Stai leggendo: Revenge: la redenzione finale di Daniel

Prossimo articolo: Patrick Dempsey: le prime immagini dal set della serie TV La verità sul caso Harry Quebert

Letto: {{progress}}

Revenge: la redenzione finale di Daniel

I produttori dello show spiegano perché Daniel Grayson doveva lasciarci.

0 condivisioni 0 commenti

A un certo punto viene da chiederselo: quanto ancora verrà sacrificato a causa della vendetta di Emily Thorne? La conta dei morti si fa sempre più importante a ogni stagione, e il ciclo di violenza che si è abbattuto sugli Hamptons da quattro anni a questa parte sembra non essere destinato a terminare.

Gli sceneggiatori di Revenge, in onda ogni venerdì alle 21.50 in prima assoluta su FoxLife, non si fanno certamente problemi a sacrificare i personaggi più amati. niente e nessuno è al sicuro quando c’è di mezzo Emily Thorne.

-- Potrebbe interessarti anche: La Margaux Furiosa --

Con l’ultima, tragica perdita, abbiamo dovuto dire addio a Daniel: uno dei capisaldi dello show, che nonostante avesse intrapreso una strada oscura, alla fine ha fatto prevalere la luce che ce lo aveva fatto amare sin dal primo episodio. Ecco come Sunil Nayar, showrunner della serie, ha spiegato la fine del giovane Grayson:

A maggio, mentre facevamo colazione insieme, io e Josh siamo finiti a parlare del percorso del suo personaggio: Daniel ha iniziato il suo viaggio nella completa innocenza, per poi diventare un personaggio sempre più oscuro. Volevamo essere sicuri di fare qualcosa di grandioso per la pausa di dicembre, quindi abbiamo pensato a un modo per far redimere il suo personaggio, facendolo morire in modo eroico.”

 

"Volevamo al tempo stesso nobilitare la sua figura agli occhi del pubblico e mostrare un aspetto più umano di Emily, senza perdere l’opportunità di stupirvi. C’è stata una grandissima collaborazione. Ci siamo un po’ preoccupati, perchè si trattava di un personaggio principale ed inoltre lui è un fantastico attore con cui lavorare. Dopo la dipartita di Conrad ed Aiden, volevamo fare il possibile per tenere il pubblico sulle spine, facendo in modo che si domandasse cosa stesse per accadere, direi che con la morte di Daniel ci siamo riusciti.”

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.