammorbidito e il latte. Con il latte dovete andare un po’ ad occhio, dipende dalla qualità delle patate e da quanto sono acquose.

  3. Amalgamate bene, ma senza rendere il composto troppo cremoso: dovrà rimanere bello compatto anche quando va in cottura.

  4. Tagliate il prosciutto a dadini e uniteli al composto insieme alla mozzarella tagliata a pezzettini. Ora aggiungete noce moscata a volontà.

  5. Prendete una teglia, imburratela e passatela con il pangrattato. A questo punto versate il tutto, livellate e cospargete con il pangrattato. Infornate a 180° per 20 minuti.

  6. Lasciate riposare almeno 30 minuti prima di servire. Il giorno dopo è ancora più buono.

 

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.