Stai leggendo: Grey’s Anatomy 11: il commento all’episodio 15

Prossimo articolo: Outlander 3: recensione di La prima moglie, l'ottavo episodio

Letto: {{progress}}

Grey’s Anatomy 11: il commento all’episodio 15

Chi è lei? Chi è quella lei che risponde al telefono di Derek quando chiama Meredith?

0 condivisioni 0 commenti

“L’amore in forse”. Ecco qual è il filo conduttore di questa puntata di Grey’s Anatomy.

Un “amore in forse” per Maggie Pierce che tentenna di fronte alle avance del bel radiologo, facendosi un’infinità di problemi per dire di sì alla sua proposta di uscire. Chiacchiere e chiacchiere con Callie che nascondono semplicemente una grande paura di buttarsi in qualcosa, preferendo rimanere chiusa nel suo guscio sicuro.

Un “amore in forse” anche per Amelia e Owen: sarà solo un incredibile flash di passione o una base per qualcosa di più? Noi propendiamo per la seconda soluzione. Owen non è certo un uomo da una notte e via e Amelia quella fase ormai l’ha superata da tempo. Entrambi hanno bisogno di qualcosa di solido. Ci sembra anche non un caso che Shonda Rhimes abbia inserito in questa puntata una bambina in modo da permettere a Owen di calarsi un po’ nelle vesti di “padre” [un filo esagerata questa storia, eh… la bambina che fa uno pneumotorace alla madre, al buio, seguendo istruzioni per telefono è degna di Doug Ross che faceva una tracheotomia con una penna Bic in mezzo a un fiume ai tempi di E.R. Medici in Prima Linea].

Quante di voi, #MalateDiGreys avete pensato che sarebbe bello vedere quei due farsi una famiglia? A questo proposito vorremmo anche tirare un po’ le orecchie a Shonda. Come “prima volta” per Amelia e Owen avremmo voluto qualcosa di più tenero e romantico, non la solita sveltina nello stanzino del medico di guardia!

Ma il vero “amore in forse” è quello tra Meredith e Derek. Come nelle montagne russe, quello che ci fanno credere, scena dopo scena, è di essere all’apice della loro storia e subito dopo al punto più di basso: in queste puntate con loro è tutto e il contrario di tutto.

Quando lei ha cominciato il suo monologo con Karev, su come non abbia più bisogno di Derek, un po’ abbiamo tremato. Perché è vero che, professionalmente parlando, un po’ di assenza di Derek non può farle che bene, per togliersi dalla sua ombra (nonostante Cristina glielo avesse ricordato: “non è lui il sole. Il sole sei tu”), ma come può metterlo da parte in questo modo? Per fortuna ci fa capire subito cosa intende.

E poi… succede. Succede quello che potrebbe essere un vero e proprio finimondo. Quello che potrebbe mandare a monte qualunque matrimonio, qualunque fidanzamento o piccola storiella. Tu chiami al telefono di lui e risponde una lei. Una lei che sta zitta e poi mette giù. E comincia il tormento, il disagio, che forse in un attimo diventa rabbia e disperazione. Chi è lei? Chi è lei? Come si permette di rispondere al telefono? Chi è lei?

Siamo certi che molte di voi avranno guardato il proprio partner con sospetto dopo questa scena. Perché se Derek Shepherd è colpevole di qualcosa, allora qualunque uomo sulla faccia della terra può essere colpevole.

Chi è lei? Questa domanda ci tormenterà fino a lunedì prossimo. Grey’s Anatomy, in prima assoluta su FoxLife ogni lunedì alle 21.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.