Stai leggendo: Polpo alla Luciana e composta di patate all'olio

Prossimo articolo: Branzino e tronchetto di melanzana con colatura di provola

Letto: {{progress}}

Polpo alla Luciana e composta di patate all'olio

Quando la tradizione culinaria si sposa con l'originalità, il risultato è superlativo. Antonino Cannavacciuolo rivisita il polpo alla Luciana e lo fa con le patate.

187 condivisioni 0 commenti

Il polpo alla Luciana è un cavallo di battaglia della cucina tipica partenopea. Un secondo piatto di pesce che unisce il sapore unico del polpo con il pomodorino fresco, leggermente dolce, che insieme all'oliva nera e al cappero crea un incrocio di gusto sublime.

In questa ricetta il polpo è servito su una delicata composta di patate all'olio che armonizza ed esalta il sapore del mollusco.

Per ottenere un buon risultato dell'esecuzione di questo piatto bisogna armarsi di pazienza, perché la difficoltà non è nella preparazione ma nei tempi di cottura. Quindi dovrai saper aspettare
Per ridurre il tempo potrai utilizzare polpi più piccoli rispetto a quelli utilizzati nel video, che cuoceranno più velocemente. 

Informazioni

Ingredienti

  • Polpo 3 grandi
  • Peperoncino 1
  • Aglio 1 spicchio
  • Prezzemolo 1 mazzetto di gambi
  • Sale fino q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio extravergine d'oliva q.b.
  • Patata 2
  • Acqua bollente 2 o 3 mestoli
  • Passata di pomodoro 500 gr

 

Preparazione

  1. Prendi una padella e riscalda con dell'olio extra vergine di oliva, aggiungi uno spicchio d'aglio privato dell'anima interna, un mazzetto composto da gambi di prezzemolo e anche un peperoncino. Rosola bene. 

  2. Appena i sapori del soffritto si saranno ben uniti, aggiungi il polpo e continua la cottura a fuoco lento.   

  3. Aspetta che i tentacoli del mollusco si arriccino, togli l'aglio e sfuma con del vino rosso.

  4. Lascia che evapori l'alcol e unisci la passata di pomodoro e il pepe. Abbassa poi la fiamma, aggiungi un paio di mestoli di acqua bollente e metti il coperchio.

  5. Per preparare la composta di patate all'olio prendi una patata e lessala in una pentola con dell'acqua salata.

  6. Appena la patata avrà raggiunto la giusta cottura, privala della buccia e mettila in uno schiacciapatate. Prendi poi una padella, aggiungi il composto appena ottenuto con un pizzico di sale e una spolverata di pepe.

  7. Gira tutto energicamente con un cucchiaio, aggiungi l'olio a filo e impiatta.

 

La decorazione è semplice ma ad impatto: per realizzare la quenelle dovrai munirti di due cucchiai uguali e lavorare la composta di patate finché non avrai ottenuto la forma di una polpettina allungata.
Per dare un tocco in più puoi decorare il piatto utilizzando dei germogli di basilico, che si sposano bene con il pomodoro.

Se non possiedi uno schiacciapatate potrai utilizzare anche una forchetta per rompere la patata ma lo dovrai fare accuratamente, evitando che rimangano dei pezzi non schiacciati. Il segreto della ricetta, dopo tutto, è racchiuso in pochi piccoli gesti. 

Puoi abbinare questo piatto ad un Greco di Tufo dalle note secche, che ben si armonizza la combinazione degli ingredienti. 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.