Stai leggendo: La marmellata di fichi preparata in casa con la ricetta tradizionale

Prossimo articolo: Le ricette di Natale: Pandolce Genovese integrale

Letto: {{progress}}

La marmellata di fichi preparata in casa con la ricetta tradizionale

La marmellata di fichi è facile da preparare, buona e versatile. I fichi migliori per la confettura sono quelli bianchi che maturano tra agosto e settembre.

Marmellata casalinga di fichi

0 condivisioni 0 commenti

La marmellata di fichi preparata secondo la ricetta tradizionale è delicata e gustosa. I fichi devono essere maturi, ma non troppo. Prima di iniziare la preparazione conviene sempre assaggiarne uno. Se i fichi sono molto maturi, si può diminuire la quantità di zucchero.

In realtà, il fico contiene molta pectina e quindi ha bisogno di meno saccarosio o fruttosio per addensarsi. Durante la cottura cioè si sfalda facilmente dando vita ad un composto denso ed omogeneo. Per ottenere la marmellata non c’è bisogno di aggiungere la pectina in gel o di aumentare troppo la dose di zucchero. La marmellata di fichi, quindi, non solo è buona, ma è anche poco calorica!

Cosa aspetti? Prepara in casa la marmellata di fichi con la ricetta tradizionale e usala per addolcire al mattino le fette biscottate o per farcire deliziose crostate.

Informazioni

Ingredienti

  • Fichi 2 kg
  • Zucchero 500 gr
  • Limoni 2

Preparazione

  1. Sbuccia i fichi e tagliali in pezzi grossolani con un coltello. Pela a vivo i limoni, tritane la buccia e spremi la polpa. In una ciotola, mescola i fichi, con la buccia e il succo dei limoni.

  2. Versa in una pentola lo zucchero e mezzo bicchiere d’acqua. Fai sciogliere lo zucchero a fuoco basso e quando arriva a bollore aggiungi i fichi. Fai cuocere per circa 40 minuti, schiumando spesso con una schiumarola. Durante la cottura, mescola dolcemente con un cucchiaio di legno per fare in modo che lo zucchero non si depositi sul fondo della casseruola.

  3. Sterilizza i vasetti in vetro con i rispettivi coperchi facendoli bollire in acqua per circa 30 minuti. A fine sterilizzazione, mettili ad asciugare capovolti su un canovaccio.

  4. Quando la marmellata risulta ben addensata, spegni il fornello e riempi i barattoli. Per essere sicura della cottura, fai la prova del piattino. Metti cioè un cucchiaio di marmellata su un piattino freddo di freezer e verifica la consistenza inclinando il piattino. Se la marmellata scivola facilmente, vuol dire che è ancora liquida e necessita di tempi di cottura più lunghi.

  5. Riempi i barattoli fino a circa 2 centimetri dal bordo e conserva in un luogo asciutto e fresco. Una volta aperta, la marmellata andrebbe tenuta in frigorifero e consumata entro 15/20 giorni.

 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.