Stai leggendo: Gnocchi di semolino alla romana in crosta di parmigiano croccante

Prossimo articolo: Gnocchi di patate con vongole e cime di rapa

Letto: {{progress}}

Gnocchi di semolino alla romana in crosta di parmigiano croccante

Gli gnocchi alla romana sono uno di quei classici piatti da pranzo della domenica a casa della nonna: hanno infatti tutto il sapore delle cose buone di una volta!

Gnocchi di semolino al forno con parmigiano

0 condivisioni 0 commenti

Gli gnocchi di semolino alla romana hanno poco a che vedere con Roma. Sembra, infatti, che l’origine sia nordica, come testimonierebbe l’uso abbondante del burro e del parmigiano. Probabilmente, è stata tutta colpa di uno scambio di vocali e gli gnocchi alla romena sono diventati alla romana per un banale errore di trascrizione.

A differenza degli gnocchi tradizionali, quelli romani non richiedono le patate ed hanno la caratteristica forma di un dischetto. L’impasto a base di semolino, latte, uova e burro va preparato con un po’ di anticipo in modo da semplificare la lavorazione successiva. La cosa positiva è che se ne possono preparare in grande quantità, perché la conservazione in congelatore non ne rovina né la consistenza né il sapore.

Prova i piatti della tradizione regionale e prepara un bel pranzo con gli gnocchi di semolino alla romana in crosta di parmigiano croccante.

Informazioni

Ingredienti

  • Semolino 200 gr
  • Latte 800 ml
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Uova 2
  • Parmigiano reggiano 150 gr
  • Burro 100 gr

Preparazione

  1. Porta a bollore il latte in una pentola. Sala senza esagerare e comincia a versare il semolino a pioggia, mescolando con un cucchiaio di legno o con una frusta. Questo passaggio è molto delicato. Non smettere mai di mescolare, altrimenti potrebbero formarsi dei grumi.

  2. Mescola per circa 20 minuti incorporando anche metà del burro a disposizione. Spegni il fornello quando avrai ottenuto una sorta di polenta.

  3. Versa nella pentola un primo tuorlo, mescola per amalgamare e poi versa il secondo tuorlo e metà del formaggio grattugiato. Aromatizza con un pizzico di pepe e mescola per bene. Il composto ha raggiunto la giusta consistenza quando mescolando tende a staccarsi dai bordi della pentola.

  4. Versa il composto su una superficie liscia come un ripiano in marmo. Prima di versare l’impasto, inumidisci la superficie di lavoro con un po’ d’acqua per evitare che il semolino si attacchi. Se non disponi di un piano in marmo, prendi una teglia e della carta da forno. Passa la carta sotto l’acqua, strizzala e stendila sulla teglia. Versa il semolino e ripeti la stessa operazione con un secondo foglio di carta da forno che metterai sopra l’impasto.

  5. Lascia riposare l'impasto per circa 3 ore. Se non hai molto tempo a disposizione, puoi lavorare il semolino non appena si sarà raffreddato. 

  6. Stendi il semolino ormai freddo con un matterello. Lo strato di semolino dovrebbe avere lo spessore di 1 centimetro.

  7. Prendi un coppapasta e ottieni tanti dischetti del diametro di 5 centimetri. In mancanza di un coppapasta, puoi usare un bicchiere capovolto.

  8. Fondi il burro restante in un pentilo e ungi una pirofila o un tegame in ceramica. Disponi gli gnocchi sovrapponendoli leggermente e condiscili con il resto del burro fuso. Spolvera con abbondante parmigiano e metti in forno a 180 gradi per circa 20 minuti.
    Gi gnocchi sono pronti quando la crosta di formaggio acquista un invitante colore dorato.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.