Stai leggendo: Salmone in crosta di pistacchi e nocciole con patatine al burro

Prossimo articolo: Mini paella di fregola con salsa alle spezie e crostacei gratinati

Letto: {{progress}}

Salmone in crosta di pistacchi e nocciole con patatine al burro

Il salmone in crosta è un piatto da ristorante facile da preparare anche per un cuoco casalingo, basta adottare qualche piccolo accorgimento per la cottura in forno.

Salmone in crosta con patatine

0 condivisioni 0 commenti

Il salmone in crosta di pistacchi e nocciole è un secondo delizioso che conquista il palato in due fasi distinte. Si avverte prima la consistenza croccante e saporita della panatura e poi quella morbida e avvolgente del salmone.

Il segreto di questo piatto è nella cottura in forno. Il salmone è un pesce dalla carne morbida e grassa che tende a diventare subito secca. Per preservarne la morbidezza naturale non andrebbe mai eliminata la pelle perché aiuta a trattenere i liquidi durante la cottura, mantenendo la carne umida. Un altro fattore determinante è la temperatura del forno, che dovrebbe essere compresa tra 175 e 190 gradi. Per regolarsi bisogna tenere in considerazione le dimensioni dei filetti: quelli più piccoli necessitano di temperature più basse, mentre quelli più grandi necessitano di temperature più alte.

Organizza una cena in stile nordico e prepara li salmone in crosta di pistacchi e nocciole con contorno di patatine al burro.

Informazioni

Ingredienti

Per il salmone

  • Salmone 4 filetti
  • Pistacchi 30 gr
  • Nocciole 30 gr
  • Salvia 5/6 foglie
  • Pangrattato q.b.
  • Olio extra vergine d'oliva q.b.
  • Sale q.b.

Per le patatine al burro

  • Patate 600 gr
  • Burro 30 gr
  • Olio extra vergine d'oliva q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Tagliuzza le foglie di salvia. Trita i pistacchi e le nocciole in maniera grossolana con un mixer. Non ridurli in una farina sottile, la crosta risulta molto più buona e croccante quando la frutta secca rimane parzialmente integra. Mescola insieme in un piatto piuttosto ampio la salvia, i pistacchi, le nocciole e il pangrattato.

  2. Prendi i filetti di salmone, salali e cospargili di olio con un pennello alimentare in modo da fare aderire più facilmente la panatura. Per una buona riuscita del piatto, i filetti dovrebbero avere un'altezza di almeno 2 centimetri. 

  3. Passa i filetti nel pangrattato e infornali in una pirofila ricoperta con della carta da forno. Lascia cuocere per circa 20/25 minuti a 180 gradi.

  4. Sbuccia le patate, tagliale a bastoncino e mettile in ammollo per 20 minuti in una ciotola con acqua e sale. Al termine dei 20 minuti, passale sotto l’acqua corrente e asciugale con della carta assorbente. Questa accortezza serve per eliminare l’amido in eccesso e per ottenere delle patate più croccanti.

  5. Metti in una padella l’olio e il burro. Quando l’olio è caldo e il burro completamente sciolto, immergi le patate e lasciare friggere fino a quando non acquistano un bel colore dorato. Estraile con una schiumarola e adagiale su un piatto ricoperto da un foglio di carta assorbente. Porta in tavola il salmone e le patate ben caldi. Sala le patate solo al momento di servire.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.