Stai leggendo: La prelibata anatra all’arancia toscana sfumata con il Grand Marnier

Prossimo articolo: Come fare la limonata in casa: segreti e benefici del succo di limone

Letto: {{progress}}

La prelibata anatra all’arancia toscana sfumata con il Grand Marnier

L’anatra all’arancia fiorentina è caratterizzata da profumi e sapori agrumati. Il segreto è la sfumatura con il Grand Marnier, cognac con essenza di arancia.

Anatra all'arancia con crema

13 condivisioni 0 commenti

L’anatra all’arancia è ritenuta a torto una ricetta francese. Si tratta, invece, di un secondo di origine fiorentina, nato probabilmente dall’usanza di conservare l’anatra con il succo degli agrumi. Lo squisito piatto fu esportato in Francia ai tempi del matrimonio di Caterina De Medici, diventando poi un simbolo della cucina francese.

L’anatra all’arancia ha un sapore molto delicato e un profumo inebriante ottenuto con l'aggiunta di succo d’arancia e di Grand Marnier o brandy.

A differenza di quanto si crede, non è un piatto eccessivamente grasso. La carne d’anatra non è certo magra, ma la maggior parte dei grassi si concentra nella pelle. Per ridurre dunque l’apporto calorico di questo piatto, basta eliminare la pelle e fare rosolare per bene la carne. Il grasso eliminato non va però buttato, si potrebbe infatti utilizzare come condimento in sostituzione del burro.

Scopri come preparare in casa una prelibatezza da buongustai come l’anatra all’arancia.

Informazioni

Ingredienti

  • Anatra 1
  • Aglio 1 spicchio
  • Rosmarino 1 rametto
  • Salvia 6/7 foglie
  • Burro 100 gr
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Grand Marnier 1 bicchierino
  • Arance 3
  • Brodo di carne 150 ml

 

Preparazione

  1. Fondi il burro a fuoco lento in un tegame. Quando il burro e fuso, metti l’anatra e lasciala rosolare da un lato e dall’altro. Aggiusta di sale e pepe e continua a farla rosolare senza aggiungere altri condimenti. Naturalmente, l'anatra deve essere stata già pulita ed eviscerata dal macellaio. 

  2. Quando la rosolatura è completata, sfuma con il Grand Marnier abbassando la fiamma. Questo passaggio è abbastanza delicato e, per evitare incidenti, la fiamma va sempre abbassata. A sfumatura completata, aggiungi il vino bianco e quando sobbolle versa il brodo.

  3. Aromatizza l’anatra con uno spicchio d’aglio, un rametto di rosmarino e qualche foglia di salvia. Porta ad ebollizione l’anatra e continua poi la cottura a fuoco basso per 15 minuti.

  4. Spremi un’arancia e spennellane un po’ sull’anatra con un pennello alimentare. Taglia la scorza dell’arancia a fiammiferi sottili e mettili in pentola insieme all’anatra. Cuoci coprendo il tegame con un coperchio, preferibilmente senza sfiato.

  5. Continua la cottura per circa un’ora, controllando di tanto in tanto che il liquido non sia troppo asciutto e spennellando sempre con un po’ di succo d’arancia.

  6. Pela a vivo le due arance restanti, eliminando sia la buccia che la parte bianca amarognola, e taglia una serie di spicchi.

  7. Al termine della cottura, disponi l’anatra su un piatto e filtra il liquido di cottura con un colino. Versa il liquido in un pentolino e accendi il fornello a fuoco basso. Aggiungi un cucchiaio di farina e mescola fino ad ottenere una crema densa.

  8. Prendi un piatto da portata, disponi sul fondo gli spicchi d’arancia tagliati a vivo e adagia sopra l’anatra. Porta in tavola l’anatra intera, l’effetto visivo è molto bello. Per servire le diverse porzioni, stacca le cosce con un’apposito coltello, eliminando o meno la pelle a seconda dei tuoi gusti, taglia il petto, spellalo e riducilo in filetti. Solo a questo punto, metti i singoli pezzi nei piatti insieme alle fette di arancia e alla crema.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.