Stai leggendo: Marmellata di arance e cannella da mangiare con pane e formaggio

Prossimo articolo: Ricette di Natale: il tronchetto al cioccolato e crema di formaggio

Letto: {{progress}}

Marmellata di arance e cannella da mangiare con pane e formaggio

La marmellata di agrumi, come quella di arance di oggi, ha un gusto amarognolo che si adatta ad abbinamenti particolari come quelli con i formaggi e i piatti salati.

Marmellata di arance e cannella

0 condivisioni 0 commenti

La mia colazione ideale è una moka calda sul fuoco e una fetta di pane e marmellata.

Le marmellate sono buonissime e si possono fare in moltissimi modi. Sono ottime anche per accompagnare piatti salati e formaggi, abbinando frutta e spezie, come nel caso della mia marmellata Maci con l’arancia e la cannella.

In realtà la vera marmellata è a base di agrumi, come stabilito dall’Unione Europea. Tutte le preparazioni a base di frutta o persino di ortaggi (come quella di cipolla) sono confetture.

Comunque le vogliate chiamare, non rinunciate al piacere di farle in casa e tenetevi pronte per prepararle insieme a me. 

Informazioni

Ingredienti

  • Arance 2 kg
  • Zucchero 1 kg
  • Cannella 3 cucchiai
  • Acqua 1 l

Preparazione

  1. Dopo avere lavato bene le arance, pelatele a vivo ricavando gli spicchi. In questo caso non utilizzerò la buccia, ma se preferite potete sbollentarla a parte e metterla nella marmellata, oppure tenerla per altre preparazioni, come le scorze candite. Queste ultime sono buonissime immerse nel cioccolato.

  2. Tagliate gli spicchi a tocchetti e metteteli a cuocere in una casseruola con acqua e zucchero. Controllate sempre l’acqua perché non bruci il composto, nel caso aggiungetene ancora, e lasciate cuocere per due/tre ore

  3. Quando è quasi pronta, aggiungete circa tre cucchiai di cannella in polvere e mescolate.

  4. Prendete i vasetti classici per marmellate, io li faccio bollire prima perché siano sterilizzati. Riempiteli fino all’orlo quando la marmellata è bollente, chiudeteli con il coperchio e capovolgeteli, così che siano sterilizzati anche i tappi. In alternativa riempite i vasetti, chiudeteli e lasciateli bollire a bagnomaria per venti minuti, poi spegnete il fuoco e lasciate che si raffreddino nell’acqua stessa.

  5. Come capire quando la marmellata è pronta? Basta fare la prova del piattino. Prendete un piattino freddo e metteteci un po’ di marmellata. Se la marmellata non è troppo fluida e non scivola sul piatto, significa che è pronta. Io adoro che vi siano i pezzettoni di frutta, ma se preferite potete frullarla.

  6. Mi raccomando sui barattoli mettete sempre l’etichetta e segnate anche l’anno di produzione.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.