Stai leggendo: Il pesto genovese

Prossimo articolo: Pesto alla Genovese con frullatore in versione pugliese 2.0

Letto: {{progress}}

Il pesto genovese

Ecco come realizzare in casa un ottimo e sano pesto genovese, molto gustoso e dalla fragranza unica e inconfondibile, secondo l'ufficiale e tradizionale ricetta ligure che prevede metodo ed ingredienti specifici per la sua preparazione.

0 condivisioni 0 commenti

Il pesto genovese è una tra le ricette più amate e rappresentative ed è al secondo posto tra le salse più vendute al mondo.

E' una salsa a freddo che non deve assolutamente essere scaldata, ma si rende cremosa e più morbida semplicemente aggiungendo un poco di acqua di cottura della pasta, che essendo ricca di amido, rende facile l'amalgama con la pasta stessa.

Gli ingredienti da utilizzare sono quelli elencati più avanti e alle dosi indicate, con una possibile variante: al posto dei pinoli si possono usare gherigli di noci alle medesime dosi.

Per realizzare la salsa è consigliato il mortaio in quanto le foglie di basilico non vengono stressate ma schiacciate delicatamente con un movimento a rotazione del pestello che permette alle foglie di rilasciare lentamente l'olio essenziale in esse contenuto e dona al pesto il suo bouquet unico e prelibato.

In mancanza del mortaio, si può usare un frullatore che va tenuto un paio d'ore nel frigorifero prima dell’utilizzo: gli ingredienti vanno poi lavorati alla più bassa velocità ed azionando il mixer a brevi scatti per evitare che il basilico si stressi surriscaldandosi ed annerisca.

Informazioni

Preparazione

  1. Lava delicatamente le foglie di basilico sotto acqua fredda e poi disponile sopra un panno da cucina pulito lasciandole asciugare.

  2. Metti nel mortaio gli spicchi di aglio pelato e qualche grano di sale grosso. Inizia a lavorare con il pestello gli ingredienti finchè non avrai ottenuto una crema.

  3. A questo punto unisci i pinoli e pestali in modo che si amalgamino alla crema di aglio.

  4. Adesso è il momento di aggiungere le foglioline di basilico, poche alla volta, e lavorarle nel mortaio con un delicato e regolare moto rotatorio.

  5. Una volta esaurite tutte le foglie, iniziare ad inserire i formaggi poco alla volta cominciando con il parmigiano reggiano e di seguito il pecorino sardo, continuando a lavorarli fino ad amalgamarli completamente al resto degli ingredienti

  6. E' arrivato il momento di versare a filo l'olio extravergine di oliva lavorando con il pestello finchè la salsa raggiungerà una consistenza cremosa ed omogenea.

  7. Il pesto genovese è pronto e può essere utilizzato per condire trenette o trofie: regalerà al tuo piatto di pasta sapore e fragranze prelibate.

    Buon appetito!!!

Ingredienti

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.