Stai leggendo: Marmellata di arance e cannella da mangiare con pane e formaggio

Letto: {{progress}}

Marmellata di arance e cannella da mangiare con pane e formaggio

La marmellata di agrumi, come quella di arance di oggi, ha un gusto amarognolo che si adatta ad abbinamenti particolari come quelli con i formaggi e i piatti salati.

Marmellata di arance e cannella

0 condivisioni 0 commenti Il voto di 54 utenti

La mia colazione ideale è una moka calda sul fuoco e una fetta di pane e marmellata.

Le marmellate sono buonissime e si possono fare in moltissimi modi. Sono ottime anche per accompagnare piatti salati e formaggi, abbinando frutta e spezie, come nel caso della mia marmellata Maci con l’arancia e la cannella.

In realtà la vera marmellata è a base di agrumi, come stabilito dall’Unione Europea. Tutte le preparazioni a base di frutta o persino di ortaggi (come quella di cipolla) sono confetture.

Comunque le vogliate chiamare, non rinunciate al piacere di farle in casa e tenetevi pronte per prepararle insieme a me. 

Informazioni

Ingredienti

  • Arance 2 kg
  • Zucchero 1 kg
  • Cannella 3 cucchiai
  • Acqua 1 l

Preparazione

  1. Dopo avere lavato bene le arance, pelatele a vivo ricavando gli spicchi. In questo caso non utilizzerò la buccia, ma se preferite potete sbollentarla a parte e metterla nella marmellata, oppure tenerla per altre preparazioni, come le scorze candite. Queste ultime sono buonissime immerse nel cioccolato.

  2. Tagliate gli spicchi a tocchetti e metteteli a cuocere in una casseruola con acqua e zucchero. Controllate sempre l’acqua perché non bruci il composto, nel caso aggiungetene ancora, e lasciate cuocere per due/tre ore

  3. Quando è quasi pronta, aggiungete circa tre cucchiai di cannella in polvere e mescolate.

  4. Prendete i vasetti classici per marmellate, io li faccio bollire prima perché siano sterilizzati. Riempiteli fino all’orlo quando la marmellata è bollente, chiudeteli con il coperchio e capovolgeteli, così che siano sterilizzati anche i tappi. In alternativa riempite i vasetti, chiudeteli e lasciateli bollire a bagnomaria per venti minuti, poi spegnete il fuoco e lasciate che si raffreddino nell’acqua stessa.

  5. Come capire quando la marmellata è pronta? Basta fare la prova del piattino. Prendete un piattino freddo e metteteci un po’ di marmellata. Se la marmellata non è troppo fluida e non scivola sul piatto, significa che è pronta. Io adoro che vi siano i pezzettoni di frutta, ma se preferite potete frullarla.

  6. Mi raccomando sui barattoli mettete sempre l’etichetta e segnate anche l’anno di produzione.

Vota la ricetta

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.