Stai leggendo: Fiori di zucca fritti in tempura: cucina giapponese e italiana in tavola

Prossimo articolo: Crostatina di avena con zucca e pistacchio

Letto: {{progress}}

Fiori di zucca fritti in tempura: cucina giapponese e italiana in tavola

Hai mai pensato che il fritto può essere anche leggero? Certo, se preparato con la tecnica della tempura giapponese. Ecco come fare dei fiori di zucca fritti.

Fiori di zucca fritti in pastella

20 condivisioni 0 commenti

La tempura giapponese è conosciuta in tutto il mondo come la frittura più leggera che esista, il trucco sta tutto nello shock termico: la pastella molto fredda preparata con ghiaccio e acqua frizzante quasi gelata, contrasta con le temperature bollenti dell'olio. Lo sbalzo di temperatura porterà ad avere un involucro fritto molto croccante, leggero e che assorbirà poco olio.

La tempura giapponese utilizza farina di riso e uovo, ma è riproponibile anche a casa con pochi ingredienti (come l'acqua gasata e la birra) e qualche accorgimento in più.

Ecco come preparare dei fiori di zucca fritti in tempura davvero squisiti!

Informazioni

Ingredienti

  • Fiori di zucca 30
  • Farina 00 200 gr
  • Sale q.b.
  • Ghiaccio 20 cubetti
  • Olio extra vergine d'oliva q.b.
  • Birra 1/2 bicchiere
  • Acqua frizzante 350 ml

Preparazione

  1. Lava con cura i fiori di zucca sotto il getto dell'acqua facendo attenzione a non rovinarli. Poggiali su un canovaccio e lasciali asciugare.

  2. Prendi due bowl in vetro, nella prima i metti i cubetti di ghiaccio sui quali riporrai la seconda bowl per ottenere una pastella davvero fredda. A questo punto, nella seconda, metti la farina ed unisci pian piano, mentre mescoli, l'acqua frizzante molto fredda. Continua a mescolare. Aggiungi la birra e mescola bene sino ad ottenere un composto omogeneo, né troppo liquido, né troppo denso.  

  3. Metti nella padella l'olio per friggere ed intanto che raggiunge la temperatura, impana i fiori di zucca nella pastella. Friggi i fiori di zucca e riponili in un pianto con carta assorbente, dopodiché salali e servi!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.